/ Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro...

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica
 

Putin ha ricevuto oggi il suo omologo siriano, Bashar al-Asad, a Sochi e si è congratulato con lui per la fine dell'operazione militare contro il terrorismo nel paese arabo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Voglio congratularmi con voi per i risultati ottenuti dalla Siria nella lotta contro il terrorismo. (...) Il popolo siriano sta attraversando momenti difficili e si sta avvicinando a una definitiva e inevitabile sconfitta dei terroristi". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, in merito alla liberazione totale e definitiva dell'ultimo feudo dell'ISIS (Daesh, in arabo) in Siria, ovvero la città di Abu Kamal, situata nella provincia orientale di Deir Ezzor, ha riferito il sito web del Cremlino.


 
Putin, sulla fine della lotta contro il terrorismo, ha affermato: "Per quanto riguarda il nostro lavoro congiunto contro i terroristi nel territorio siriano, questa operazione militare sta effettivamente volgendo al termine".
 
Tuttavia, Putin ha esortato Al-Assad, una volta conclusa la lotta contro il terrorismo in Siria, a perseguire una soluzione diplomatica a questo conflitto che ha annientato il paese arabo da più di sei anni: "la cosa più importante è passare ai processi politici."
 

 
Pertanto, all'incontro svoltosi nella città russa di Sochi, entrambi i capi di stato, come la questione più rilevante, hanno discusso del futuro dialogo politico in Siria. L'ultimo viaggio di Assad in Russia risale al 2015.
 
Ora, il problema più urgente, secondo il presidente russo, che si incontrerà domani a Sochi con le sue controparti di Turchia e Iran, è "una soluzione di pace, politica, dopo la sconfitta dei terroristi, una soluzione a lungo termine per la Siria."
 
Da parte sua, Assad ha espresso il suo ringraziamento per le operazioni antiterroristiche russe e ha chiestoa Mosca il sostegno per raggiungere un accordo politico per la Siria. "Abbiamo il sostegno della Russia per garantire che gli attori esterni non interferiscano nel processo politico e che dall'esterno appoggino solo il processo che gli stessi siriani guideranno", ha insistito.
 
"Non vogliamo guardare indietro, diamo il benvenuto a tutti coloro che sono veramente interessati ad un accordo politico, siamo pronti ad avviare in un dialogo con loro", ha aggiunto il presidente siriano.
 
Vladimir Putin, a sua volta, ha dichiarato di essere felice di constatare la volontà del presidente siriano di "lavorare con tutti coloro che vogliono la pace e raggiungere un accordo".
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://kremlin.ru
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Dopo anni migliaia di civili tornano nelle loro case nella provincia di Damasco

Un gran numero di civili sfollati hanno iniziato a tornare nelle loro case vicino alla capitale siriana, Damasco. Vengono da diverse parti della capitale e dei suoi dintorni. Alle famiglie sono state infine restituite le loro case dopo diversi anni di allontanamento causato dai terroristi.

Da Hispantv   Migliaia di civili sfollati si sono radunati fuori dalla città di Al-Bueda, nella...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa