/ Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di cl...

Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di classe potranno riprendersi

Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di classe potranno riprendersi
 

Cremaschi: "La ripresa riguarda solo i guadagni dei padroni, se vogliamo che tocchi anche i salari il lavoro deve riappropriarsi della lotta di classe. Che da trent'anni è monopolio dei ricchi. Questa la verità da portare in sciopero il 10 e in manifestazione a Roma l'11 novembre."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



di Giorgio Cremaschi


L'Osservatorio Jobpricing, un centro studi non certamente sovversivo che comunica i suoi dati attraverso L'Espresso, ci fa sapere che nel primo semestre del 2017 i salari sono calati. Non semplicemente hanno perso potere d'acquisto, ma sono proprio calati, dello 0,2%. Pochissime volte negli ultimi cento anni le retribuzioni dei lavoratori sono diminuite, la più nota è quella che si verificò durante il fascismo. Ecco siamo tornati lì.



Per attenuare la notizia il centro studi aggiunge poi che il calo delle retribuzioni riguarda solo quelle contrattuali fisse, mentre se ad esse si aggiungono le quote variabili, i salari complessivamente salgono dello 0,2. Con ciò però ci viene data un'altra notizia negativa. 

Come si sa la parte variabile della retribuzione è legata ai risultati, cioè a quanto il lavoratore dia in più del dovuto all'impresa, è un premio allo sfruttamento. Tutti i liberisti, i padroni e la BCE, continuano a sostenere che bisogna far crescere la parte variabile del salario a danno di quella fissa. Ora scopriamo che anche con la parte variabile, che qualcuno prende e qualcuno no, le retribuzioni medie restano al di sotto dell' inflazione, che è all'1,2%. Quindi anche con tutti i cottimi vecchi e nuovi i salari non reggono il pur bassissimo aumento dei prezzi.

Capito ora perché i consumi non aumentano e il risparmio cala? Non ci sono i soldi, come dicono i liberisti, nelle buste paga però. 

Tutto questo è il risultato di una politica voluta. Il jobsact e tutta la legislazione distruttiva dei diritti del lavoro, accompagnati alla disoccupazione di massa prodotta dall' austerità, hanno creato le condizioni per il crollo dei salari. Così anche se c'è la ripresina e più persone vengono assunte, la precarietà del lavoro ed il ricatto del licenziamento abbattono il potere contrattuale del lavoro rispetto all'impresa. Senza articolo 18 la paga cala, ma guarda un pò. 

A questo risultato, lo ripetiamo voluto, si aggiunge anche quanto prodotto dalla complicità sindacale. L'ultimo contratto dei metalmeccanici, per citare il peggiore tra gli accordi siglati da CGILCISLUIL, praticamente non dà aumenti fissi, ma promette solo premi variabili. Ecco un contratto che programma la riduzione dei salari e che ha ricevuto calorosi applausi dagli industriali. A loro volta i lavoratori pubblici hanno perso 300 euro medi di retribuzione mensile, per il blocco decennale dei contratti. E ora confederali e governo concordano su una compensazione media, quindi non tutti, di 85. 

Obiettivo raggiunto dunque: le leggi sul lavoro e le politiche contrattuali dei maggiori sindacati stanno abbattendo le retribuzioni, così la ripresa va tutta in profitti, come veniva richiesto da tutti i poteri economici e dalla UE.



Ora però c'e un problema. L'overdose di cure rischia di aggravare la malattia. La stessa BCE che chiede più salario variabile, lamenta poi la dinamica negativa delle retribuzioni, che non fa risalire l'inflazione a quel 2% che permetterebbe di far aumentare gli interessi sul danaro e quindi di far guadagnare di più le banche. Eh ma tutto non si può ottenere, non si può lavorare per decenni per distruggere il potere contrattuale del lavoro e poi scoprire che forse si é esagerato. 

La ripresa riguarda solo i guadagni dei padroni, se vogliamo che tocchi anche i salari il lavoro deve riappropriarsi della lotta di classe. Che da trent'anni è monopolio dei ricchi. Questa la verità da portare in sciopero il 10 e in manifestazione a Roma l'11 novembre.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Il Black Friday della sanità: ecco a voi il supermercato della salute

Adesso per vendere di più le grandi aziende commerciali hanno importato dagli Stati Uniti il black friday, il venerdì nero degli sconti. Non conoscevamo questa ridicola ricorrenza fino...
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa