/ I veri sconfitti in Venezuela: i media

I veri sconfitti in Venezuela: i media

I veri sconfitti in Venezuela: i media
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada
 

L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere alla funzione di informare con la verità il suo pubblico, evidenziando la sua decomposizione ed inefficacia. Un dato verificabile è che, in meno di un anno, lo schema informativo di questi media ha accumulato due sconfitte. La prima si produsse  con la vittoria di Donald Trump alla presidenza USA, e la seconda con il voto, in massa, dei venezuelani che sostennero alle urne l'elezione dell'Assemblea Nazionale Costituente, il 30 luglio.

 

Nel primo caso i media hanno scommesso sulla candidatura di Hillary Clinton ed hanno miseramente fallito. Durante la campagna elettorale, al candidato repubblicano non gli fu difficile mostrare, agli elettori, la grande stampa come una fabbrica di bugie e distorsioni contando su un ambiente di recessione economica; inoltre entrò in una dura concorrenza per determinare chi poteva fabbricare intrighi e menzogne più credibile ed in quello scenario mediatico scalò sino alla Casa Bianca, lasciando indietro la grande industria informativa e l'intrattenimento che gli si opponeva. La lotta prosegue e l'affaire post-elettorale occupa più della metà della vita pubblica USA, lasciando lucrosi profitti ai media.

 

Il Venezuela è il secondo caso di sconfitta. Prima del 30 luglio i media USA di portata continentale, questa volta in coppia con la politica estera USA, usarono tutto il loro potere di diffusione e distorsione della realtà per opporsi alle elezioni per l'Assemblea Nazionale Costituente e tornarono a fallire. I venezuelani ignorarono le informazioni, di veleno ed odio, e andarono massicciamente a votare perché aspirano alla pace. Il loro rifiuto all'intromissione nella loro vita politica dei media stranieri, anche se siano sostenuti dalla stampa della destra venezuelana, non si riferisce solo ad una reazione nazionalista, ma che conobbero in prima persona i fatti degli attacchi dell'opposizione e poterono individuare da che parte proveniva la violenza e gli atti criminali occultati da telegiornali come quelli del consorzio CNN che guida gli intrighi e funge da portavoce dei peggiori interessi dell'oligarchia venezuelana.

Soprattutto perché  fecero distinzione e non trovarono, nella destra, se non  l'idea di un colpo di stato, senza un programma che affermasse il reale interesse delle masse. Voci e facce dei presentatori e commentatori, da Patricia Janiot includendo Juan del Rincón, trasmettendo in spagnolo, sono diventati sinonimi di sfacciataggine e menzogna.

 

 

 

 

 

 

 

Ora, se da un lato ci sono costanti attacchi a Trump volti a promuovere un processo politico per i suoi legami con i russi, d'altra parte questi stessi media gongolano nel riprodurre le minacce di intervento militare USA contro il governo di Nicolás Maduro, per fortuna rifiutato dagli stessi governi piegati all'interesse USA, adducendo  la probabilità di maggior destabilizzazione in questi paesi, tra i quali c'è il Messico.

 

Ma anche se, in Venezuela, la sconfitta della destra è chiara, nel nostro paese la reazione di quella che può ancora, nostalgicamente, chiamarsi la sinistra, ha superato livelli di ignominia. Il suo silenzio riguardo gli attacchi contro la democrazia in Venezuela significa che si è piegata alla politica estera di Peña Nieto? Dov'è la presa di posizione dei partiti e delle organizzazioni sociali che ancora rivendicano qualche elemento di sinistra nelle loro dichiarazioni di principi? Perché definirsi, davanti ai messicani, e fornire orientamenti alle proprie basi è esigibile  pubblicamente da Morena, PRD, PT, Movimento Cittadino e l'EZLN. Cosa pensano i militanti di tali organizzazioni? Rimarranno a braccia conserte? Bene che abbiano differenze con la direzione chavista della Repubblica Bolivariana, ma è necessario metterli sul tavolo della discussione e dire apertamente  la loro opinione di fronte alla possibilità di un intervento del blocco di governi di destra che ancora potrebbero propendere verso il militare.

 

Il silenzio indica che stiamo andando avanti nell'abbandono della solidarietà per i popoli latinoamericani, principio fondamentale della nostra stessa esistenza come nazione indipendente.

(Traduzione di Francesco Monterisi)

Pubblichiamo su gentile concessione dell'autore

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Notizia del:     Fonte: https://www.scribd.com

Gli Stati Uniti incrementano di 191 milioni di dollari il fondo per le guerre in Iraq, Siria e Afghanistan

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha pubblicato ieri il suo secondo piano di bilancio in cui ha considerato un aumento di 191 milioni di dollari per l'anno fiscale 2019, che sarà utilizzato per operazioni militari in Iraq, Siria e Afghanistan.

"Il bilancio richiede anche 12 miliardi di dollari per finanziare i costi eccezionali delle operazioni di...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Notizia del:

Il monito di Moody's: Stati Uniti sull'orlo del collasso economico

L'analista finanziario Iván Danilov spiega perché una de-dollarizzazione del sistema finanziario internazionale porterebbe al collasso l'economia statunitense

di Fabrizio Verde   La narrazione dominante ci racconta da un po’ di tempo a questa parte di un’economia...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Trump: «Non sono sicuro che Israele stia cercando la pace»

Il quotidiano israeliano Israel Hayom intervista il presidente statunitense

  Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un’intervista rilasciata al quotidiano israeliano...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa