/ L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccar...

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina
 

L'ex ministro dell'Economia argentino denuncia la gestione Macri: «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici»

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Il neoliberismo ha una strategia per l'America Latina, che ha a che fare con il libero mercato, la spaccatura della regione, l’entrata in accordi di libero scambio con diversi fattori e blocchi dell'economia globale che non porterà alcuna soluzione», questo è quanto dichiarato dall’economista argentino Axel Kicillof, già ministro dell’Economia durante il governo di Cristina Fernandez in Argentina, ai microfoni di teleSUR nell’ambito del programma EnClave Politica. 

 

L’ex ministro argentino ha poi affermato che la regione latinoamericana può affrontare la crisi attuale. «Penso che dobbiamo rispondere con una strategia latinoamericana (…) credo che i settori del movimento popolare dell’America Latina devono compiere urgentemente un salto verso l’integrazione». 

 

Dai temi latinoamericani, si passa poi a discutere delle questioni argentine dove le politiche di neoliberismo selvaggio applicate dal governo Macri stanno danneggiando il paese. «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici». 

 

Al contrario di quanto accadeva durante la gestione kirchnerista: «Abbiamo concluso la nostra esperienza con una crescita del 2% e un tasso di disoccupazione che si aggirava intorno al 7%». 

 

Invece la gestione Macri è stata capace di trasformare la crescita «in recessione e far giungere la disoccupazione alla doppia cifra, oltre i dieci punti percentuali».

 

Le politiche neoliberista applicate dal governo Macri in modo ottuso hanno provocato «svalutazione e un’inflazione molto forte». 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Argentina: la coltivazione di soia transgenica provoca inondazioni. Il ministro dell'ambiente parla di «profezie apocalittiche»

Il rabbino Sergio Bergman, quando ha preso la carica di Ministro dell’Ambiente del governo di Mauricio Macri, ha dichiarato di non avere alcuna conoscenza sulla materia

da HispanTV   Sembra una bella alba su di una laguna, ma è l'immagine di una tragedia. Mi...
Notizia del:

Il Premio Nobel per la Pace Pérez Esquivel contro Macri e Rajoy: non hanno autorità morale per giudicare gli affari interni del Venezuela

da AVN   Il Premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, ha affermato che i presidenti di Argentina e Spagna, Mauricio Macri e Mariano Rajoy, non hanno l’autorità morale...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Argentina, le Madri di Plaza de Mayo paragonano Macri a Videla per la sparizione di Santiago Maldonado

  La presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, ha espresso la propria solidarietà per il caso del giovane argentino Santiago Maldonado, avvistato per l’ultima...
Notizia del:     Fonte: Avn

Il Venezuela dedica il 72% del proprio bilancio agli investimenti sociali

Il presidente Maduro ha evidenziato che questi ingenti investimenti nel sociale, hanno permesso che negli ultimi anni fossero consegnati oltre 1,7 milioni di alloggi popolari attraverso la Gran Misión Vivienda Venezuela

di Fabrizio Verde   Il 72% del bilancio nazionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela è...
Notizia del:

Siamo tutti soldati di Maduro!

Siamo tutti soldati di Maduro perché come ebbe a dire il filosofo Fernando Buen Abad «non sarà per noi sufficiente l'eternità per pentirci, se non sapremo generare un gran movimento planetario a difesa della rivoluzione Venezuelana»

di Fabrizio Verde   «Siamo chavisti fino alla morte. E quando Maduro ordina, io mi vesto da soldato...
Notizia del:

Le Madres in Argentina tornano ad occupare Plaza de Mayo dopo il primo caso di desaparecido "nella democrazia del Signor Macri"

Telesur L'organizzazione delle Madri e delle Nonne di Plaza de Majo ha dichiarato che venerdì occuperà la nota piazza per protestare contro Macri e richiedere il rilascio immediato...
Notizia del:

Santiago Maldonado: il primo desaparecido nell’Argentina di Macri

Diversi testimoni hanno visto Santiago correre per ripararsi dal fuoco. Non è riuscito ad attraversare il fiume e si era rifugiato sotto un albero. Dall’altra parte del fiume, quelli che erano riusciti a fuggire hanno visto Santiago rimanere lì accovacciato tra i 20 e i 25 minuti, fino a quando lo hanno perso di vista ma potevano sentire la voce di due dei gendarmi che avrebbero intimato a qualcuno “abbiamo qui uno” e un altro gendarme dire “sei in arresto”

da Contropiano* Il Centro di Studi Sociali e legali ha chiesto l’intervento urgente del Comitato sulle...
Notizia del:

Il Venezuela alle urne, la fila si forma all'alba

Articolo di Gerladina Colotti da Caracas

di Geraldina Colotti   All'Unità educativa Miguel Antonio Caro la gente è in fila...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

Evo Morales: la voce antimperialista di Chavez vive nella lotta rivoluzionaria dei popoli

«Commemoriamo la nascita di Hugo Chavez, compagno di lotta, militare patriota e statista che ha concepito la rivoluzione del XXI secolo»

  Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha reso onore al lascito antimperialista del leader della Rivoluzione...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Successi geopolitici sotto la guida di Hugo Chávez

Fin dal suo arrivo al potere nel 1999, il presidente rafforzò l’integrazione dell’America Latina e i Caraibi, oltre a stringere importanti alleanze con il resto del mondo

da teleSUR   La visione di Hugo Chávez Frias è sempre andata oltre le frontiere del paese...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: AVN

Elezioni in Venezuela, il Ceela conferma che il processo elettorale riflette la volontà dei votanti

Il Consiglio degli Esperti Elettorali Latinoamericani (Ceela) smentisce i pochi fake media che paventano brogli

  Alcuni media provano ad insinuare alcuni dubbi, ma il risultato è chiaro oltre che inappellabile:...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

di Alfredo Serrano Mancilla - Publico   Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete...
Notizia del:

Il "tiranno di Caracas" e LA7

  Proprio non c'è verso. Oggi su LA7 Aldo Cazzullo parlava non so se di cucina o di telefonini, ma è riuscito a infilare una frecciata velenosa contro il "tiranno di Caracas"...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

L'Esercito siriano prepara offensiva contro i terroristi sul Golan.... e Israele distrugge il suo sistema anti aereo

L'aviazione israeliana ha distrutto un sistema anti aereo siriano. L'attacco sarebbe una risposta ad una "provocazione" siriana. Le forze armate israeliane hanno informato, precedentemente, la Russia del loro attacco.

Secondo quanto riferiscono i media israeliani, l'esercito del regime israeliano ha attaccato una batteria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa