/ Parla il cugino di Gheddafi: "Purtroppo, tutto quello che ha pred...

Parla il cugino di Gheddafi: "Purtroppo, tutto quello che ha predetto si è avverato con precisione”

Parla il cugino di Gheddafi: Purtroppo, tutto quello che ha predetto si è avverato con precisione”
 

Ahmed Gadaf: "la comunità internazionale chieda scusa alla Libia"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Alcune delle peggiori previsioni del defunto leader libico Muammar Gheddafi sugli sviluppi in Libia e negli altri paesi del mondo arabo dopo la caduta dei vecchi leader si stanno avverando. Lo ha dichiarato in un’intervista a RIA NOVOSTI l’ex generale e cugino dell’ex presidente libico Ahmed Gadaf.
 


Gheddafi aveva sostenuto che la Libia si sarebbe disintegrata se fosse stato rovesciato il suo governo. Sei anni dopo l'inizio delle manifestazioni e degli scontri, Gadaf sottolinea che il paese nordafricano rimane impantanato in una guerra "alimentata dalle forze filo-occidentali", in cui "non ci sono vincitori."
 
Dopo aver ricordato il cugino - "era uno storico e un rivoluzionario" – come un uomo di grande esperienza e con parecchie informazioni sulle minacce del Medio Oriente, Gadaf sottolinea come sin dagli anni’80 Gheddafi avesse in mente lo scenario attuale: "Purtroppo,  tutto quello che ha predetto si è avverato con precisione”.
 
Se il problema fossero stati i governi di Muammar Gheddafi e Saddam Hussein, come sostenuto dall'Occidente, allora perché continuare la distruzione "senza senso" e le uccisioni ora che non i sono più?, chiede Gadaf.
 
Il cugino di Gheddafi ha dichiarato poi che la NATO è venuta in Libia nel 2011 "come un fronte unito", ma poi ha cominciato a sostenere fazioni opposte nelle diverse regioni del paese alimentando un conflitto ancora in atto. E’ "ovvio", ha proseguito, che il piano d'Occidente fosse quello di “venire per uccidere Gheddafi e distruggere la Libia". Questo piano non è stato ancora pienamente attuato e per questo "continua ad alimentare i gruppi in conflitto" per estenderlo il più possibile.
 
La NATO e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite “sono responsabili "per la distruzione di massa" subiti dalla infrastrutture del paese; le uccisioni e spostamento di un terzo della popolazione; le carceri con decine di migliaia di prigionieri; i feriti; i furti di ricchezza, oro e uranio rubati; ma, cosa più importante, "l'umiliazione della dignità di libici. Per questo, conclude il cugino di Gheddafi, la comunità internazionale dovrebbe "chiedere scusa per tutte le cose che hanno fatto ai libici”.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Anadolu Agency

Gli USA toglieranno l'appoggio alle FDS se combatteranno contro le truppe turche ad Afrin

Gli Stati Uniti avvertono che interromperanno il loro appoggio alle unità delle cosiddette 'forze democratiche siriane' se si trasferiranno da altre zone ad Afrin, per affrontare l'operazione militare lanciata dal governo turco.

Secondo l'agenzia ufficiale turca 'Anadolu Agency', gli Stati Uniti hanno avvertito le unità...
Notizia del:     Fonte: RT

Russia: "Le ultime dichiarazioni degli Stati Uniti sull'attacco chimico in Siria sono inaccettabili"

"L'unico scopo di tutto questo è rendere ancora più tesa la situazione e cercare pretesti per accusare Mosca di 'coprire' i casi di uso di armi chimiche", ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

Mosca considera le ultime asserzioni degli Stati Uniti "inaccettabili" sull'attacco chimico in...
Notizia del:

"Turchia e Usa: fuori dalla Siria subito!" Dichiarazioni del Peace Committee of Turkey e del Syria Solidarity Movement

    Grande  è la confusione di questi giorni.   Un pezzo della Siria, la regione di Afrin, è bombardato dalla Turchia che con l’operazione Ramo d’ulivo...
Notizia del:

Massima allerta. Facebook censura Telesur

Alla redazione di Telesur va tutta la solidarietà de l'AntiDiplomatico per la censura subita

Ieri proprio vi scrivevamo del fatto che Facebook con il nuovo cambio di algoritmo avesse penalizzato la nostra...
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa