/ Ma la verità per Giulio Regeni Amnesty International la vuole ver...

Ma la verità per Giulio Regeni Amnesty International la vuole veramente?

Ma la verità per Giulio Regeni Amnesty International la vuole veramente?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

Ma lo slogan della campagna di Amnesty International non era “Verità per Giulio Regeni”? Verrebbe da chiederselo davanti all’odierno tweet del portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury (“Benvenuta ogni indagine che chiarisca il contesto nel quale è maturato l'omicidio di Giulio Regeni e accerti responsabilità di natura morale o civile. Ma non si scordi che l'omicidio è avvenuto in Egitto ad opera di funzionari dello stato egiziano”) che, nell’ultima frase, rivela, essere depositario di una verità assolutamente inedita. E tutto questo mentre crolla come un castello di carte la “neutralità accademica” della tutor di Regeni, Maha Abdel Rahman, alla quale, dopo i suoi innumerevoli "non ricordo”, ora gli inquirenti italiani hanno, addirittura, perquisito la casa. Un finale non imprevedibile considerando quella che è stata finora la gestione del “Caso Regeni” e che come avevamo fatto notare più di un anno fa (vedi l’articolo sotto riportato) aveva visto una lotta a coltello tra i principali media italiani e i loro sponsor.

Ora si direbbe che in questa lotta a coltello si sia lanciato anche Riccardo Noury che ci preannuncia una sua “verità”. Se volesse essere così gentile dallo spiegarcela, gliene saremmo grati.

Verità per Giulio Regeni.

Francesco Santoianni

 

 



 

“Ecco chi ha ucciso Giulio”: il “Caso Regeni” e il triste spettacolo dei media italiani (da L’Antidiplomatico, 7 aprile 2016)

 

Ma chi e perché ha fatto torturare a morte Giulio Regeni, facendo poi trovare, il 3 febbraio 2016, il suo corpo alla periferia del Cairo? Forse su questo omicidio qualcosa in più avremmo potuto saperlo se non si fossero scatenati i media a tifare contro o pro il Presidente Al Sisi; da qualcuno additato come un pazzo tiranno che fa uccidere un cittadino italiano fregandosene che il nostro Paese è uno dei principali partner economici e militari dell’Egitto; da qualche altro considerato il capro espiatorio di un complotto ordito dai servizi segreti inglesi e francesi.

Troppo lunghi i due elenchi dei media, delle loro teorie e, sopratutto, dei loro sponsor economici. Meglio quindi, soffermarsi su un incredibile articolo di Repubblica del 6 aprile che, pur di accusare Al Sisi arriva ad affidarsi ad una serie di (strampalate) mail di un “anonimo informatore” che Carlo Bonini (estensore dell’articolo) ritiene veritiero in quanto “svela almeno tre dettagli delle torture inflitte a Giulio Regeni mai resi pubblici e conosciuti solo dagli inquirenti italiani”, lasciando intendere che lui con gli “inquirenti italiani” (che, comunque, hanno smentito questi “dettagli”) sta culo e camicia. Ma la cosa più sbalorditiva di questo “anonimo informatore” è il suo riportare con esattezza tutte le telefonate intercorse tra i vertici della polizia segreta e gli esponenti del governo egiziano (incluso Al Sisi) che scandirono il calvario di Regeni e – cosa altrettanto incredibile – tutti i dettagli delle torture che sarebbero state effettuate in tre distinte sedi (dapprima una caserma di Giza, poi una sede della Sicurezza Nazionale a Nasr City, poi un sede dei Servizi militari nella stessa città).

Su come avrebbe fatto questo “informatore” a procurarsi tutte queste notizie non vale la pena di domandarselo considerando che Il Corriere della Sera (il giorno stesso della pubblicazione dell’articolo di Repubblica) ha rivelato che queste stesse “notizie” erano state pubblicate il 6 febbraio su Facebook (crediamo che il post sia questo) da tale “Omar Afify”, sedicente “Colonnello della Polizia egiziana in esilio negli USA” considerato, da moltissimi giornalisti, un mitomane.

Davvero strano comunque che il “Corriere” si sia affrettato con un articolo così insolitamente sferzante a infrangere la credibilità del suo sodale “concorrente”. Forse sarebbe opportuno – considerando che sul “Caso Regeni” si gioca un accordo economico di 6 miliardi di dollari e il futuro sfruttamento di un colossale giacimento di idrocarburi al largo delle coste egiziane - andare a controllare i due elenchi dei media e dei loro sponsor.

Francesco Santoianni

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Repubblica e la propaganda per la Nato del Golfo con la bufala: "Le saudite ora vogliono guidare i taxi"

Diritti delle donne, Repubblica ed emiri del golfo

Coninua ad impazzare la, sempre più smaccata, campagna promozionale a favore degli emiri del Golfo condotta...
Notizia del:

Dalla documentazione su internet ai gattini. Breve guida per sopravvivere al "cambio di algoritmo" di Facebook

Piangono lacrime di coccodrillo i padroni di Internet e i loro sponsor. Ora ci fanno sapere che il nuovo corso dei Social per contrastare le famigerate “Fake news di Putin” sarebbe già...
Notizia del:

Guerra e imperialismo. Lettera aperta alla Lista "Potere al Popolo"

Diffondo sul blog questa lettera della redazione di Sibialiria già pubblicata da quest'ultima. E' rivolta alla lista "Potere al popolo" sui temi della guerra e dell'imperialismo. F.S.  Cari...
Notizia del:

Repubblica, che figuraccia! Sull'Osservatorio siriano dei diritti umani ora cambia titolo e contenuti dell'articolo

  Un Annuario delle Figuracce della Stampa? Non sappiamo se esista, ma – se lo è - l’articolo double-face di Repubblica sull’Osservatorio dei diritti umani in Siria, certamente,...
Notizia del:

(VIDEO) Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili

Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili   F.S. **
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Notizia del:

Perché quella dell'antrace è l'ennesima bufala contro la Corea del Nord

Mai sentito parlare del generale Frank Schwable?   Capo di Stato maggiore nel corpo dei Marines, nel 1952, durante i bombardamenti americani sulla Corea del Nord, precipitato per un guasto...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa