/ John Pilger: "La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due g...

John Pilger: "La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due generazioni bullizza la Corea del Nord. Non il contrario"

John Pilger: La minaccia proviene dagli Stati Uniti che da due generazioni bullizza la Corea del Nord. Non il contrario
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
 
Gli Stati Uniti continuano a provocare la Corea del Nord con esercitazioni militari ai confini. Gli Usa non vogliono sviluppare accordi diplomatici e in tutto questo i media occidentali continuano a distorcere la cronologia delle cause, inventando una realtà che serve ad affermare che sia Pyonyang a provocare l’Occidente. In un’intervista rilasciata a T. J. Coles e riproposta oggi da Telesur, il grande intellettuale australiano John Pilger fa un po’ di chiarezza sulla vicenda coreana.

Abbiamo tradotto le sue parole in merito:
 
La minaccia è da parte degli Stati Uniti, che da due generazioni sta bullizzando e provocando la Corea del Nord, negando ai coreani un trattato che avrebbe finalmente posto fine alla guerra civile e aperto a nuove possibilità.  
 
La pausa in questa campagna di guerra latente, durante gli anni '90, ha dimostrato che i negoziati possono "funzionare", a prescindere da quello che dice Trump.



Nel 1992, il Nord e il Sud hanno firmato la dichiarazione di denuclearizzazione della penisola coreana che ha stabilito e ha determinato una sospensione dei programmi nucleari della Corea del Nord in cambio di un accordo statunitense per la costruzione di due reattori nucleari in sintonia con quanto previsto dal trattato di non proliferazione nucleare.

George W. Bush ha posto fine all’accordo nel 2002.

Poi ci sono stati colloqui a sei a Pechino. Oggi la Cina e la Russia hanno affermato che se gli Stati Uniti e la Corea del Sud cesseranno le loro provocazioni con le esercitazioni militari - che includono “il cambio di regime” - la Corea del Nord interromperebbe immediatamente i suoi lanci. L’Amministrazione Trump sarà d'accordo?
 
 
 FONTE: Plymouth Institute for Peace Research 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa