/ Libia, inizia la campagna della Clinton

Libia, inizia la campagna della Clinton

Libia, inizia la campagna della Clinton
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Di Fulvio Scaglione
 
A che servono, davvero, questi bombardamenti sulla Libia? O forse dovremmo dire: a chi? Per rispondere bisogna prima tirare qualche linea di confine. Intanto, le bombe Usa cadono su Sirte, la città della costa da più di un anno occupata dalle milizie dell’Isis. I terroristi sono asserragliati in alcuni quartieri ben identificati presso il mare. Mantengono però il controllo della città, in cui sono rimasti almeno 30 mila civili. Ovviamente, trattandosi di bombe “nostre”, non si parla di vittime civili o “danni collaterali”, che comunque ci sono. I bombardamenti dureranno almeno un mese, fanno sapere gli alti comandi americani, con l’obiettivo di liberare la città e disperdere le milizie islamiste. Liberare la città? È possibile, nel senso che i miliziani, quando la pressione dal cielo supererà una certa soglia, se ne andranno e proveranno a ricompattarsi altrove. Sbandare le milizie islamiste? Difficile. Perché dovrebbe succedere in Libia ciò che non è successo, dopo oltre due anni di bombe, né in Siria né in Iraq?
 
Altro confine da definire: chi ha voluto queste bombe? Secondo gli americani, l’intervento è stato richiesto dal Fayez al-Sarraj, premier del cosiddetto Governo di unità nazionale libico. In realtà Al Sarraj governa assai poco e richiede quel che gli viene detto di richiedere dai partner occidentali che hanno fatto nascere il suo Governo. Gli si può attribuire, al massimo, l’intenzione di sventare i piani del generale Khalifa Haftar, che cerca un ruolo per sé e per le proprie milizie e da un’eventuale conquista di Sirte trarrebbe autorevolezza e benefici politici.
Gli Usa, a prime bombe lanciate, hanno ottenuto il solito via libera dell’Onu (che ha definito i raid “in linea con le risoluzioni delle Nazioni Unite”). Ma soprattutto si sono mossi sulla scorta della Authorization for Use of Military Force (Aumf) che fu approvata subito dopo gli attentati dell’11 settembre, ovvero quindici anni fa. Concepita per colpire Al Qeda (e l’Isis, in teoria, sarebbe persino nemico di Al Qaeda), l’Aumf è una specie di chiave universale che consente alla Casa Bianca di impiegare le forze armate senza dover chiedere il benestare del Congresso. Siamo insomma nel solito quadro: gli Usa vanno, l’intendenza (Onu, Paesi alleati come l’Italia e Paesi satelliti) segue e approva.
In sintesi, che cosa abbiamo? Un presidente, Obama, che pochi mesi fa ha definito “il mio più grande errore” la conduzione della campagna in Libia contro Muhammar Gheddafi nel 2011 e che ora, nel crepuscolo politico, replica pari pari la strategia di allora. Un comando, quello americano, che da lungo tempo andava considerando l’ipotesi dei bombardamenti, tanto che già in gennaio il generale Joseph Dunford, capo di stato maggiore, ammetteva che “gli Stati Uniti si stanno preparando a un’azione decisiva in Libia contro l’Isis”. Una comunità internazionale a cui viene l’eritema al solo sentir parlare di spedizione via terra, anche se tutti i generali avvertono che di sole bombe non si campa e nemmeno si vince. E un nemico, le famose milizie dell’Isis annidate a Sirte, formato da poche migliaia di uomini (la cifra massima finora fatta è 6 mila, ma in tutta la Libia) che, sia rispetto al problema Isis in generale, sia rispetto ai problemi della Libia in particolare, sono di fatto una variabile secondaria.
Di colpo, però, non si può stare senza bombardare Sirte. In Italia, per preparare l’opinione pubblica al fatto che i caccia e i droni Usa dovranno usare le nostre basi e che forse ci verrà chiesto anche altro, il Governo rivela che l’Isis lucra sui flussi dei migranti. Storia vecchia: diverse settimane, per dire, fa il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti ne aveva parlato all’Est Forum 2016 sulle migrazioni svoltosi a Roma. Però fa sempre effetto, e alla gente qualche bomba in più fa sempre piacere.
Viene allora il dubbio che questi raid debbano fare effetto più in America che in Libia e servano a mettere un po’ di adrenalina nella campagna elettorale di Hillary Clinton, che stenta più del previsto. Fu Hillary la grande artefice dell’intervento del 2011, su questo non c’è dubbio. Quella campagna divenne una sua sfida personale, tanto da coinvolgerla nello scandalo delle mail fatte girare sui server privati della Fondazione Clinton invece che su quelli del Dipartimento di Stato. Tra le tante, anche centinaia di mail in cui la Clinton discuteva del presente (la guerra) e del futuro (il nuovo Governo da costruire) della Libia con il consigliere privato Sidney Blumenthal, l’avvocato che aveva difeso suo marito Bill nello scandalo Levinski e che con la politica estera americana non aveva nulla a che fare.
Che c’è di meglio, per una candidata con questi scheletri nell’armadio, di una nuova campagna militare in Libia? Servirà a dimostrare che quella strada, anche se finita male, era però necessaria, inevitabile. E che la Clinton è la candidata con il resolve, la determinazione giusta per affrontare i problemi e prendere le decisioni sgradevoli ma necessarie. Tanto più che ora si tratta di attaccare l’Isis, il famoso nemico di tutti. E poco importa che da anni si traccheggi nel colpirlo laddove è forte, cioè in Siria e in Iraq: basterà colpirlo dove è debole, cioè in Libia, per sventolare sotto il naso degli elettori un risultato positivo, anzi onorevole.
Tanto più che il rivale Donald Trump non potrà dire nulla. Nel 2011 si era espresso contro l’avventura anti-Gheddafi, finita nel disastro che sappiamo. Ma chi se ne ricorda, ora? Qualche mese fa, invece, Trump aveva detto che non vedeva altra soluzione se non bombardare l’Isis in Libia. Oggi, mentre Obama fa proprio quel che lui chiedeva, Trump non può tirarsi indietro. Sono gli svantaggi dello sfidante e il palazzinaro coi capelli rossi deve pagar pegno. Lo ha capito subito il Cremlino, che non sopporta la Clinton e quindi cerca di ostacolarla. Il ministro degli Esteri Lavrov ha subito definito “illegali” i nuovi bombardamenti e ha chiesto una riunione del Consiglio di Sicurezza
Ma la mossa giusta, questa volta, è quella di Obama e della Clinton. Quando calerà la polvere, Sirte sarà “liberata”, i miliziani dell’Isis si saranno trasferiti altrove e la Libia sarà nel caos come sempre dal 2011, gli Usa avranno già un nuovo Presidente. E nessuno ricorderà questi giorni.
Per gentile concessione dell’autore
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: occhidellaguerra
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Anadolu Agency

Gli USA toglieranno l'appoggio alle FDS se combatteranno contro le truppe turche ad Afrin

Gli Stati Uniti avvertono che interromperanno il loro appoggio alle unità delle cosiddette 'forze democratiche siriane' se si trasferiranno da altre zone ad Afrin, per affrontare l'operazione militare lanciata dal governo turco.

Secondo l'agenzia ufficiale turca 'Anadolu Agency', gli Stati Uniti hanno avvertito le unità...
Notizia del:     Fonte: RT

Russia: "Le ultime dichiarazioni degli Stati Uniti sull'attacco chimico in Siria sono inaccettabili"

"L'unico scopo di tutto questo è rendere ancora più tesa la situazione e cercare pretesti per accusare Mosca di 'coprire' i casi di uso di armi chimiche", ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

Mosca considera le ultime asserzioni degli Stati Uniti "inaccettabili" sull'attacco chimico in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Dopo anni migliaia di civili tornano nelle loro case nella provincia di Damasco

Un gran numero di civili sfollati hanno iniziato a tornare nelle loro case vicino alla capitale siriana, Damasco. Vengono da diverse parti della capitale e dei suoi dintorni. Alle famiglie sono state infine restituite le loro case dopo diversi anni di allontanamento causato dai terroristi.

Da Hispantv   Migliaia di civili sfollati si sono radunati fuori dalla città di Al-Bueda, nella...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Anadolu Agency

Gli USA toglieranno l'appoggio alle FDS se combatteranno contro le truppe turche ad Afrin

Gli Stati Uniti avvertono che interromperanno il loro appoggio alle unità delle cosiddette 'forze democratiche siriane' se si trasferiranno da altre zone ad Afrin, per affrontare l'operazione militare lanciata dal governo turco.

Secondo l'agenzia ufficiale turca 'Anadolu Agency', gli Stati Uniti hanno avvertito le unità...
Notizia del:     Fonte: RT

Russia: "Le ultime dichiarazioni degli Stati Uniti sull'attacco chimico in Siria sono inaccettabili"

"L'unico scopo di tutto questo è rendere ancora più tesa la situazione e cercare pretesti per accusare Mosca di 'coprire' i casi di uso di armi chimiche", ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

Mosca considera le ultime asserzioni degli Stati Uniti "inaccettabili" sull'attacco chimico in...
Notizia del:

"Turchia e Usa: fuori dalla Siria subito!" Dichiarazioni del Peace Committee of Turkey e del Syria Solidarity Movement

    Grande  è la confusione di questi giorni.   Un pezzo della Siria, la regione di Afrin, è bombardato dalla Turchia che con l’operazione Ramo d’ulivo...
Notizia del:

Massima allerta. Facebook censura Telesur

Alla redazione di Telesur va tutta la solidarietà de l'AntiDiplomatico per la censura subita

Ieri proprio vi scrivevamo del fatto che Facebook con il nuovo cambio di algoritmo avesse penalizzato la nostra...
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa