/ "I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Sta...

"I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Stati Uniti"

I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Stati Uniti
 

Dopo cinque giorni di proteste in Iran, il presidente degli Stati Uniti ha colto l'occasione per dire che il Paese ha bisogno di "cambiamenti", ma non capisce la vera natura di queste dimostrazioni, secondo alcuni analisti.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha espresso il suo sostegno al popolo iraniano dopo le proteste in diverse città del paese, esortando i leader della Repubblica islamica a "rispettare i diritti" dei suoi cittadini e affermando che è giunto il momento di attuare i cambiamenti. Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, a sua volta, ha promesso di non rimanere fuori dalla situazione attuale in Iran.
 
Tuttavia, i suoi commenti hanno provocato una reazione negativa a Teheran. Il presidente iraniano Hasan Rohani ha dichiarato che gli Stati Uniti non ha il diritto morale di agire come se stesse difendendo i diritti degli iraniani perché Washington li chiama terroristi.
 
Gli iraniani diffidano di Trump
 
È probabile che le dichiarazioni di Rohani siano condivise dalla maggior parte degli iraniani, secondo diversi consultati da RT. Secondo Ahmed Al Burai, professore dell'Università di Aydin (Istanbul, Turchia), i cittadini, compresi i manifestanti, hanno un'immagine molto negativa degli Stati Uniti e soprattutto del loro presidente, e non credono che Washington difenda davvero i suoi interessi. Al Burai ha spiegato che gli iraniani diffidano di Trump a causa della posizione della sua amministrazione sullo storico accordo internazionale sul programma nucleare iraniano raggiunto nel 2015, nonché sulle sue relazioni amichevoli con l'Arabia Saudita e Israele.
 
Le politiche statunitensi in Medio Oriente, che hanno causato devastazione in Iraq e destabilizzazione nella vicina Siria, non sono neanche molto convincenti per gli iraniani. Nessuna interferenza da parte dell'amministrazione statunitense, anche sotto forma di tweet, "è benvenuta nella regione, [in particolare] in Iran, né tra i politici né tra la gente per le strade, perché hanno già sperimentato ciò che gli Stati Uniti hanno preparato per il Medio Oriente", ha spiegato Al Burai.
 
Gli iraniani comprendono che gli Stati Uniti non sono interessati a qualsiasi progetto di sviluppo a lungo termine per l&# 39;Iran o "autorizzare qualsiasi opposizione politica sul campo", secondo Al Burai. Invece, Washington persegue i propri interessi e quelli dei suoi alleati regionali, l'Arabia Saudita e Israele, il che significa che qualsiasi movimento di Washington, in ultima analisi, sarebbe dannoso per la Repubblica Islamica.
 
Cosa cercano di ottenere gli Stati Uniti?
 
Da parte sua, l'analista politico Seyed Mostafa Khoshcheshm evidenzia che "ciò che gli Stati Uniti stanno cercando è delegittimare le politiche iraniane, 'l'establishmentì dell' Iran e la sua presenza militare nella regione (...) per imporre nuove sanzioni"a Teheran.
 
Secondo l'esperto, tutte le dichiarazioni che Washington sia presumibilmente a sostegno dei manifestanti in realtà cercano di "politicizzare il malcontento" in Iran e "delegittimare" politiche iraniane sulla scena internazionale. Per gli Stati Uniti, in definitiva, l'obiettivo rimane lo stesso: ottenere concessioni da Teheran sul suo programma nucleare e missilistico per minare il suo potere e per diminuire la sua influenza nella regione, ha precisato Khoshcheshm.
 
Trump sopravvaluta le proteste
 
Donald Trump non si rende conto della vera natura delle attuali proteste o delle forze che potrebbero essere dietro di loro, secondo gli analisti. Gli Stati Uniti sanno che non possono rovesciare il governo iraniano con le proteste che sono incomparabilmente più piccola delle rivolte che hanno sommerso il paese dopo le elezioni presidenziali del 2009, secondo Khoshcheshm, aggiungendo che, pertanto, i media occidentali e Trump stanno cercando di "politicizzare" e sovradimensionare le dimostrazioni.
 
Al Burai ha spiegato che le proteste iraniane sono in realtà più economiche che politiche. "La classe media, che è scesa in strada, chiede ulteriori riforme economiche, chiedendo più posti di lavoro, migliori condizioni di vita", aggiungendo che i manifestanti non sono interessati a qualsiasi escalation politica, che anela Trump.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa