/ VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il v...

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele
 

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale

Nel corso dell'intervista concessa alla giornalista Amy Goodman per il programma televisivo 'Democracy Now', Norman Finkelstein, noto politologo e storico statunitense autore del libro 'L'Industria dell'Olocausto', nel quale si denuncia lo sfruttamento dell'olocausto da parte degli ebrei statunitensi per fini politici ed economici, pur essendo figlio di sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, ritiene che il potere del primo ministro israeliano Netanyahu sia ancora intatto e rappresenti il vero volto dello stato di Israele, nonostante le politiche razziste e gli scandali sulla corruzione.
 
Amy Goodman: Volevo farti una domanda su Benjamin Netanyahu e sulle indagini di corruzione che lo riguardano. Naturalmente, Benjamin Netanyahu ha recentemente parlato della sua stretta relazione con i Kushners, che ha dormito nella stanza di Jared Kushner quando ha visitato gli Stati Uniti quando era ancora un ragazzo.
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu affronta una controversia politica interna dopo che un canale televisivo israeliano ha trasmesso una registrazione audio segreta di suo figlio a uno strip club nel 2015. Nella registrazione, Yair Netanyahu ha parlato prostitute, chiedendo soldi al figlio di un magnate del gas israeliano. Yair sottintese che suo padre, il primo ministro Netanyahu, aiutò a per un affare da 20 miliardi di dollari a beneficio dell'uomo d'affari, dicendo: "Mio padre ha organizzato 20 miliardi di dollari per il tuo e battibecchi per 400 shekel [120 dollari]? In un momento in cui il primo ministro Netanyahu sta affrontando molteplici indagini sulla corruzione.
 
A settembre, Yair Netanyahu è stato al centro di un'altra vicenda controversa pubblicando una caricatura antisemita su Facebook. I suprematisti bianchi, tra cui l'ex leader del Klan David Duke, Yair Netanyahu si sono congratulati per la pubblicazione di una foto del miliardario George Soros sulla cima di una catena alimentare, penzoloni di fronte al mondo e un rettile di fronte all'ex primo ministro Ehud Barak, un frequente critico di suo padre, Benjamin Netanyahu. Successivamente, David Duke si è congratulato con lui su Twitter. È una storia sconcertante, riportata da Slate e altri media.
 
Puoi dirci cosa sta succedendo ora? Le indagini sulla corruzione mettono a rischio Netanyahu? E che mi dici di suo figlio?
 
Norman Finkelstein: Bene, passerò brevemente all'ultimo punto e poi passerò al nocciolo della questione, che ritengo sia il cuore delle domande che poni. La relazione tra suo figlio e Netanyahu, tra Yair [Netanyahu] e suo padre, Benjamin Netanyahu, è molto simile a quella tra Jared e Donald Trump. Sono individui privilegiati, corrotti e insignificanti.
 
Ma la domanda che hai posto sulla corruzione in generale è una domanda interessante. Non sei anziana come me, ma puoi tornare abbastanza lontano (nella tua memoria) per ricordare che durante la nostra gioventù, Israele era molto austero. Era un posto semplice e relativamente "onesto". È questa l'immagine di Israele che rimane nelle menti di molti ebrei americani, ad esempio, che hanno oltre 50 anni. E così, al momento, se si prende, per esempio, negli anni '70, Yitzhak Rabin, che era il primo ministro, ha dovuto lasciare il suo posto. Fu costretto a dimettersi perché sua moglie aveva aperto un conto in banca - un semplice conto bancario - negli Stati Uniti.
E a quanto pare, non c'erano nemmeno soldi su questo conto, se non ricordo male. Ma al giorno d'oggi, è solo uno scandalo dopo un altro scandalo dopo un altro scandalo dopo un altro scandalo. E ciò che è notevole è che in realtà non influisce sulla posizione di Benjamin Netanyahu. Nonostante una serie di scandali, è rimasto al potere per un periodo notevolmente lungo.

 
La domanda è: perché? E penso che la risposta sia questa: perché, piaccia o no, è il vero volto di Israele. È un individuo spregevole, un razzista, un suprematista ebreo. E questo è il modello  per l'intera popolazione. Ora, non sto dicendo che è nel loro DNA. Non sto dicendo che è genetico. Ma lo stato di Israele è degenerato in qualcosa di veramente straziante. Ed è ...
 
Amy Goodman: Aspetta, questo non è chiaramente il caso per l'intera popolazione. Ci sono molti critici. C'è un movimento per la pace.
 
Norman Finkelstein: Beh, no, direi ... Sai, Amy, mi piacerebbe che fosse così. Mi piacerebbe che fosse così. Ma se chiedi alla critica se stessa, se chiedi un Gideon Levy, un Amira Hass, ...
 
Amy Goodman: che scrive per Haaretz.
 
Norman Finkelstein: Sì. Se fai la domanda a B'Tselem, a ...
 
Amy Goodman: il gruppo per i diritti umani.
 
Norman Finkelstein: Sì. (Se fai la domanda a) Break the Silence, il gruppo di soldati, ti diranno che non rappresentano nessuno. Ti diranno che non rappresentano più nessuno. C'è stato un periodo in cui rappresentavano almeno un fattore nella vita israeliana. Ma questo non è più il caso. E il fatto che Benjamin Netanyahu rimanga al potere, nonostante la successione di scandali, mostra quanto questa società sia degenerata.
Mi sembra che Gideon Levy, l'editorialista, abbia fatto un commento l'altro giorno che ho trovato molto interessante. Ha detto: gli israeliani vedono un ragazzo su una sedia a rotelle - ha perso entrambe le gambe - a Gaza. Sta tenendo una bandiera. Gli sparano proprio tra gli occhi, un cecchino. Tutti lo vedono in video. Dice che nessun israeliano ha mai avuto importanza. Poi un altro bambino viene ucciso. In questo caso, il secondo caso, un bambino viene ucciso. Una terza persona viene uccisa. A tutti non importa. Ma c'è una cosa di cui gli israeliani si preoccupano: la ragazza, Ahed Tamimi, ha schiaffeggiato un soldato israeliano. Questo causa l'isteria. Come un palestinese osa schiaffeggiare un soldato israeliano? Ma atrocità quotidiane ...
 
Amy Goodman: Ricordiamo che ha schiaffeggiato il soldato dopo che suo cugino di 14 anni è stato colpito al volto da vicino dai soldati israeliani, e stava appena uscendo dal coma.
 
Norman Finkelstein: E vivere sotto l'occupazione, vivere attraverso la devastazione, caos nella vostra casa, il vostro quartiere, questi soldati che ti molestano continuamente, è prepotenza, intimidazione, minaccia. Ma l'unica domanda per Israele è: come questa ragazza osa schiaffeggiare un soldato? Per quanto riguarda gli (palestinesi) uccisi, non hanno importanza. [...]


 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://www.democracynow.org
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: AVN/Correo del Orinoco

Venezuela, Maduro al contrattacco: «Se Trump mi definisce dittatore per me è un elogio»

Il presidente intervistato dal documentarista cileno Marco Enrique Ominami ha inolte spiegato che il Venezuela è «in piena ondata di rinnovamento, di cambiamenti necessari, di costruzione di una nuova società, di un nuovo modello sociale e, soprattutto, una nuova economia»

di Fabrizio Verde   Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro Moros,...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia esorta alla cessazione delle "ambizioni occupanti" degli Stati Uniti in Siria

Mosca esorta gli Stati Uniti a smettere di fare minacce irresponsabili contro la Siria, attraverso l'inviato speciale della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

"L'obiettivo di lottare contro terroristi non deve essere una cortina fumogena per realizzare questi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: Gli Stati Uniti continuano a complottare contro l'Asse della Resistenza

Nasrallah ha insistito sulla necessità di sostenere la Resistenza per contrastare i complotti degli interni ed esterni.

Il Segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti, dopo aver fallito...
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:

I legami Cina-America Latina dimostrano che le critiche degli Stati Uniti sono sbagliate

Gli Stati Uniti hanno puntato il dito contro altri paesi in tutto il mondo con la loro mentalità da Guerra Fredda. La Cina non deve preoccuparsi troppo dei commenti degli Stati Uniti che cercano di minare il miglioramento e lo sviluppo delle relazioni tra Cina e America Latina

di Tang Jun* - Global Times   Il 22 gennaio si è tenuta a Santiago, in Cile, la seconda riunione...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:     Fonte: AVN/Correo del Orinoco

Venezuela, Maduro al contrattacco: «Se Trump mi definisce dittatore per me è un elogio»

Il presidente intervistato dal documentarista cileno Marco Enrique Ominami ha inolte spiegato che il Venezuela è «in piena ondata di rinnovamento, di cambiamenti necessari, di costruzione di una nuova società, di un nuovo modello sociale e, soprattutto, una nuova economia»

di Fabrizio Verde   Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro Moros,...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

Il messaggio all'Italia di Victoria Coy (States United to prevent gun violence): "Vi prego, le vostre Leggi sul controllo delle armi devono rimanere restrittive"

"La criminalità armata qui negli Stati Uniti ha assunto la connotazione di una crisi dei Diritti Umani. Il vostro Paese patirà incredibilmente, se seguirete il nostro cammino."

  di Michele Metta    Victoria, consentimi innanzitutto, per favore, di dirti che parlare...
Notizia del:

Intervista a Lucio Manisco, una vita in trincea contro la disinformazione. "Voterò Potere al Popolo"

“… e da New York imperversa contro Washington un grandioso Lucio Manisco”. È una frase trovata su un giornale che descrive gli anni eroici del TG3, quando l’informazione...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri. "Sono altri (e li conosciamo) che fomentano il terrorismo. L'Iran combatte l'Isis, è necessario collaborare con questo paese"

a cura di Mostafa El Ayoubi - Confronti    Quali sono i motivi socio-economici e politici che hanno scatenato le manifestazioni di fine dicembre/inizio gennaio in Iran? È...
Notizia del:

INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI

  INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI   - Articolo di Michele Metta -   Ho conosciuto il dottor Apice...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dal Pd, passando per LeU, arrivando a Negri. Azzeriamo questa sinistra serva dell'imperialismo dell'Unione Europea"

Luciano Vasapollo, direttore del Cestes e docente della Sapienza all'AntiDiplomatico: "La sinistra di governo, come vediamo anche in Tsipras, ha fatto le stesse politiche delle destre. La sinistra cosiddetta radicale alla Negri ha solo servito i grandi potentati, trasformandosi negli utili idioti dell’imperialismo dell’Unione Europea, eliminando l’idea del conflitto in tutte le sue forme. Basta. Bisogna ripartire da zero.

di Alessandro Bianchi Professore partiamo da questa dichiarazione di Toni Negri a Vanity Fair: «Auspico...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa