/ La difesa antimissile degli USA ha fallito in Arabia Saudita cont...

La difesa antimissile degli USA ha fallito in Arabia Saudita contro i missili yemeniti?

La difesa antimissile degli USA ha fallito in Arabia Saudita contro i missili yemeniti?
 

Pur essendo stato presentato come un grande successo, ovvero aver intercettato i missili yemeniti grazie al sistema statunitense 'Patriot' in dotazione alle forze saudite, il quotidiano 'The New York Times', esprime seri dubbi in proposito.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il successo delle forze della difesa aerea saudita, che il 4 novembre ha annunciato l'intercettazione di un missile balistico lanciato dagli Houthi dallo Yemen, sembra infondato, secondo il quotidiano statunitense 'The New York Times'.
 
Il giornale ha parlato sull'argomento con diversi esperti e ha messo in dubbio il fatto che il sistema di difesa missilistica Patriot utilizzato dall'Arabia Saudita sia stato in grado di intercettare il missile yemenita.
 
Ufficialmente, l'intercettazione è stata presentata come un grande successo del sistema anti-missile statunitense e delle forze di difesa aerea dell'Arabia Saudita. Persino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha elogiato il sistema Patriot sul suo account personale su Twitter.
 
"Il nostro sistema ha raggiunto il missile nell'aria, è una testimonianza di quanto siamo bravi, nessuno produce ciò che produciamo e ora lo vendiamo in tutto il mondo", scrisse Trump.
 
"Tuttavia, l'analisi di video e foto [della zona di intercettazione] del missile, disponibile sui social network, suggerisce che questa storia non è completamente vera, e che i dati analizzati dal gruppo di esperti in tecnologia missilistica sembra indicare che la testata del missile è volata liberamente sul sistema di difesa saudita e ha quasi centrato l'obiettivo, l'aeroporto di Riyadh.
 
La testata è esplosa così vicino al terminal dei voli nazionali che le persone [che erano lì] sono saltate fuori dai loro posti ", si legge sul giornale.
 
Argomenti degli analisti
 
I rappresentanti sauditi non hanno ancora risposto alle richieste di commentare i fatti. Nel frattempo, alcuni funzionari degli Stati Uniti hanno anche messo in dubbio la difesa antiaerea dell'Arabia Saudita sia riuscita a raggiungere almeno una delle parti del missile yemenita, che probabilmente si è diviso in più parti.
 
"I governi [da diversi paesi] mentono circa l'efficacia di questo sistema [Patriot]. O sono male informati. E questo dovrebbe preoccupare molto", ha sostenuto un analista del 'Middlebury Institute of International Studies a Monterey (California), Jeffrey Lewis, che ha analizzato insieme ai suoi colleghi tutti i rapporti sul missile presumibilmente abbattuto.
 
A giudicare da diversi video apparsi sui social network, i resti del missile caddero in diverse zone vicino al centro di Riyadh. Ma questi frammenti, come stabilito dagli esperti, non contenevano i componenti della testa esplosiva, indicando che è caduto da qualche altra parte.
 
Le autorità locali hanno riferito che una parte dei resti del missile è caduto vicino all'aeroporto, a una distanza di 20 chilometri dalla suddetta area. Ma una tale dispersione di frammenti non può essere possibile, sottolineano gli esperti. Inoltre, i resti caduti nell'area aeroportuale sono esplosi.
 
Conclusioni
 
Per tutti questi motivi, gli analisti del Middlebury Institute hanno suggerito che il missile, lanciato all'inizio dello scorso novembre dallo Yemen, l'Arabia ha superato con successo la difesa missilistica e non ha impatto contro Riyadh solo perché è deviato dal suo obiettivo.
 
Quando si avvicina all'aeroporto, secondo questa versione, il missile è stato diviso tra carcassa e testata, e il secondo senza impedimenti ha continuato il suo volo. Il guscio potrebbe essere stato colpito dalle forze anti-missilistiche saudite, ma è più probabile che sia semplicemente caduto a terra, dicono gli esperti.
 
Il New York Times ha notato che "relazioni su carta" sull'efficacia del sistema Patriot non sono un fenomeno nuovo.
 
"In precedenza, i governi sovrastimavano anche l'efficacia della difesa missilistica [statunitense], compresa la sua resistenza ai missili Scud." Durante la prima guerra del Golfo, gli Stati Uniti pubblicarono un rapporto quasi perfetto sulla sconfitta della versione irachena dei missili Scud, tuttavia, in seguito gli analisti hanno scoperto che quasi tutti i tentativi di intercettare questi missili erano falliti", ha concluso il giornale.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: The New York Times
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: Rai al-Youm

"Gli Stati Uniti, con il supporto di Israele, non stanno cercando di sconfiggere l'ISIS ma creare uno stato curdo"

Gli Stati Uniti, in collaborazione con il regime israeliano, fin dall'inizio hanno avuto l'intenzione di creare uno stato curdo che sarebbe servito come base militare 'permanente' di Washington nella regione sud-occidentale come alternativa alla base militare turca di Incirlik.

Nell'articolo del quotidiano arabo 'Rai al-Youm' si evidenzia come l'intervento degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Defense News

Gli USA, senza il consenso di Damasco, competono con la Russia nella costruzione di nuove basi in Siria

Gli Stati Uniti e la Russia si sono impegnati in una "corsa" per creare basi militari in Siria, perseguendo obiettivi diversi e quindi aumentando la loro influenza e la presenza militare nel paese arabo devastato da quasi 7 anni di guerra per procura, afferma un media statunitense.

In un articolo pubblicato ieri, il portale di notizie 'Defense News' ha sottolineato che Washington mantiene...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa