/ Intervista ad Alberto Negri: ecco cosa sta accadendo in Arabia Sa...

Intervista ad Alberto Negri: ecco cosa sta accadendo in Arabia Saudita e perché è molto preoccupante

Intervista ad Alberto Negri: ecco cosa sta accadendo in Arabia Saudita e perché è molto preoccupante
 

Il giornalista e inviato de il Sole 24 Ore a l'AntiDiplomatico: "Gli Usa con le dichiarazioni su accordo nucleare con l'Iran hanno convinto i saud ad agire"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
“La crisi interna saudita ha effetti internazionali notevoli”. Questo il primo commento che ci rilascia Alberto Negri, giornalista inviato de il Sole 24 Ore e uno dei massimi esperti italiani dell’area medio-orientale.
 
L’operazione formalmente contro la corruzione di Mohamed Bin Salman è una lotta di potere che il Principe ereditario ha fatto contro i suoi oppositori. Per Negri alcune ipotesi si possono fare “E’ un colpo di stato a tutti gli effetti. Oppure è un modo per prevenire un colpo di stato che era in procinto di attuarsi dopo i fallimenti di Siria e Yemen. Terza ipotesi, forse la più probabile, il re Salman sta per morire e il figlio legittima con la forza la sua posizione ereditaria”.





 
Non c’è dubbio che l’epurazione in corso in Arabia Saudita ha dimensioni internazionali da tre punti di vista per Negri “in primo luogo, chiaramente le dimissioni annunciate parallelamente da parte del premier libanese Hariri; in secondo luogo l’arresto dei membri dell’opposizione siriana supportati dai saud; infine il presunto arresto dell'ex presidente yemenita Hadi, filo saudita, smentito dalla presidenza yemenita ma che ci fa capire il livello della tensione nel paese.” La richiesta di quest’ultimo era stato il pretesto per l’inizio dei bombardamenti contro lo Yemen. I sauditi, sempre parallelamente all’epurazione dei Salman, hanno chiuso i confini dello Yemen impedendo l’accesso degli aiuti umanitari ad una popolazione, sottolinea Negri, nel pieno di una catastrofe umanitaria dopo i bombardamenti incessanti sauditi. Per questo le decisioni del clan dei Salman vanno interpretate come “segnali di un grande malessere dei sauditi, di una leadership che non riesce a venire a capo da un conflitto nel cortile di casa in cui ha impegnato tutti i mezzi a disposizione.”
 
Ma veniamo al caso che ha fatto più scalpore a livello internazionale: le dimissioni annunciate a Riad del premier libanese.  “E’ chiaro che i sauditi con questa mossa tentano di scardinare il compromesso trovato dalla parte cristiana (del presidente e generale Anoun) con gli Hezbollah di Nasralah”, ci sottolinea Negri.
 
Si tratta, chiediamo, di una mossa per riaprire il conflitto in Libano magari con il supporto di Israele dopo quella del 2006? “Un’ipotesi. Oppure giocarsi una carta negoziale nel grande gioco della spartizione della Siria. Perché le dimissioni di Hariri vanno soprattutto lette in chiave anti Iran, alleato degli Hebollah e di quell’Assad che l’Arabia Saudita ha cercato di destituire ma ha fallito”, ci risponde Negri. Perché, sottolinea il giornalista, quella contro l’Iran è una vera e propria ossessione da parte della casa reale. E la maggiore forza acquisita da Teheran ha gettato nel panico la casa regnante saudita.
 
Chiaramente l’ossessione saudita contro l’Iran è pari a quella israeliana. “Si. A Tel Aviv sono consapevoli del momento storico. Non a caso questa settimana un importante editoriale Di Haaretz scriveva come i sauditi stanno cercando di spingere Israele ad una guerra contro l’Iran e Hezbollah. Il momento è davvero preoccupante. Molto pericoloso. Quello che la causa regnante saudita sta cercando di fare è trasferire all’esterno i problemi interni.”

Fino a che punto vorranno spingersi? “Non è possibile dirlo con esattezza ma Russia e Stati Uniti devono fare di tutto per lavorare diplomaticamente con gli alleati regionali per abbassare il livello delle tensioni.”, rimarca Negri.

A proposito di Stati Uniti, chiediamo quanto indipendenti siano le mosse saudite e quanto invece coordinate con Washington. “Le vicende interne saudite ripeto devono preoccupare molto. Soprattutto gli Stati Uniti. Il 19 maggio Trump organizzò un viaggio a Riad nello stesso giorno delle elezioni in Iran. Era presente anche Al Sisi e gli Stati Uniti cercavano di recuperare il loro peso nella regione attraverso la fornitura di armi. In realtà la presenza degli Usa nella regione non è affatto così solida e sembrano colti di sorpresa da questa epurazione in corso nel regime dei saud. Del resto, colpisce anche personaggi molto importanti e legate alla finanza statunitense come il miliardario Talal, azionista di Apple.”

Quindi un messaggio che stanno mandando anche a Washington? “Possibile. Del resto, nello scontro contro il Qatar di qualche mese fa, gli Stati Uniti che hanno una base militare con 8 mila soldati in Qatar, hanno preso una posizione di mediazione. E questo alla casa regnante saudita non deve essere piaciuto molto.“

E quindi quali previsioni fare nei prossimi mesi in un quadro così preoccupante e allarmante? “Gli Stati Uniti hanno mandato l’ennesimo messaggio sbagliato alla regione con Trump che ha dichiarato di voler annullare l’accordo nucleare con l’Iran. Si tratta di un vaso di Pandora potenziale, con i sauditi che possono aver percepito di poter spingere in questo momento storico gli Usa fino al conflitto con Teheran. Un vaso di Pandora in cui dentro c’è Libano, Siria, Yemen e tanto altro. Ma gli Stati Uniti che sono nel pieno della crisi nord-coreana non possono affrontare un nuovo fronte in Medio Oriente“, conclude Negri.

Alessandro Bianchi
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Documento del 'Gruppo di Washington' sulla Siria: Amministrazione ONU e divisione per entità regionali

Il canale libanese 'Al Mayadeen' ha ottenuto un documento del cosiddetto 'Gruppo di Washington'(USA, Francia, Gran Bretagna, Giordania Arabia Saudita) che include riferimento sul futuro della Siria come l'amministrazione fiduciaria dell'ONU e la divisione del paese arabo in entità regionali con grandi poteri.

Il canale satellitare libanese 'al Mayadeen' ha ottenuto dal sedicente 'Gruppo di Washington'...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: Gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita non possono nascondere di aver armato l'ISIS

Il ministro degli esteri iraniano ha replicato alla propaganda del governo degli Stati Uniti e del loro alleato saudita contro il paese persiano e gli sforzi che fanno per ignorare la realtà del ruolo di Teheran nella sconfitta dell'ISIS e nascondere, d'altra parte, il sostegno che hanno offerto ai terroristi.

Il capo della diplomazia iraniana, Mohamad Yavad Zarif, ha reagito questo giovedì sul suo account Twitter...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:

Alberto Negri: "Salvate il Soldato Saud"

di Alberto Negri* Funziona così: gli Usa hanno come maggiore alleato in Medio Oriente, dopo Israele, l’Arabia Saudita, un Paese impresentabile, una monarchia assoluta che esprime...
Notizia del:     Fonte: Al Masirah

(Video) La Difesa aerea yemenita abbatte un F-15 saudita

Il movimento popolare yemenita Ansarollah ha pubblicato ieri un video che mostra come la sua difesa antiaerea abbia abbattuto un aereo da guerra della cosiddetta coalizione, guidata dall'Arabia Saudita, nel cielo di Sana'a, la capitale dello Yemen.

In un video trasmesso sul canale arabo della televisione di stato yemenita 'Al Masirah', è possibile...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran identifica l'organizzatore chiave delle proteste: Un ex agente CIA

Un triangolo formato dagli Stati Uniti, l'Arabia Saudita e regime israeliano per quattro anni consecutivi ha cospirato per provocare caos e disordini in Iran, il fattore principale è stato identificato dal procuratore generale del paese persiano.

"Il mentore principale di questo piano era uno statunitense di nome Michael Andrea, ex agente dell'antiterrorismo...
Notizia del:

Il Segretario di Hezbollah: i piani di Usa, Israele e Arabia Saudita contro l'Iran sono naufragati

"Trump e Netanyahu stanno guidando la regione (del Medio Oriente) verso la guerra, davanti alla quale l'Asse della Resistenza deve essere ben preparato. La nostra opzione non è la guerra, ma la resistenza", ha sottolineato il leader di Hezbollah

da HispanTv   Il segretario generale del Movimento di Resistenza Islamica del Libano (Hezbollah), Seyed...
Notizia del:

Ali Shamkhani: i recenti disordini risultato di una guerra per procura contro l'Iran

Shamkhani ieri parlando ai giornalisti ha affermato che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l'Arabia Saudita sono dietro alle recenti rivolte in Iran

da ParsToday   TEHERAN - Ali Shamkhani, il segretario del Consiglio supremo per la sicurezza nazionale...
Notizia del:

Iran, la denuncia di Rohani: «Stati Uniti e Israele incitano alla violenza»

Il leader iraniano ha inoltre ricordato che il principe ereditario saudita, Mohamad bin Salman, aveva promesso di «portare la battaglia e il caos in Iran»

  Le manifestazioni in Iran degli ultimi giorni, che spesso sfociano nella violenza, sarebbero fomentate...
Notizia del:

Alberto Negri - "Notizie bomba": l'Italia uccide i civili in Yemen

di Alberto Negri*  Il New York Times pubblica un reportage sulla questione delle bombe italiane ai sauditi che uccidono e fanno stragi in Yemen di civili. La notizia è così...
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

Il messaggio all'Italia di Victoria Coy (States United to prevent gun violence): "Vi prego, le vostre Leggi sul controllo delle armi devono rimanere restrittive"

"La criminalità armata qui negli Stati Uniti ha assunto la connotazione di una crisi dei Diritti Umani. Il vostro Paese patirà incredibilmente, se seguirete il nostro cammino."

  di Michele Metta    Victoria, consentimi innanzitutto, per favore, di dirti che parlare...
Notizia del:

Intervista a Lucio Manisco, una vita in trincea contro la disinformazione. "Voterò Potere al Popolo"

“… e da New York imperversa contro Washington un grandioso Lucio Manisco”. È una frase trovata su un giornale che descrive gli anni eroici del TG3, quando l’informazione...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri. "Sono altri (e li conosciamo) che fomentano il terrorismo. L'Iran combatte l'Isis, è necessario collaborare con questo paese"

a cura di Mostafa El Ayoubi - Confronti    Quali sono i motivi socio-economici e politici che hanno scatenato le manifestazioni di fine dicembre/inizio gennaio in Iran? È...
Notizia del:

INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI

  INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI   - Articolo di Michele Metta -   Ho conosciuto il dottor Apice...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dal Pd, passando per LeU, arrivando a Negri. Azzeriamo questa sinistra serva dell'imperialismo dell'Unione Europea"

Luciano Vasapollo, direttore del Cestes e docente della Sapienza all'AntiDiplomatico: "La sinistra di governo, come vediamo anche in Tsipras, ha fatto le stesse politiche delle destre. La sinistra cosiddetta radicale alla Negri ha solo servito i grandi potentati, trasformandosi negli utili idioti dell’imperialismo dell’Unione Europea, eliminando l’idea del conflitto in tutte le sue forme. Basta. Bisogna ripartire da zero.

di Alessandro Bianchi Professore partiamo da questa dichiarazione di Toni Negri a Vanity Fair: «Auspico...
Notizia del:

Intervista al legale di Khaled el Hamedi, il cittadino libico che vuole portare la NATO in giudizio per i suoi crimini

L’associazione Vittime della Nato in Libia in lotta contro l’impunità dei potenti e l'indecente immunità di cui gode l'Alleanza Atlantica

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa