/ Palestina occupata. Una bimba, più pallottole che anni, ma nessun...

Palestina occupata. Una bimba, più pallottole che anni, ma nessuna lacrima dagli ipocriti

Palestina occupata. Una bimba, più pallottole che anni, ma nessuna lacrima dagli ipocriti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Paola Di Lullo

Gerusalemme Est, Palestina, domenica pomeriggio. Fa caldo, si esce, si passeggia. Accanto alla Porta di Damasco c'è, tra la folla, Fatima Afif Abd al-Rahman Hjeiji, 16 anni, del villaggio di Qarawat Bani Zeid, distretto di Ramallah. È a circa dieci metri dalla polizia di frontiera israeliana, diranno poi dei testimoni presenti sul luogo.



All'improvviso, un poliziotto urla "coltello!" e comincia la mattanza. Fatima viene centrata da un primo proiettile al petto, e cade a terra. Ma loro, i paladini della giustizia, non si fermano. Sparano in cinque, in ogni direzione, oltre che sul corpo di Fatima. Venti, saranno i colpi contati sul suo corpo, tutti alla schiena, tranne il primo. Altri, verranno rinvenuti su un'auto, parcheggiata nelle vicinanze, a testimoniare la ferocia con cui, uomini armati ed addestrati, si sono accaniti contro una ragazzina. Armata, con tanti forse e punti interrogativi, di un coltello.



Come da prassi, i portavoce della polizia israeliana dichiareranno che la ragazzina si sarebbe avvicinata ad i poliziotti brandendo un coltello, gridando Allah Akbar e che sarebbe stata ritrovata una sua lettera d'addio alla sua famiglia,  con i versi del Corano e la firma "martire".

Come da prassi, un'altra famiglia palestinese ha dovuto seppellire la propria figlia, rea, se si vuol credere alle dichiarazioni israeliane, di aver cercato di opporsi ad una vita di soprusi, umiliazioni, vessazioni quotidiane. Chi non ha mai visto i volti terrorizzati dei bambini palestinesi ad un checkpoint farà fatica a capire, ma questo è un altro discorso. Il punto è che il popolo palestinese ha tutto il diritto di opporsi all'occupazione, con tutti i mezzi in suo possesso, lotta armata inclusa, ammesso che fosse ciò che cercava di fare Fatima. Lo dicono due risoluzioni Onu, la 3070, 1973, che afferma il "diritto di ogni popolo a resistere in qualsiasi modo di fronte alla barbarie colonizzatrice e criminale, inclusa la resistenza armata. È un diritto inalienabile". E la 3246 del 1974 che "riafferma la legittimità della lotta di un popolo per liberarsi da una dominazione coloniale e straniera, con tutti i mezzi possibili, inclusa la lotta armata".

Ma per Israele, le risoluzioni ONU, il diritto internazionale, la Convenzione sui diritti del fanciullo sono carta straccia, con il placet di tutte le "democrazie" occidentali e delle petromonarchie del Golfo Persico.

Ed allora, che la mattanza continui in silenzio.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

La comunità ebraica ordina... niente parco dedicato alla memoria di Arafat

Per la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello “dedicare un parco a Yasser Arafat è offensivo e antistorico”

di Paola Di Lullo   Nel silenzio, o quasi, di un’estate torrida, la comunità ebraica romana...
Notizia del:

A Gerusalemme è bollettino di guerra. Il regime di Israele uccide 3 palestinesi

di Paola Di Lullo È un bollettino di guerra quello che arriva da Gerusalemme, oggi. 3000 gli agenti schierati da Israele, almeno 113 i feriti, palestinesi, e tre i morti, sempre palestinesi. Ma...
Notizia del:

Gerusalemme, un venerdì di sangue come tanti

di Paola Di Lullo   Venerdì, giorno di riposo e di preghiera per tutti i musulmani. A Gerusalemme Est, non è un venerdì come gli altri. O forse sì. Intorno alle...
Notizia del:

L'UNESCO SCHIAFFEGGIA ANCORA ISRAELE E RICONOSCE KHALIL E LA TOMBA DEI PATRIARCHI "PATRIMONIO PALESTINESE DELL'UMANITÀ"

Di Paola Di Lullo Con 12 voti a favore, tre contro e sei astenuti, l'UNESCO ha votato oggi per riconoscere la vecchia città di Al Khalil ( Hebron ) e la Moschea di Abramo come patrimonio...
Notizia del:

"Protective Edge" tre anni dopo: il massacro del regime di Israele a Gaza in numeri

L'8 luglio 2014 Israele dava inizio all'operazione Protective Edge, bombardando tutta la Striscia di Gaza, fino al 26 agosto. Obiettivo dichiarato, distruggere Hamas ed i tunnel sotterranei....
Notizia del:

Il regime d'Israele sconfitto all'Unesco: le "autorità occupanti" non hanno sovranità su Al-Quds

di Paola Di Lullo La prima Risoluzione dell'UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura ) riguardante Gerusalemme Est e la sua tutela, fu votata...
Notizia del:

Non chiamateli terroristi

In un solo pomeriggio, quattro giovani vite sono state spezzate. Troppo facile per i giornali israeliani, per l'ONU e l'UE definire "terroristi" i palestinesi, ed eroina, la soldatessa israeliana

di Paola Di Lullo   È venerdì sera a Gerusalemme Est Occupata. In Sultan Suleiman Street,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa