/ La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio ...

La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio denuncia: «Giornalismo senza etica»

La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio denuncia: «Giornalismo senza etica»
 

La docente di Lingua e Letterature ispano-americane presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli ai microfoni de l'AntiDiplomatico evidenzia inoltre come Maduro sia un «uomo politico di grande taglia»

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

All’indomani della netta vittoria ottenuta dal Partito Socialista Unito del Venezuela nelle elezioni regionali di domenica scorsa, l’AntiDiplomatico continua la sua serie di interviste agli esperti di America Latina per comprendere il voto e le dinamiche che hanno portato il popolo venezuelano a confermare la propria fiducia nella Rivoluzione Bolivariana avviata da Hugo Chavez nel 1998. 

 

Quest’oggi abbiamo sentito una voce autorevole, la professoressa Alessandra Riccio, docente di Lingua e Letterature ispano-americane presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli e già condirettrice insieme a Gianni Minà della rivista Latinoamerica.

 

La professoressa afferma che dal Venezuela giungono «dati incoraggianti». Spiegando che il presidente Maduro si è confermato «uomo politico di grande taglia». Visto anche «ormai sono parecchi anni che si trova al vertice. Spesso sento parlare di chavismo, io parlerei anche di madurismo». Sottolineando un aspetto sempre occultato dai media mainstream, ossia che in Venezuela è in sviluppo «un processo politico e sociale importante». 

 

Dove anche gli ultimi sono divenuti importanti. «Gli indocumentati, che in Italia definirebbero clandestini, perlopiù colombiani che in Venezuela hanno ricevuto uno status e diritti». 

 

Un passaggio importante che ci permette di giungere alle paradossali considerazioni del presidente colombiano sul processo elettorale: «Santos chiede la convocazione di elezioni generali per cacciare Maduro. In un paese dove si sono svolte 22 elezioni in meno di 20 anni. Tutto ciò è ridicolo», il commento di Alessandra Riccio. 

 

La professoressa ha inoltre evidenziato come «la convocazione dell’Assemblea Costituente da parte di Maduro ha calmato le acque, spento la violenza. Mi piacerebbe che questo aspetto venisse esaltato».

 

Questo accade anche perché abbiamo un «giornalismo senza etica», come noi de l’AntiDiplomatico andiamo denunciando da tempo immemore in particolare quando si affronta la tematica Venezuela. Dove un esempio paradigmatico è rappresentato dall’incredibile topica presa da ‘La Repubblica’ nella giornata di ieri: in un articolo dove vengono denunciati non meglio specificati brogli nelle elezioni, il dirigente chavista Jorge Rodriguez viene presentato come leader dell’opposizione. Sull’irregolarità delle elezioni l’opinione della professoressa è chiara: «Non capisco perché sarebbero irregolari». 

 

Sulla disinformazione imperante la professoressa ci spiega: «Il Venezuela è sotto attacco per il petrolio e le risorse naturali. Io ho vissuto a Cuba. Anche lì viene ripetuto lo stesso repertorio da 50 anni. Il giornalismo senza etica ormai non mi stupisce più». 

 

I risultati delle elezioni regionali, però, per la Rivoluzione Bolivariana portano anche delle insidie. La conquista da parte delle destre dei tre Stati confinanti con la Colombia può creare una «situazione pericolosa». Infatti si tratta di una zona calda segnata da paramilitarismo ed illegalità. Senza dimenticare le «7 spade nel cuore dell’America Latina come le definiva Fidel Castro. Ossia le basi Usa presenti in Colombia», come ci spiega la professoressa. 

 

In ultima analisi, Alessandra Riccio evidenzia come la Repubblica Bolivariana del Venezuela già sia proiettata al 2018 quando si terranno le elezioni presidenziali, mentre «organizza un paese sotto attacco internazionale». 

 

L’intervista si conclude con una frase che non possiamo non sottoscrivere: «Non possiamo non stare dalla parte del Venezuela».  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

L'ex legale canadese di Milosevic: "Mladic è un capro espiatorio per coprire i crimini della NATO"

All'AntiDiplomatico Cristopher Black rivela: "L’ICTY è un tribunale fantoccio che ha utilizzato metodi fascisti di giustizia per attuare l'agenda Nato di conquista dei Balcani"

Tutti i mezzi di informazione di massa hanno dato ieri e per l’intera giornata la notizia della condanna...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
Notizia del:

"Ci censurano perché rompiamo lo schema narrativo creato ad arte dal sistema"

Intervista a Giorgio Cremaschi dopo il successo della manifestazione dell'11 novembre. "Noi non siamo buonisti e neanche tolleranti. Ma intolleranti e faziosi" Sulle sanzioni al Venezuela: "Sono un'autentica vergogna"

Come AntiDiplomatico abbiamo risentito telefonicamente Giorgio Cremaschi uno dei promotori della grande iniziativa...
Notizia del:

Il diritto internazionale non conta più niente: "La formula Arria" contro il Venezuela bolivariano

Con la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti abbiamo parlato di sanzioni Ue, "interessamento" Onu e ruolo del governo italiano. "Arria è l'inventore della “formula Arria” al Consiglio di sicurezza dell'Onu, messa in campo nel '92 per la Bosnia. Una formula che prevede di includere nelle consultazioni informali dell'Onu personalità e associazioni della “società civile”

Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e saggista esperta di America Latina  L'Unione...
Notizia del:

"Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata"

Intervista al Prof. Vasapollo: "L’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB"

Come AntiDiplomatico vi abbiamo riportato diverse testimonianze delle ragioni dello sciopero di oggi. Ve le riproponiamo...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi sullo sciopero generale e la manifestazione di Piazza Vittorio. "La censura dei media ci fa un baffo"

Ai media conviene parlare delle marcette di qualche decina di fascisti. E' normale che ci censurino"

Oggi lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, Usb - Cobas e Unicobas. Domani una grande manifestazione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa