/ "Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi...

"Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata"

Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata
 

Intervista al Prof. Vasapollo: "L’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Come AntiDiplomatico vi abbiamo riportato diverse testimonianze delle ragioni dello sciopero di oggi. Ve le riproponiamo tutte in questo testo (ne seguiranno altre nella giornata di oggi), insieme all'intervista che il Prof. Vasapollo, direttore del centro studi Cestes-Usb, ci ha rilasciato davanti il Ministero dell'economia questa mattina. Sono presenti, tra gli altri, anche i contributi del segretario del sindacato, Pierpaolo Leonardi.
 
Com'è andata la giornata di oggi? Siete soddisfatti?

E’ stato un successo enorme. Oggi è stata una giornata di lotta importante. In tutta Italia Usb e altri sindacati confederali hanno scioperato per il diritto al lavoro e su parole chiavi chiare: contro il Jobs Act di questo governo che risponde agli interessi delle borghesie transnazionali contro gli interessi dei lavoratori. Contro la Legge Fornero e il decreto Minniti che reprime ogni forma di dissenso sociale. Oggi abbiamo mandato un messaggio forte al paese.
 
Il corteo che doveva arrivare al Ministero dello sviluppo non è stato poi autorizzato. Cosa è successo?

Questa è l’ennesima dimostrazione di democrazia del governo Gentiloni con Minniti Ministro degli Interni. Da 50 anni organizzo manifestazioni, ma una cosa del genere non mi era mai successa. Avevamo l’accordo con la questura per il corteo dal Ministero dell’economia al Ministero dello sviluppo, ma all’ultimo momento ci è stato negato. La scusa avanzata ha dell’incredibile. C’hanno detto che il numero dei manifestanti era inferiore alle previsioni. Siamo al ridicolo. 





Un fatto grave a cui darete risposta?

Certamente. Siamo un sindacato serio e responsabile. E non abbiamo forzato la mano con un corteo prima autorizzato e poi negato. Ma l’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB. Tutti devono sapere che cosa è il Pd oggi. Che cosa sia questo governo oggi.  E’ la testimonianza di come nel paese oggi esista una democrazia reale, popolare e di partecipazione, quella dei lavoratori che subiscono un massacro sociale quotidiano e si ribellano. E, dall’altra parte una democrazia rappresentativa. Rappresentativa delle multinazionali e degli interessi delle corporazioni finanziarie imposte attraverso l’Unione Europea. Avviene lo stesso a livello internazionale.


Cioè?



Prendete il caso di Cuba e Venezuela. Due paesi in cui vige la democrazia popolare e i cui governi lavorano per la  pace e la cooperazione solidale tra i popoli. Loro sono le dittature. Le democrazie sono quelle europee e gli Stati Uniti che massacrano lavoratori e sfruttati, uccidendo migliaia e migliaia di persone in giro per il mondo con le loro guerre giuste. E loro, per il racconto distorto di oggi, sono le democrazie. Questo si deve al regime mediatico in cui viviamo.


I media che infatti hanno censurato le ragioni dello sciopero e non hanno degnato una sola riga sulla manifestazione di domani…

La loro censura è un motivo di vanto: singifica che la strada è giusta. Loro sono parte del problema dei nostri tempi. Anzi sono il Problema. E per questo lo slogan della manifestazione di domani sarà “Obiettivo verità”. Ci vediamo domani alle 14 da Piazza Vittorio a Roma per la grande manifestazione nazionale indetta da Eurostop.


Che giornata sarà?

Grazie al grande lavoro svolto dalla piattaforma sociale Eurostop, che ha indetto la manifestazione, sarà una giornata fondamentale contro le politiche dell’Unione Europea, per l’uscita dalla Nato e contro il massacro sociale della Troika. Qui dobbiamo intenderci con tutti quelli che a parole si riempiono la bocca di cambiamento, insostenibilità e bla bla bla. Basta parole, il paese è stufo di inutili slogan. Noi porteremo la verità nelle strade di Roma domani nel senso che diremo con forza che l’unico cambiamento possibile è quello che preveda la rottura con la Troika del male, Ue, euro e Nato. Solo così sarà possibile un cambiamento. E per farlo deve tornare al centro la lotta di classe tra il lavoro (le migliaia e migliaia di sfruttati) e il capitale (oggi principalmente internazionale e rappresentato da Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale). Chi parla di cambiamento ma poi non mette in discussione euro e Unione Europea e ancora vi parla di riforme è allo stesso livello del PD. 



 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
Notizia del:

"Ci censurano perché rompiamo lo schema narrativo creato ad arte dal sistema"

Intervista a Giorgio Cremaschi dopo il successo della manifestazione dell'11 novembre. "Noi non siamo buonisti e neanche tolleranti. Ma intolleranti e faziosi" Sulle sanzioni al Venezuela: "Sono un'autentica vergogna"

Come AntiDiplomatico abbiamo risentito telefonicamente Giorgio Cremaschi uno dei promotori della grande iniziativa...
Notizia del:

Il diritto internazionale non conta più niente: "La formula Arria" contro il Venezuela bolivariano

Con la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti abbiamo parlato di sanzioni Ue, "interessamento" Onu e ruolo del governo italiano. "Arria è l'inventore della “formula Arria” al Consiglio di sicurezza dell'Onu, messa in campo nel '92 per la Bosnia. Una formula che prevede di includere nelle consultazioni informali dell'Onu personalità e associazioni della “società civile”

Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e saggista esperta di America Latina  L'Unione...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi sullo sciopero generale e la manifestazione di Piazza Vittorio. "La censura dei media ci fa un baffo"

Ai media conviene parlare delle marcette di qualche decina di fascisti. E' normale che ci censurino"

Oggi lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, Usb - Cobas e Unicobas. Domani una grande manifestazione...
Notizia del:

Perché Arabia Saudita e Usa non possono permettersi una guerra contro l'Iran. Intervista a Mostafa El Ayoubi

"L’Arabia Saudita è da sempre il “luogotenente statunitense nel Golfo Persico”. Non c’è mossa che avvenga da parte di Riad che da Washington non abbia avuto il lasciapassare."

Intervista de l'AntiDiplomatico a Mostafa El Ayoubi, giornalista esperto di Medio Oriente E’...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri: ecco cosa sta accadendo in Arabia Saudita e perché è molto preoccupante

Il giornalista e inviato de il Sole 24 Ore a l'AntiDiplomatico: "Gli Usa con le dichiarazioni su accordo nucleare con l'Iran hanno convinto i saud ad agire"

  “La crisi interna saudita ha effetti internazionali notevoli”. Questo il primo commento che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa