/ Istanbul: non è come al Bataclan

Istanbul: non è come al Bataclan

Istanbul: non è come al Bataclan
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da Piccole Note
 

No, non è il Bataclan, come invece hanno scritto alcuni giornali italiani. L’attentato di Istanbul, dove un terrorista ha fatto strage (testimonianze parlano di più attentatori), non ricorda affatto l’eccidio del teatro parigino, nonostante l’obiettivo scelto sia assimilabile: allora la folla che si accalcava a un concerto, oggi gli avventori di una discoteca esclusiva. Gente spensierata che voleva divertirsi.

 

La differenza tra i due attentati è infatti profonda. Allora si trattava di diffondere la paura in Occidente per alimentare il clima di scontro di civiltà che vuole il nostro mondo contrapposto a quello islamico.

 

E il suo effetto immediato è stato quello classico, proprio dei manuali della strategia della tensione: un evento traumatico destabilizzante con effetti stabilizzanti.

 

La popolazione si è infatti stretta attorno alle istituzioni e ai suoi apparati, unici attori ritenuti in grado di dare rassicurazioni in tema di sicurezza e di proporre una reazione adeguata, quella reazione che gli attentati parigini intendevano innescare (lo scontro di civiltà necessita appunto di una conflittualità permanente, che di tanto in tanto deve essere alimentata con azioni eclatanti).

 

L’attentato di Istanbul ha una finalità altra è più specifica: quella di colpire al cuore la nazione che può rendere concrete le speranze di pace per la Siria. Infatti, la scorsa settimana la Turchia ha finalmente accettato di accordarsi con i russi per trovare una soluzione al conflitto che sta devastando il Paese mediorientale.

 

Da quando è iniziata la guerra, è la prima volta che uno degli attori di questo conflitto trova un accordo serio con la Russia la quale, insieme al governo di Damasco (e ai suoi alleati, Iran ed hezbollah), ha operato per contrastare le milizie terroriste ivi scatenate per realizzare un regime-change per conto dei diversi sponsor internazionali.

 

L’attentato di Istanbul mira quindi a colpire al cuore l’accordo di pace turco-russo, che ha trovato anche la significativa approvazione delle Nazioni Unite.

 

Non solo, a differenza di quello parigino, l’eccidio turco non ha effetti stabilizzanti ma, al contrario, destabilizzanti.

La Turchia, infatti, a differenza di quanto appare, è profondamente dilaniata al suo interno.

 

Linee di faglia profonde separano la comunità curda, sulla quale pesa la repressione del regime, dal resto del Paese. Un conflitto aperto, che oltre a un confronto militare vede scontri profondi a livello sociale e politico.

 

Peraltro la repressione, dal fallito colpo di Stato del luglio scorso, si è allargata a dismisura e non risparmia più nessuna forza di opposizione, falcidiando dissidenti sia a livello politico che sociale.

 

Una reazione durissima generata anche dalla debolezza del regime, che il tentato golpe, benché non riuscito, ha messo a nudo evidenziando forze ostative insediate a tutti i livelli del potere.

 

Non solo l’Agenzia Feto, il movimento islamista che risponde al guru Fetullah Gulen accusato di aver ordito il putsch, ma anche tanto mondo collaterale, insediato nella Difesa, nella sicurezza ma anche nei variegati ambiti politici e culturali del Paese.

 

Peraltro onde telluriche profonde sta causando anche il riposizionamento geopolitico di Ankara, che da baluardo della Nato sul Bosforo in funzione anti-russa (le chiude l’accesso al Mediterraneo), sta allacciando rapporti più che fecondi con l’antico avversario. Un riposizionamento che mette in pericolo tanti interessi, nazionali e internazionali.

 

Situazione quindi più che frammentaria, quella turca, nella quale l’Agenzia del terrore si insinua, con le sue azioni sanguinarie, per dilatare le fratture e accentuare eventuali processi disgregativi.

 

Se, quindi, principale obiettivo dell’Isis era creare difficoltà a Erdogan e all’alleanza turco-russa, non sembra riuscito nello scopo: simbolico che oggi aerei turchi e russi abbiano agito in combinato disposto contro l’Agenzia del terrore in Siria. Un’inedita collaborazione militare iniziata solo alcuni giorni fa, e che sta dando frutti.

 

Ma l’azione di capodanno era altrettanto simbolica nell’annunciare, almeno nelle intenzioni, un anno particolarmente difficile per la Turchia.

 

Il 28 dicembre, dando notizia dell’accordo turco-russo sulla Siria, avevamo accennato ai possibili rischi cui Ankara andava incontro data la situazione delicata (per leggere cliccare qui).

 

Si spera che l’intelligence turca e russa trovino un’efficace collaborazione in chiave di contrasto al terrore, capace di arginarne le sanguinarie iniziative.

 

L’Occidente potrebbe dare un aiuto concreto. Sarebbe anche nel suo interesse. Ma per farlo dovrebbe preventivamente accettare il piano di pace siriano elaborato dalla diplomazia russo-turca. Cosa che non riesce ancora a fare.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://piccolenote.ilgiornale.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Report Guerra in Siria, ultimo aggiornamento

Nel corso degli ultimi due mesi, il conflitto siriano ha visto drastici cambiamenti su diversi fronti, comprese le zone dove non si combatteva da anni.

Ultimo report della guerra in Siria realizzato da Al Masdar-News.   Damasco   Tra i maggiori cambiamenti...
Notizia del:     Fonte: Europe 1

VIDEO. Assad: L'Occidente paga il prezzo di aver appoggiato Al-Qaeda

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ribadito che l'Occidente sta pagando il prezzo per aver sostenuto il gruppo terroristico di Al-Qaeda in Siria.

"L'Occidente ha fornito sostegno ai gruppi armati in Siria, affermando che queste bande sono 'moderate'...
Notizia del:     Fonte: Webdo

I tunisini che combattono con l'Esercito siriano nel sogno dell'Unità araba socialista

Non solo combattenti per l'ISIS in Siria. Ecco i tunisini che combattono con l'Esercito siriano contro i gruppi terroristici.

Tuttavia, non si molto su questi tunisini che hanno aderito al gruppo della 'Guardia nazionale araba"...
Notizia del:     Fonte: The Huffington Post

Giornalista USA sulle guerre del suo Paese: "La fossa comune che chiamiamo danni collaterali"

Quanti bambini sono stati finora sepolti nella fossa comune che chiamiamo danni collaterali?". È la domanda che ha posto il giornalista e scrittore statunitense Robert Kholer.

Quando un giornalista di Fox News ha definito "assassino" il presidente russo, Valdimir Putin, Donald...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Il mio compito non è chiedere di accogliere i rifugiati siriani, ma di ristabilire la sicurezza per farli tornare in Siria"

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad ha dichiarato, in un'intervista con il sito Yahoo News, che la sua responsabilità non è quella di chiedere a qualsiasi presidente di consentire l'ingresso dei siriani nel loro paese per accoglierli come rifugiati, ma ripristinare la stabilità per farli tornare in Siria.

Rispondendo a una domanda circa la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di impedire il flusso...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Assad: Al momento, non mi aspetto passi "concreti" da Trump nella lotta al terrorismo

Il presidente siriano ha sottolineato che al momento non si aspetta da parte del suo omologo statunitense, Donald Trump, passi concreti nella lotta al terrorismo.

Nelle dichiarazioni rese oggi ai giornalisti belgi a Damasco, il presidente siriano Assad, tuttavia,  ha definito...
Notizia del:     Fonte: WSJ

WSJ: La strategia di Trump per allontanare la Russia dall'Iran

Trump sta esplorando i modi per rompere l'alleanza militare e diplomatica della Russia con l'Iran, nel tentativo di porre fine al conflitto siriano e rafforzare la lotta contro l'ISIS, secondo un articolo pubblicato sul Wall Street Journal.

Secondo il giornale statunitense, la nuova strategia mira a conciliare le intenzioni apparentemente contraddittorie...
Notizia del:     Fonte: Sana.Sy

Assad a delegazione di parlamentari del Belgio: "L'appoggio dell'Europa al terrorismo in Siria ha danneggiato i suoi popoli"

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad ha ricevuto, oggi, una delegazione parlamentare belga, guidata dal membro del Parlamento federale del Belgio, Filip Dewinter.

Durante l'incontro il presidente Al-Assad e i membri della delegazione belga hanno avuto un scambio di vedute...
Notizia del:     Fonte: Al Manar - Al Binna

Le "zone sicure" di Trump, ovvero il nuovo piano di spartizione della Siria

Obama o Trump, per chi si fosse fatto illusioni, in Medio Oriente, non cambia nulla. Il fine resta lo stesso: dividere la Siria in zone di influenza, questa volta con un piano più intelligente e insidioso.

Di Amin Hoteit: Analista politico libanese, esperto di strategia militare e Generale di Brigata in pensione.   I...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

McCain incontra Erdogan: pessime notizie per la Siria

Piccole Note «Oggi ho avuto un incontro caloroso e costruttivo con il presidente Erdogan. Sono stato fautore da lungo tempo dell’alleanza tra gli Stati Uniti e la Turchia...
Notizia del:

Dopo un mese di presidenza, "Trump barcolla ma tiene" (nonostante i neo-con)

Piccole Note L’elezione di Trump aveva fatto sperare nell’inizio di un dialogo tra Stati Uniti e Russia. Purtroppo non è andata così e con le dimissioni...
Notizia del:

Il premio Word Press Photo va all'Isis... e nessuno in occidente si è scandalizzato!

PICCOLE NOTE   Il premio World Press Photo, il più prestigioso premio fotografico internazionale, è stato assegnato all’Isis.   Premiata, infatti, la foto che immortala...
Notizia del:

Il muro (invisibile) dell'Europa sui migranti e l'ipocrisia contro Trump

«L’Europa si scandalizza per il bando di Trump e il Muro al confine con il Messico, ma quello che stiamo facendo un Europa non è poi così diverso. Un Paese, la Libia, viene...
Notizia del:

Bernard-Henri Lévy profetizza: "la presidenza Trump durera' un anno"

PICCOLE NOTE La prima mossa del nuovo Presidente americano è stata quella di firmare il decreto che istituisce il controverso Muro tra Stati Uniti e Messico. La foto che immortala un...
Notizia del:

La strage canadese distrugge la narrativa corrente sul terrorismo

PICCOLE NOTE Un altro lupo solitario, che magari tanto solitario poi non è, firma un’altra, ennesima, strage, stavolta in Canada. Si tratta di tal Alexandre Bissonnette, che...
Notizia del:

"Regeni morto in una faida dei Fratelli musulmani, ai quali era vicina la sua professoressa"

PICCOLE NOTE   «Regeni era uno studente che svolgeva un lavoro assegnato da una università inglese. Ma a Londra chi ha assegnato la ricerca a Regeni in Egitto è una professoressa,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa