/ La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la ...

La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la Cina?

La vittoria di Abe in Giappone significa riarmo. Come reagirà la Cina?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


PICCOLE NOTE 


Il premier giapponese Shinzo Abe stravince le elezioni, che con astuzia ha anticipato nella speranza di fare il pieno di voti. Scommessa vinta, anche grazie alla inconsistenza dei suoi oppositori.
 

Ora ha i numeri per realizzare il suo grande sogno: cambiare la Costituzione per eliminare l’opzione pacifista che dalla seconda guerra mondiale ha impedito al Giappone di dotarsi di un esercito nazionale vero e proprio.
 

Nonostante la netta vittoria non ha la maggioranza assoluta necessaria per la modifica costituzionale: gli serve un appoggio esterno.
 

Ma già esiste: infatti le elezioni hanno visto la partecipazione del partito della Speranza, creato dall’ex ministro della Difesa di Abe, Yuriko Koike, attuale governatrice di Tokio.
 

Koike da tempo si è espressa a favore della riforma e non farà mancare i suoi voti, anche se ovviamente li farà pesare in sede di negoziato.
 

Così il Giappone potrà avviare una corsa al riarmo, che si prospetta più che imponente. Una corsa giustificata dal bullismo della Corea del Nord, che ha più volte minacciato Tokio, gratificando il partito di Abe di consensi insperati in queste elezioni.
 

il premier, infatti, ha saputo cavalcare in maniera egregia la paura conseguente alle improvvide iniziative di Pyongyang, e ora si appresta a essere conseguente alle promesse elettorali.
 

Val la pena rimandare a uno scritto della Koike, che spiega come sia ingiustificato l’allarmismo di quanti vedono in questa riforma costituzionale il «ritorno del militarismo giapponese».
 

Secondo la governatrice di Tokio, infatti, il riarmo si situerebbe all’interno di «un sistema di alleanze» volto a garantire la pace in Estremo Oriente.
 

Tale riarmo, secondo la Koiko, garantirerebbe «un maggiore equilibrio strategico nella regione» e porterebbe le maggiori potenze asiatiche, «Cina, India, Giappone e Stati Uniti», a raggiungere una concertazione simile «a quella che ha garantito all’Europa quasi un secolo pace».


Fin qui la visione ottimistica della governatrice di Tokio. Una visione che include gli Stati Uniti ma esclude la Russia, che pure sta rafforzando la sua presenza nella regione.
 

Va considerato che il nuovo assetto del Giappone favorirà una corsa al riarmo in una regione che vede già un accumulo impressionante di armamenti. Non solo: già oggi Tokio svolge una funzione di contenimento dell’espansionismo cinese. Probabile che, meglio armato, la svolgerà in maniera più assertiva.
 

Va ricordato che Pechino e Tokio hanno controversie fin troppo accese riguardo al Mar cinese meridionale, che il Dragone considera parte del proprio spazio vitale a detrimento delle rivendicazioni altrui.
 

Controversie che si concentrano in particolare sul destino di alcune isole, presso le quali spesso hanno incrociato le loro rotte navi cinesi e giapponesi. Probabile che si alzi il livello dello scontro.
 

Resta infine la variabile impazzita della Corea del Nord, fonte di preoccupazione per il mondo intero, ma molto più per la Corea del Sud e il Giappone: anche tale contesa può riservare nefaste sorprese.
 

Insomma, il quadro tracciato dalla Koiko sembra peccare dieccessivo ottimismo: sperare che il riarmo del Giappone possa favorire un processo distensivo nella regione è alquanto bizzarro.
 

Eppure potrebbe anche aver ragione, stante che la nuova situazione renderà la prospettiva di un conflitto più catastrofica che mai.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: America XXI

Venezuela in default? Interviene la Cina: «Il Governo del Venezuela ha promesso di pagare il debito e ha trasformato le parole in fatti»

«Crediamo che il governo e il popolo venezuelano abbiano la credibilità per gestire adeguatamente la questione del debito», ha spiegato il portavoce del ministero degli Esteri cinese

  Tanto è stato scritto, soprattutto fake news ad onor del vero, sulla situazione debitoria verso...
Notizia del:

Mugabe deposto. Cosa avviene in Zimbabwe?

Il novantatreenne leader africano si troverebbe al momento sotto custodia dell’esercito insieme alla moglie. Questo è quanto emerge dalle notizie, ancora confuse e frammentarie, provenienti da Harare

  Dopo ben 37 anni ininterrotti al potere i militari hanno deposto il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe....
Notizia del:

Cina-USA. 100 anni dopo la Rivoluzione d'Ottobre il Piano ha sconfitto il mercato

di Pasquale Cicalese per Marx21.it Si è appena celebrato l’anniversario della Rivoluzione d’Ottobre e tutti i media parlano di cortei nostalgici di un mondo che, per fortuna,...
Notizia del:

Tre Rivoluzioni ispirate dalla Rivoluzione d'Ottobre che hanno trionfato

Le rivoluzioni in Cina, Nicaragua e Cuba trassero ispirazione delle gesta compiute dai Bolscevichi in Russia

  100 anni fa con la Rivoluzione d’Ottobre compiuta dai Bolscevichi in Russia, il mondo intero...
Notizia del:

L'eredità della Rivoluzione d'Ottobre permane nonostante la dissoluzione dell'Unione Sovietica

Dopo più di 20 anni dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova era, segno dello spirito permanente della Rivoluzione d'Ottobre

da Global Times   Martedì segna il centenario della Rivoluzione d’Ottobre. Il giorno speciale...
Notizia del:

"Socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era": cosa cambia in Cina dopo il Congresso

  di Diego Angelo Bertozzi  e Francesco Maringiò per Marx21.it Congresso e Socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era Per settimane l’avvicinamento...
Notizia del:

Il "socialismo cinese per una nuova era" di Xi viene inserito nello Statuto del Partito comunista

Come ci si aspettava nell'oceano delle previsioni che hanno accompagnato l'avvio del 19° congresso del Pcc, il nome dell'attuale segretario Xi Jinping è stato inserito, accanto...
Notizia del:

XI AGGIORNA DENG: il 19° Congresso del Partito Comunista cinese in tempo reale

A proposito del 19° Congresso del Partito Comunista cinese, pubblichiamo i commenti di Diego Bertozzi - autore di Cina. Da «sabbia informe» a potenza globale - in tempo reale:    Socialismo...
Notizia del:

La tesi del “fine del comunismo” e il 19° congresso del Partito Comunista Cinese

di Fausto Sorini Intervento al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”»,...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

In Yemen è strage di bambini per il massacro saudita. "Muore un bambino ogni dieci minuti"

PICCOLE NOTE  Da quando è iniziata la guerra, in Yemen muoiono circa 50.000 bambini l’anno, «una media di 130 al giorno, o un bambino ogni dieci minuti»....
Notizia del:

La lettera di Suleimani a Khamenei annuncia: "la guerra contro l'Isis è finita"

Il generale Qassem Suleimani, guida delle brigate di al Quds della Guardia Repubblicana, riconosciuto nel mondo come il più autorevole militare iraniano, ha annunciato ufficialmente la vittoria...
Notizia del:

Hariri e Arabia Saudita: il niet di Israele all"Armageddon in Medio Oriente"

PICCOLE NOTE La crisi libanese conseguente al rapimento da parte dei sauditi del primo ministro Saad Hariri ha rischiato di innescare un conflitto di grandi proporzioni in Medio...
Notizia del:

"Ciò che sta accadendo oggi in Libano è un ritorno alla vigilia dell’invasione israeliana del 1982"

Perché Hariri viene spedito in Francia prima di tornare in Libano?

PICCOLE NOTE  Il caso Hariri sembra risolto. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves...
Notizia del:

«Lo sporco segreto di Raqqa». Perché questo reportage della BBC non è Notizia in Italia?

PICCOLE NOTE  «Lo sporco segreto di Raqqa», questo il titolo di un reportage della Bbc «che documenta l’accordo dei curdi siriani per l’uscita indenne...
Notizia del:

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita

PICCOLE NOTE   A quanto pare quanto avvenuto al primo ministro libanese Saad Hariri non è un caso isolato. Egli condividerebbe la sorte di un altro leader politico, ovvero...
Notizia del:

"Ieri è suonata la «sveglia», per usare le parole di Netanyahu. La sfida mortale è stata lanciata"

Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni del primo ministro libanese, Saad Hariri, avvenuto a Ryad, s’intreccia con il giro di vite che si sta consumando nella stessa Arabia Saudita, dove si registrano delle vere e proprie “purghe”.

Piccole Note Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa