/ In Africa, l'esercito Usa vede nemici ovunque

In Africa, l'esercito Usa vede nemici ovunque

In Africa, l'esercito Usa vede nemici ovunque
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Da est ad ovest, attraverso l'Africa, 1.700 Navy Seals, Berretti Verdi, e altro personale militare sta portando avanti 78 diverse "missioni" in più di 20 nazioni, secondo i documenti ottenuti da The Intercept attraverso il Freedom of Information Act.
 
"Il contesto operativo SOCAFRICA è volatile, incerto, complesso e ambiguo," dice Brig. Gen. Donald Bolduc, utilizzando l'acronimo  del Comando per le operazioni speciali Usa in Africa (Socafrica), che presiede. 
 
Altrettanto complesso è capire quello che le truppe d'élite dell'America sul continente stanno realmente facendo, e contro chi si rivolgono.
 
Nei documenti di una presentazione a porte chiuse tenuta da Bolduc alla fine dello scorso anno, il comandante del SOCAFRICA ha offerto nuovi indizi circa le guerre ombra condotte dalle truppe americane in tutto il continente.
 
"Operiamo nella zona grigia, tra guerra tradizionale e la pace", ha informato una stanza piena di personale militare degli Stati Uniti, Africa, e europeo alla Conferenza dello Special Operations Command Africa tenutasi a Garmisch, in Germania, lo scorso novembre.
 
Secondo la presentazione 2015 di Bolduc, SOCAFRICA partecipa a sette operazioni distinte, anche se non è riuscito a fornire ulteriori dettagli. Tra gli obiettivi di queste missioni: "attivare reti amichevoli; disabilitare le reti nemiche. "
 
Le identità della maggior parte di queste "reti nemiche", sono, tuttavia, un segreto ben custodito.
 
Lo scorso autunno, The Intercept ha rivelato che Bolduc aveva pubblicamente rivelato che ci sono circa 50 organizzazioni terroristiche e "gruppi" illeciti che operano nel continente africano. Ha identificato solo lo Stato Islamico, Al Shabaab, Boko Haram, al Qaeda nel Magreb Islamico, e l'Esercito di Resistenza del Signore, pur menzionando l'esistenza di altri 43 gruppi. Nonostante le ripetute richieste da parte di The Intercept , tuttavia, né il Dipartimento della Difesa, nè lo US Africa Command, né SOCAFRICA hanno fornito ulteriori informazioni sull' identità di una qualsiasi delle altre organizzazioni.
 
 

 
Recentemente, tuttavia, l'Africa Center for Strategic Studies del DIpartimento della Difesa- un istituto di ricerca dedicato all'analisi dei problemi di sicurezza in Africa - ha pubblicato una mappa dei "Gruppi militanti islamisti attivi dell'Africa" ??Oltre ai soliti noti, ha elencato 18 altre organizzazioni terroristiche .
 
L'Africa Center afferma che "i gruppi elencati sono inclusi unicamente a scopo informativo e non devono essere considerate le denominazioni ufficiali." E ', tuttavia, l'elenco più completo disponibile da un'agenzia o qualcuno all'interno del Dipartimento della Difesa e può far luce sui nemici della lista Bolduc.
 
SOCAFRICA non ha risposto alle domande su tale elenco o i nomi delle sue operazioni. Lo US Special Operations Command ha anche rifiutato di fornire ulteriori informazioni. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa