/ Libia. Gli Usa bombardano non contro il terrorismo. Il vero obiet...

Libia. Gli Usa bombardano non contro il terrorismo. Il vero obiettivo è favorire la vittoria di Hillary

Libia. Gli Usa bombardano non contro il terrorismo. Il vero obiettivo è favorire la vittoria di Hillary
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Piccole Note
 

Gli Stati Uniti bombardano la Libia. Obiettivo l’Isis. Cosa totalmente inutile contro il Terrorismo, anzi lo alimenterà come successo per tutte le precedenti guerre neocon. Inutile contro il terrorismo, la nuova campagna libica è però utile ad altri scopi.

 

I bombardamenti infatti hanno un fine collaterale primario: il loro vero obiettivo è Khalifa Haftar. Uomo forte del governo di Tobruk, egli contrasta il governo di unità nazionale di Fayez Sarraj, instaurato dall’Onu per conto degli Stati Uniti e dell’Occidente, il quale, pur insediato a Tripoli, non riesce domare il caos nel quale è precipitato il Paese.

 

In questo caos muove le sue pedine Haftar, padrone della Cirenaica. Legato a doppio filo all’Egitto ed Emirati arabi (e segretamente alla Francia), da tempo è impegnato a prendere il controllo del Paese, acquisendo ambiti territoriali e politici sempre maggiori.

 

E da tempo impegnato in una lotta serrata contro l’Isis. Per prendere il controllo anche del pezzo di Libia consegnato al Terrore e per spegnere un focolaio di instabilità che mina nel profondo i suoi piani.

 

I bombardamenti Usa tendono quindi ad aiutare il governo centrale contro il suo avversario. Consentendo a Serraj di conseguire un successo contro l’Isis che accrescerebbe il suo prestigio interno.

 

Un successo che attrarrebbe al nuovo governo nuovi ambiti politici, economici e militari, finora avversi (tanti nel caos libico, non solo quelli votati ad Haftar) o recalcitranti.

 

Non serve allo scopo eradicare del tutto l’Isis dal Paese. Basteranno successi limitati, come ad esempio prendere Sirte, considerata la roccaforte del Terrore.

 

I bombardamenti tendono anche a mettere Serraj sotto una più stretta tutela di Washington. A detrimento dei tanti interlocutori internazionali del nuovo potere di Tripoli.

Non è solo una questione di geopolitica, pure importante: in ballo c’è anche la gestione del mare di petrolio sul quale galleggia la «scatola di sabbia» libica.

 

Il nuovo conflitto libico ha anche un altro scopo, inconfessabile: favorire la vittoria di Hillary Clinton alle presidenziali Usa, causa alla quale si è consegnata l’amministrazione Obama.

 

La campagna contro Gheddafi, fortemente voluta dall’ex Segretario di Stato americano, è stata un evidente insuccesso, dato il caos conseguente. Argomento che il repubblicano Donald Trump sta usando contro la sua rivale.

 

Alla Clinton serve quindi che la questione libica sia risolta o in via di risoluzione (almeno in apparenza e nella propaganda) prima che le presidenziali entrino nella fase decisiva.

 

Ed è necessaria anche a lavare una macchia sul suo passato, ovvero l’omicidio del console Usa a Bengasi  Christopher Stevens, avvenuta durante il suo mandato al Dipartimento di Stato.

 

Omicidio avvolto nel mistero, presumibilmente legato a un traffico di armi libiche da dirottare ai jihadisti siriani, rischia di procurare guai alla sua campagna elettorale. I suoi avversari l’accusano di aver abbandonato il funzionario americano al suo destino. Accusa più che infamante.

 

Un successo, vero o propagandato che sia, della nuova campagna libica potrà chiudere definitivamente l’oscura vicenda: giustizia fatta, caso risolto.

 

Come detto, le bombe non risolveranno la piaga terrorismo, anzi l’alimenteranno, come evidenzia l’attentato di ieri a Bengasi: 22 i morti di un’autobomba made in Isis che ha fatto strage di soldati di Haftar (bizzarra convergenza parallela con la strategia Usa).

 

E aumenteranno i migranti diretti verso l’Italia. Danni collaterali scontati, messi evidentemente in conto da chi ha dato il via all’intervento.

 

Detto questo il caos libico può riservare amare sorprese. Per questo, almeno per ora, gli americani si limitano ai raid aerei: non possono permettersi caduti e bare.

 

Dati i pregressi e il momento elettorale, le conseguenze per la candidata del partito democratico sarebbero devastanti.


Segui Piccole Note
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Al-Youm Rai

Gli Stati Uniti facilitano il trasferimento dell'ISIS e di Al-Qaeda in Libia

Un accordo segreto raggiunto dagli Stati Uniti e da diversi paesi arabi del Medio Oriente consente il trasferimento di migliaia di terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo), Al-Qaeda e di altre cellule estremiste dall'Iraq, Siria e Libano in Libia, ha rivelato il giornale arabo Al-Youm Rai.

Nell'articolo pubblicato ieri dal giornale arabo, 'Al-Youm Rai', che cita diverse fonti di intelligence...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Un senatore repubblicano rivela: nessuna prova di 'attacchi sonici' contro diplomatici Usa a Cuba

Gli Stati Uniti non hanno trovato prove che i suoi diplomatici a L'Avana, a Cuba, siano stati vittime di ‘attacchi sonici’ con un'arma sconosciuta

  La questione ha tenuto banco per diverso tempo e i media nostrani hanno, come sempre, rimasticato le nebulose...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Studio Conflict Armament Research conferma: armi Usa per i "ribelli" siriani sono finite nelle mani dell'ISIS

La CIA non ha voluto commentare il Rapporto

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: La Resistenza sconfiggerà l'ISIS creato da Obama e Hillary Clinton

Il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah ha condannato l'interferenza saudita negli affari interni del Libano e ribadito che la Resistenza sconfiggerà l'ISIS creato da Obama e da Hillary Clinton.

In un discorso, tenuto in occasione dell'anniversario del quarantesimo giorno dopo il martirio dell'Imam...
Notizia del:

6 anni dall'assassinio di Gheddafi. Così titolavano i civili giornali occidentali: noi non dimentichiamo.

Sei anni fa veniva assassinato Mu'ammar Gheddafi. Era il 20 ottobre 2011. E questa è stata la reazione dei liberi giornali occidentali...   Rimane estremamente attuale...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Anadolu Agency

Gli USA toglieranno l'appoggio alle FDS se combatteranno contro le truppe turche ad Afrin

Gli Stati Uniti avvertono che interromperanno il loro appoggio alle unità delle cosiddette 'forze democratiche siriane' se si trasferiranno da altre zone ad Afrin, per affrontare l'operazione militare lanciata dal governo turco.

Secondo l'agenzia ufficiale turca 'Anadolu Agency', gli Stati Uniti hanno avvertito le unità...
Notizia del:     Fonte: RT

Russia: "Le ultime dichiarazioni degli Stati Uniti sull'attacco chimico in Siria sono inaccettabili"

"L'unico scopo di tutto questo è rendere ancora più tesa la situazione e cercare pretesti per accusare Mosca di 'coprire' i casi di uso di armi chimiche", ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

Mosca considera le ultime asserzioni degli Stati Uniti "inaccettabili" sull'attacco chimico in...
Notizia del:

"Turchia e Usa: fuori dalla Siria subito!" Dichiarazioni del Peace Committee of Turkey e del Syria Solidarity Movement

    Grande  è la confusione di questi giorni.   Un pezzo della Siria, la regione di Afrin, è bombardato dalla Turchia che con l’operazione Ramo d’ulivo...
Notizia del:

Massima allerta. Facebook censura Telesur

Alla redazione di Telesur va tutta la solidarietà de l'AntiDiplomatico per la censura subita

Ieri proprio vi scrivevamo del fatto che Facebook con il nuovo cambio di algoritmo avesse penalizzato la nostra...
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa