/ Tu chiamalo se vuoi... colonialismo: la figuraccia (oscurata) di ...

Tu chiamalo se vuoi... colonialismo: la figuraccia (oscurata) di Macron in Burkina Faso

Tu chiamalo se vuoi... colonialismo: la figuraccia (oscurata) di Macron in Burkina Faso
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Il 15 ottobre 1987 il giovane capitano Thomas Sankara venne assassinato. A portare a questo tragico epilogo fu il suo rifiuto di pagare il debito pubblico di epoca coloniale insieme al tentativo di rendere il Burkina Faso autosufficiente e libero da importazioni forzate, tutto questo gli attirò inevitabilmente le antipatie di paesi come Stati Uniti, Francia e Inghilterra. Questa premessa serve a far capire quanto sia stata poco felice la prima volta di Emmanuel Macron in Africa, un’uscita che ha quasi causato un incidente diplomatico.





Macron si era recato in Burkina Faso, più precisamente nella capitale Ouagadougou, per incontrare gli studenti dell’università e invitarli a superare la visione di una Francia “paternalista”. Già questo farebbe sorridere ma non è finita qui in quanto Macron ha esortato gli studenti a non “trattarlo come se fosse il presidente del Burkina Faso” (https://www.agi.it/estero/macron_africa_burkina_faso_gaffe-3177566/news/2017-11-29/)

Non solo, Macron è andato anche ben oltre: “Mi parlate come se io fossi ancora la potenza coloniale ma io non voglio occuparmi dell’elettricità nelle università del Burkina Faso! E’ il compito del vostro presidente”. Quando poi il presidente locale Kaborè ha lasciato la sala, Macron ha pensato bene di rincarare la dose: “ecco se ne va..ma no resta qui..niente è andato a riparare l’aria condizionata”. Una battuta che non è piaciuta a nessuno, ma il meglio doveva ancora venire. Macron ha risposto a delle domande aperte da parte degli studenti che gli hanno chiesto un giudizio sul traffico dei rifugiati: “Chi sono i trafficanti? Sono africani amici miei. Non i francesi”.


LA GAFFE DI MACRON:



Qui l'Agi, unico ad aver dato notizia in Italia della figuraccia di Macron:


Anche ammesso che quanto dichiarato da Macron sia vero, rimane l’arroganza, o comunque la mancanza di tatto, con la quale il presidente francese ha pronunciato queste parole, peraltro in un Paese che più di altri ha pagato lo scotto del colonialismo occidentale. E anche quando ha dichiarato “dovreste solo ringraziare i soldati francesi” ha mostrato ancora una volta una insensibilità non da poco nei confronti di un Paese dove ci sono state aspre contestazioni sia per via del passato coloniale, sia per via di abusi di vario genere compiuti da militari transalpini che evidentemente non hanno lasciato un bel ricordo nella popolazione locale (Fonte Agi).

Questo volersi autoescludere dalla responsabilità di quanto sta accadendo nel continente africano non fa che aumentare l’irritazione dell’opinione pubblica africana in quanto molti dei problemi economici e non solo che affliggono i paesi africani sono strettamente connessi proprio al colonialismo. E se è vero come è vero che anche molti africani sono direttamente coinvolti nel traffico di esseri umani che parte dal Continente Nero, è altrettanto vero che in passato troppo poco è stato fatto per mettere in condizione i paesi africani di costruire un futuro dignitoso per i propri cittadini. La fine di Shankara è lì a mostrarlo.

Dc
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa