/ John Pilger: "La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due g...

John Pilger: "La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due generazioni bullizza la Corea del Nord. Non il contrario"

John Pilger: La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due generazioni bullizza la Corea del Nord. Non il contrario
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
 
Gli Stati Uniti continuano a provocare la Corea del Nord con esercitazioni militari ai confini. Gli Usa non vogliono sviluppare accordi diplomatici e in tutto questo i media occidentali continuano a distorcere la cronologia delle cause, inventando una realtà che serve ad affermare che sia Pyonyang a provocare l’Occidente. In un’intervista rilasciata a T. J. Coles e riproposta oggi da Telesur, il grande intellettuale australiano John Pilger fa un po’ di chiarezza sulla vicenda coreana.

Abbiamo tradotto le sue parole in merito:
 
La minaccia è da parte degli Stati Uniti, che da due generazioni sta bullizzando e provocando la Corea del Nord, negando ai coreani un trattato che avrebbe finalmente posto fine alla guerra civile e aperto a nuove possibilità.  
 
La pausa in questa campagna di guerra latente, durante gli anni '90, ha dimostrato che i negoziati possono "funzionare", a prescindere da quello che dice Trump.



Nel 1992, il Nord e il Sud hanno firmato la dichiarazione di denuclearizzazione della penisola coreana che ha stabilito e ha determinato una sospensione dei programmi nucleari della Corea del Nord in cambio di un accordo statunitense per la costruzione di due reattori nucleari in sintonia con quanto previsto dal trattato di non proliferazione nucleare.

George W. Bush ha posto fine all’accordo nel 2002.

Poi ci sono stati colloqui a sei a Pechino. Oggi la Cina e la Russia hanno affermato che se gli Stati Uniti e la Corea del Sud cesseranno le loro provocazioni con le esercitazioni militari - che includono “il cambio di regime” - la Corea del Nord interromperebbe immediatamente i suoi lanci. L’Amministrazione Trump sarà d'accordo?
 
 
 FONTE: Plymouth Institute for Peace Research 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

E' la sconfitta dell'Isis. Putin riunisce Rohani e Erdogan a Sochi sul futuro della Siria

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Sochi il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, e iraniano, Hassan Rouhani, per cercare di giungere ad un compromesso sulla ricostruzione della Siria....
Notizia del:     Fonte: RT

Presto non avremo più bisogno delle banche. Parla l'esperto di criptovalute Falkvinge

Secondo l’esperto «la criptovaluta non ha davvero bisogno di sostituire il dollaro USA, sostituire l'euro. Ha solo bisogno di sopravvivere mentre questi colossi crollano sotto il loro stesso peso. E quando accadrà, sarà molto veloce»

  Siamo agli albori di un cambiamento epocale. Una nuova era dove le banche non saranno più un intermediario...
Notizia del:

Ecco come Cina e Russia hanno scavato la fossa dove seppellire il dollaro

di Misión Verdad da misionverdad.com Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it La Cina, l'unico paese con la forza sufficiente per sfidare l'egemonia finanziaria statunitense,...
Notizia del:

"Dopo 60 anni di attesa sta per nascere la Pesco". Sapete di cosa sta parlando la Ministra Pinotti?

di Manlio Dinucci* il manifesto, 21 novembre 2017 Dopo 60 anni di attesa, annuncia la ministra della Difesa Roberta Pinotti, sta per nascere a dicembre la Pesco, «Cooperazione strutturata...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa