/ Nuove sconvolgenti rivelazioni sulla guerra in Siria

Nuove sconvolgenti rivelazioni sulla guerra in Siria

Nuove sconvolgenti rivelazioni sulla guerra in Siria
 

L'esperto australiano James O'Neil: “I documenti rilasciati da Snowden dimostrano come i sauditi armassero i terroristi in Siria dal marzo del 2013"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Le rivelazioni recenti di Edward Snowden sul ruolo saudita nella guerra della Siria hanno smascherato i media mainstream. E’ quello che scrive il giurista australiano esperto di diritto internazionale James O’Neil su NeoJournal.





“I documenti rilasciati da Snowden dimostrano come i sauditi armassero i terroristi in Siria dal marzo del 2013 e dimostrano come la NSA fosse pienamente consapevole. Lavoravano entrambi i paesi alla destituzione del presidente Assad”, scrive l’esperto.
 

O’Neil  cita anche una serie di report investigativi della Bulgarian Investigating Reporting Network (BIRN) che ha scoperto un traffico illecito di armi dagli Stati Uniti e dei suoi alleati in Siria. E, prosegue l’esperto commentando il report Birn, continuano anche adesso che Trump ha ordinato la cessazione dell’invio di armi dal 2017. Per esempio l’isola croata di Krk è stata utilizzata nel 2017 dagli Stati Uniti per rifornire di armi il Medio Oriente.


L’invio di armi da nuove rotte, in particolare Croazia e Azerbaijan, deriva dalle preoccupazione tedesche che gli Usa abbiano utilizzato le basi militari tedesche per rifornire di armi i terroristi.


Le preoccupazioni tedesche sono fondate, secondo O’Neil, su due basi. La prima è che la Germania è legata dal 2008 alla posizione Comune europea sull’esportazione delle armi: i paesi  membri non possono inviare armi a paesi che violano apertamente diritti umani e minacciano la pace regionale, la sicurezza e la stabilità. L’invio di armi a gruppi terroristi chiaramente viola tutti i requisiti. L’ipocrisia dell’affermazione dell’Unione Europea è palese nel fatto che l’embargo di armi contro la Siria è stato tolto nel 2013, su pressione di Francia e Regno Unito propense ad armare i gruppi dell’opposizione siriana.


Il secondo fattore riguarda il Trattato delle Nazioni Unite sul commercio delle armi del 24 dicembre 2014. L’articolo proibisce, prosegue O’Neil, apertamente la vendita qualora sia palese che le armi verranno utilizzate contro i civili o per commettere crimini di guerra.


Tra i paesi che hanno ratificato l’accordo ci sono Australia, Bulgaria, Croazia, Repubblica ceca, Francia, Regno Unito. Tutti paesi che hanno rifornito di armi Arabia Saudita e Israele. Gli Usa non sono neanche parte dell’accordo.


E così, prosegue l’esperto, il gruppo terrorista siriano, Jaysh Al-Islam, ha sterminato civili, utilizzato armi chimiche per attacchi contro civili. Questo però non ha impedito Usa e Arabia Saudita di armare gruppi come questi.


Nonostante l’ordine di Trump del luglio del 2017, l’invio di armi continua. I principali promotori sono la CIA e lo Special Operations Command. Prima delle ultime rivelazioni del BIRN c’erano stati altri rapporti che indicavano come venisse utilizzata la Silk Airways, compagnia con sede in Azerbaijan, per distribuire le armi ai terroristi.  


Le rivelazioni dei documenti fatti trapelare da Snowden e i rapporti che dimostrano l’invio di armi occidentali ai terroristi siriani non produce molto scalpore nei media mainstream.


Perché? La spiegazione, conclude l’esperto, più probabile è che dire la verità sulle forniture di armi ai terroristi e sull'intervento illegale degli Stati Uniti e dei suoi alleati della coalizione in Siria, farebbe crollare d’un colpo tutta la narrazione preferita di questi media: demonizzare la Siria, la Russia e l'Iran a prescindere dalle prove reali.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa