/ L'invasione dei migranti è una balla colossale (la nostra incapac...

L'invasione dei migranti è una balla colossale (la nostra incapacità no)

L'invasione dei migranti è una balla colossale (la nostra incapacità no)
 

Numeri, statistiche e libri di storia alla mano, la cosiddetta invasione dei migranti è una cosa superabilissima. Se solo l’Europa fosse unita. Ma dalle dichiarazioni di Macron in poi, i leader Ue dicono una cosa e ne fanno un’altra

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione - Linkiesta

La questione dei flussi migratori si rivela ogni giorno di più la tempesta perfetta per la fragile barca della Ue, bucherellata in pari misura dai ritardi culturali e dalle inanità politiche. In Europa si scontrano due fronti che dicono cose opposte ma fanno la stessa cosa perché, in estrema sintesi, uno non ha la testa per capire e l'altro non ha le palle per agire.

Cominciamo da quelli, solitamente detti “ di destra” o “populisti”, che propongono ricette mai davvero spiegate e quindi inconcludenti (tipo: “aiutiamoli a casa loro” o rimandiamoli al mittente) perché temono l'invasione.
Diventerà mai possibile spiegar loro che non c'è alcuna invasione? I numeri dei migranti paiono enormi perché ad affrontarli c'è giusto un pugno di Paesi, l'Italia e la Grecia soprattutto. In queste condizioni, 1 milione e 200 mila richieste d'asilo come quelle presentate nel 2016, l'anno record, ovviamente sembrano (e sono) un'enormità. Ma sono poca roba se confrontate con la realtà europea, un insieme di Paesi che conta 503 milioni di abitanti (6,9% della popolazione mondiale) e vale il 20% degli interscambi commerciali globali. Tanto più che queste richieste sono per lo più respinte: in Italia il 61%.

Inoltre: se ci fosse una vera invasione, saremmo già stati...invasi. Basta dare un'occhiata di fronte a noi. In Medio Oriente vivono 410 milioni di persone che per il 32% hanno meno di trent'anni. In Africa vive la maggioranza di quel miliardo e 200 milioni di persone che hanno meno di 25 anni. Ma non solo. Sono tutti in Africa i cinque Paesi del mondo con l'età media più bassa. Ovvero: Niger, con l'età media a 15,1 anni; Uganda e Mali, 15,5 anni; Malawi e Zambia, 16 anni. Il che fa sì che nel continente africano l'età media sia 28 anni, contro i 46,1 della Germania, i 44,5 dell'Italia e i 44,3 dell'Austria. Aggiungiamo le dittature, le carestie, una spruzzatina di guerre. Davvero crediamo che quella che sta arrivando sulle nostre coste sia un'invasione? Davvero non abbiamo capito che l'emigrazione verso l'Europa è una cosa per benestanti (quindi pochi), perché i veri poveri (tanti) non se la possono permettere e restano laggiù?

Davvero non abbiamo capito che l'emigrazione verso l'Europa è una cosa per benestanti (quindi pochi), perché i veri poveri (tanti) non se la possono permettere e restano laggiù?
Però attenzione: non è che gli altri, gli illuminati, siano di tutt'altra pasta. Parlano parlano ma alla fin fine... Il nostro premier Gentiloni è andato alle riunioni Ue a chiedere di “discutere del ruolo delle ong, della missione di Frontex, delle risorse a disposizione per lavorare in Libia e negli altri Paesi africani, della possibilità di allargare i nostri programmi". Di fatto, a chiedere di rovesciare la pratica politica di questi ultimi anni. Perché solo una settimana prima il Consiglio d'Europa si era chiuso rinviando sine die il riesame del regolamento di Dublino (quello che incastra l'Italia, costringendola a trattare e curare tutti coloro che sbarcano, anche se non è all'Italia che mirano), senza affrontare i buchi della missione Frontex, senza parlare delle imbarcazioni “umanitarie” che i migranti vanno quasi a prenderli a casa e poi li scaricano a noi e solo a noi, senza rifinanziare gli aiuti per lo sviluppo dei Paesi dell'Africa da cui tanti migranti cominciano il viaggio. E quando l'Italia, forte di un'esperienza storica senza pari, chiedeva un ruolo di primo piano in Libia, Francia e Regno Unito ci hanno risposto picche, impegnati come sono a completare il disastro da loro stessi avviato con la guerra del 2011.

Emmanuel Macron era tutto un miele sul dovere di aiutare l'Italia. Ma alla prima ondata di migranti, quella di questi giorni, ha sbarrato il confine di Ventimiglia e si è messo a pontificare di “richiedenti asilo” (i migranti buoni) e “migranti economici” (quelli cattivi), come se non sapesse che distinguerli è sempre più difficile, per non dire impossibile

Parole tante, fatti pochi. Muri dappertutto, così la grana tocca al vicino. E mistificazioni a non finire. Emmanuel Macron, l'homo novus francese che dovrebbe rifare l'Europa a braccetto con la Merkel, al Consiglio d'Europa era tutto un miele sul dovere di aiutare l'Italia. Ma alla prima ondata di migranti, quella di questi giorni, ha sbarrato il confine di Ventimiglia e si è messo a pontificare di “richiedenti asilo” (i migranti buoni) e “migranti economici” (quelli cattivi), come se non sapesse che distinguerli è sempre più difficile, per non dire impossibile. Uno che cerca di sfuggire alla carestia e alla desertificazione è un “migrante economico”? E uno che arriva dalla Nigeria ricca di petrolio e tormentata da Boko Haram è per forza un “richiedente asilo”? Un commerciante siriano di Aleppo che ha parenti e relazioni in Germania che cos'è?

Dietro l'apparente diversità delle posizioni, quindi, c'è un vero pensiero unico: l'unico migrante buono è quello che finisce a casa d'altri. Dichiarazione di fallimento politico di un'Europa che, in fondo, per affrontare i flussi migratori avrebbe dovuto fare una cosa molto semplice e molto desiderate ma a quanto pare impossibile: unirsi e agire unita.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.linkiesta.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: https://www.timesofisrael.com

Macron e Trump accettano di unirsi per combattere Iran e Hezbollah

Il presidente francese e il suo omologo statunitense hanno deciso di unirsi per lottare contro l'Iran e Hezbollah.

In una conversazione telefonica, il presidente della Francia e Stati Uniti, e Donald Trump Emmanuel Macron, rispettivamente,...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'incredibile ricetta politica della Boldrini: "Più Europa per sconfiggere il neo-liberismo"

Laura Boldrini sta lanciando la sua volata come uno dei volti che deve provare a rimettere in piedi i cocci di...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: ecco il saldo della violenza terrorista scatenata dall'opposizione

Il bilancio sanguinoso dei mesi di violenza terrorista imposta da un'opposizione irresponsabile e intrinsecamente golpista

di Fabrizio Verde   Da aprile a luglio di quest’anno il Venezuela è stato investito da...
Notizia del:

“Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero nemico. E per farlo serve la verità.

"L’operazione verità risultante dallo sciopero generale del 10 e dalla manifestazione dell’11 novembre, indica oggi l’unico vero percorso possibile: un fronte politico e sociale di forze ben coordinate tra loro che perseguono la rottura del quadro esistente, si organizzano per farla crescere nel blocco sociale che condivide interessi materiali ed etici, si misurano con le soluzioni a breve, medio e lungo periodo per concretizzarla."

di Sergio Cararo* Se anche il direttore de La Repubblica comincia a parlare di “falò...
Notizia del:     Fonte: TASS

Scoperte mine di fabbricazione italiana nella bonifica della provincia di Aleppo

Gli sminatori siriani hanno scoperto almeno 30 mine di fabbricazione italiana nella campagna di Aleppo.

Gli sminatori siriani hanno trovato mine di fabbricazione italiana durante i lavori di bonifica nel villaggio...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Gli USA si astengano dai commenti sul futuro di Assad

L'inviato della Russia dell'ONU, Vasily Nebenzya, ha avvertito gli Stati Uniti in merito ai commenti sul futuro del presidente siriano Bashar Assad e della sua famiglia.

"Penso che non dobbiamo fare previsioni sul futuro di nessuno. Il tempo mostrerà se qualcuno...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

Yazidi sequestrati dall'ISIS: Gli USA e l'Europa non hanno fatto nulla per aiutarci

Gli yazidi smentiscono le affermazioni dei paesi europei e degli Stati Uniti in merito ai tentativi per salvarli dalla schiavitù del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

In un'intervista con l'agenzia di stampa russa Sputnik, pubblicata ieri, gli yazidi costretti a rifugiarsi...
Notizia del:     Fonte: Soufan Center

5600 terroristi dell'ISIS sono tornati nei loro paesi di origine

Almeno 5600 terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo) sono tornati nei loro paesi d'origine, inclusi gli Stati Uniti e il Regno Unito, ha avvertito una relazione del 'Soufan Center'

Nel fornire il suo report,  il centro statunitense 'Soufan Center', aggiunge che questo è...
Le più recenti da IpocrISIS
Notizia del:

Migranti, alcune domande sulle "denunce" dell'ONU

di Fulvio Scaglione* Si infittiscono le denunce, ultima quella delle Nazioni Unite, sulla situazione dei migranti che, in seguito ai patti siglati dall’Italia e dall’Unione...
Notizia del:

Libia, l'Onu oggi condanna. Ma ieri?

di Fulvio Scaglione* Leggo che l'Onu definisce "disumana" la politica Ue di collaborazione con la guardia costiera libica per intercettare i migranti. Curioso, molto. Non fu l'Onu,...
Notizia del:

Fulvio Scaglione: "Ecco come Putin si sta prendendo l'Iraq... e soffiando i curdi agli USA"

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra   Essere un paria della comunità internazionale ha i suoi vantaggi. Soprattutto in Medio Oriente, dove le fedeltà sono volatili, le alleanze...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Occidente, occhio con il mito dei Peshmerga

di Fulvio Scaglione Si registra con regolarità nell’opinione pubblica occidentale, orfana di grandi cause e di esempi trascinanti, una sete di mito che, applicata alle vicende del...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - La strage terrorista (vista) di New York e le tante non viste

di Fulvio Scaglione* - Avvenire La strage compiuta dall’uzbeko Sayfullo Saipov nel cuore di New York è solo l’ultimo episodio di un periodo tra i più...
Notizia del:

Numeri e cifre in Iraq, Afghanistan e Pakistan: i nostri "alleati" sunniti fanno più paura dell'ISIS

di Fulvio Scaglione - Occhidellaguerra Solo qualche giorno fa, due attentati kamikaze contro moschee sciite, poi rivendicati dall’Isis, hanno ucciso 75 persone in Afghanistan, chiudendo...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Yemen, ecco come i sauditi si comprano l'ingiustizia

di Fulvio Scaglione*  Se uno vuole capire i meccanismi che nell’ultimo secolo hanno prodotto tante tragedie in Medio Oriente, non deve far altro che seguire le attuali vicende dello...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa