/ La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la ...

La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la Cina?

La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la Cina?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


PICCOLE NOTE 


Il premier giapponese Shinzo Abe stravince le elezioni, che con astuzia ha anticipato nella speranza di fare il pieno di voti. Scommessa vinta, anche grazie alla inconsistenza dei suoi oppositori.
 

Ora ha i numeri per realizzare il suo grande sogno: cambiare la Costituzione per eliminare l’opzione pacifista che dalla seconda guerra mondiale ha impedito al Giappone di dotarsi di un esercito nazionale vero e proprio.
 

Nonostante la netta vittoria non ha la maggioranza assoluta necessaria per la modifica costituzionale: gli serve un appoggio esterno.
 

Ma già esiste: infatti le elezioni hanno visto la partecipazione del partito della Speranza, creato dall’ex ministro della Difesa di Abe, Yuriko Koike, attuale governatrice di Tokio.
 

Koike da tempo si è espressa a favore della riforma e non farà mancare i suoi voti, anche se ovviamente li farà pesare in sede di negoziato.
 

Così il Giappone potrà avviare una corsa al riarmo, che si prospetta più che imponente. Una corsa giustificata dal bullismo della Corea del Nord, che ha più volte minacciato Tokio, gratificando il partito di Abe di consensi insperati in queste elezioni.
 

il premier, infatti, ha saputo cavalcare in maniera egregia la paura conseguente alle improvvide iniziative di Pyongyang, e ora si appresta a essere conseguente alle promesse elettorali.
 

Val la pena rimandare a uno scritto della Koike, che spiega come sia ingiustificato l’allarmismo di quanti vedono in questa riforma costituzionale il «ritorno del militarismo giapponese».


 

Secondo la governatrice di Tokio, infatti, il riarmo si situerebbe all’interno di «un sistema di alleanze» volto a garantire la pace in Estremo Oriente.
 

Tale riarmo, secondo la Koiko, garantirerebbe «un maggiore equilibrio strategico nella regione» e porterebbe le maggiori potenze asiatiche, «Cina, India, Giappone e Stati Uniti», a raggiungere una concertazione simile «a quella che ha garantito all’Europa quasi un secolo pace».


Fin qui la visione ottimistica della governatrice di Tokio. Una visione che include gli Stati Uniti ma esclude la Russia, che pure sta rafforzando la sua presenza nella regione.
 

Va considerato che il nuovo assetto del Giappone favorirà una corsa al riarmo in una regione che vede già un accumulo impressionante di armamenti. Non solo: già oggi Tokio svolge una funzione di contenimento dell’espansionismo cinese. Probabile che, meglio armato, la svolgerà in maniera più assertiva.
 

Va ricordato che Pechino e Tokio hanno controversie fin troppo accese riguardo al Mar cinese meridionale, che il Dragone considera parte del proprio spazio vitale a detrimento delle rivendicazioni altrui.
 

Controversie che si concentrano in particolare sul destino di alcune isole, presso le quali spesso hanno incrociato le loro rotte navi cinesi e giapponesi. Probabile che si alzi il livello dello scontro.
 

Resta infine la variabile impazzita della Corea del Nord, fonte di preoccupazione per il mondo intero, ma molto più per la Corea del Sud e il Giappone: anche tale contesa può riservare nefaste sorprese.
 

Insomma, il quadro tracciato dalla Koiko sembra peccare dieccessivo ottimismo: sperare che il riarmo del Giappone possa favorire un processo distensivo nella regione è alquanto bizzarro.
 

Eppure potrebbe anche aver ragione, stante che la nuova situazione renderà la prospettiva di un conflitto più catastrofica che mai.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

I legami Cina-America Latina dimostrano che le critiche degli Stati Uniti sono sbagliate

Gli Stati Uniti hanno puntato il dito contro altri paesi in tutto il mondo con la loro mentalità da Guerra Fredda. La Cina non deve preoccuparsi troppo dei commenti degli Stati Uniti che cercano di minare il miglioramento e lo sviluppo delle relazioni tra Cina e America Latina

di Tang Jun* - Global Times   Il 22 gennaio si è tenuta a Santiago, in Cile, la seconda riunione...
Notizia del:

A 170 anni dalla pubblicazione del Manifesto Comunista la Cina fa rivivere il socialismo

"I valori, le idee, la missione, la teoria, la metodologia e i principi del Manifesto Comunista saranno sempre le coordinate di origine", si legge in un articolo di Li Haiqing, professore dell'Istituto di Marxismo afferente la Scuola del Partito del Comitato Centrale del PCC

di Yang Sheng - Global Times   Il Partito Comunista Cinese (PCC) sta facendo rivivere il socialismo...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Rapporto ingannevole del Pentagono 'nasconde' le armi nucleari statunitensi

Il Pentagono, nel suo ultimo rapporto sulla sua nuova dottrina nucleare, cerca di mostrare la presunta mancanza di sviluppo nucleare degli Stati Uniti per nascondere i veri dati sul suo arsenale atomico, secondo un'analisi del quotidiano statunitense 'The Washington Post'.

Il segretario del Dipartimento della Difesa (il Pentagono), Jim Mattis, ha mostrato e spiegato al Senato un grafico...
Notizia del:

Mar Cinese Meridionale, Pechino promette "un'umiliazione totale" agli Stati Uniti

Pechino ha minacciato Washington di "un'umiliazione totale" se le sue "provocazioni" nel Mar Cinese Meridionale dovessero continuare. Le dichiarazioni dalla Cina arrivano dopo...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:

L’uso fake dei diritti umani. La Cina si disciplina contro le interferenze Usa

  di Fabio Massimo Parenti - Marx21.it Xinjiang e Tibet Il 13 dicembre Human Right Watch, organizzazione con base a New York e sedi in mezzo mondo, ha rilasciato un rapporto sulla...
Notizia del:

Altro colpo mortale all'egemonia del dollaro? Cina e Pakistan da oggi lo sostituiscono con lo yuan

La Banca centrale del Pakistan ha concordato martedì di sostituire il dollaro USA con lo yuan per gli scambi bilaterali con la Cina. Si tratta di una decisione che potrebbe acellerare la fine dell'egemonia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La Francia si muove verso Cina e Russia?

Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, l’intenzione di intensificare le relazioni commerciali con Russia e Cina

  Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha mostrato la sua volontà...
Notizia del:

Pechino verso un nuovo 'soft power'?

  di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it La Cina “globale” ha prestato sempre più attenzione alla sua immagine, alla diffusione e alla promozione della propria cultura,...
Notizia del:     Fonte: SANA - Telesur

L'agenzia siriana SANA smentisce Sputnik sull'arrivo di truppe cinesi in Siria

Con un comunicato, l'agenzia statale siriana, SANA, ribadisce di non essere la fonte della notizia circa l'arrivo di truppe cinesi nel paese arabo.

All'inizio di questa settimana, era stata diffusa da diverse agenzie di stampa la notizia circa lo schieramento...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Le bugie di Ghouta: ma non vi siete stancati delle fake news sulla Siria?

PICCOLE NOTE   Il copione si ripete con ripetitività estenuante: la campagna condotta dall’esercito di Damasco per liberare il Ghouta dalle milizie jihadiste che lo...
Notizia del:

Strage Florida: il terrorista segnalato all’Fbi un mese fa

PICCOLE NOTE   Sulla strage scolastica avvenuta alcuni giorni fa nel liceo di Parkland, una delle  più efferate registrate negli Stati Uniti, emergono altri...
Notizia del:

E così, dopo tante piccole bugie e grandi fake news... gli Usa ammettono: non abbiamo prove delle armi chimiche di Assad

PICCOLE NOTE E così, dopo tante piccole bugie e altrettante spudorate menzogne, la narrativa anti-Assad subisce una ferita mortale: gli Stati Uniti hanno ammesso che non hanno nessuna...
Notizia del:

È finita l’era Netanyahu?

PICCOLE NOTE La polizia israeliana, al termine di una lunga e travagliata inchiesta, ha espresso la convinzione che Benjamin Netanyahu debba essere incriminato.  L’accusa...
Notizia del:

Best for Britain, Soros scende in campo per sovvertire il risultato della Brexit

Piccole Note «La campagna in chiave pro-UE per invertire il voto sulla Brexit ha ricevuto oltre 400.000 sterline di finanziamenti dalla Fondazione del miliardario americano George...
Notizia del:

Sochi, il futuro della Siria in bilico

PICCOLE NOTE  A Sochi si riuniscono delegati turchi e iraniani e parte dell’opposizione siriana per continuare i negoziati di Astana sul destino della Siria. Putin ha provato...
Notizia del:

Usa e il progetto dell’atomica tascabile

PICCOLE NOTE  C’è dibattito negli Stati Uniti sull’ipotesi di cambiare la politica americana riguardo le armi nucleari. Nuove norme, nuove testate. Tra le novità,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa