/ UEE. DOPO 25 ANNI LA RUSSIA TORNA PROTAGONISTA

UEE. DOPO 25 ANNI LA RUSSIA TORNA PROTAGONISTA

UEE. DOPO 25 ANNI LA RUSSIA TORNA PROTAGONISTA
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Davide Busetto
 

25 anni fa, alle 18.35 del 25 dicembre 1991, venne ammainata la bandiera dell’Unione Sovietica sopra il Cremlino e sostituita con il tricolore russo. Da quel momento in poi le storie e i destini del popolo sovietico si dividono, prendono strade separate, alle volte divergenti. Sicuramente la perdita di controllo da parte del PCUS iniziò ben prima di questa data, ma l’ammainare la bandiera rossa è sicuramente l’immagine che più caratterizza quei drammatici mesi.

Il capitalismo bussava e la dirigenza sovietica gli spalancò le porte dell’URSS cestinando qualsiasi forma di democrazia. Qualche mese prima, il 17 marzo 1991, il popolo sovietico, ad amplissima maggioranza (76,4%), votò per il mantenimento dell’URSS (di seguito nell’infografia).

Ignorando totalmente il volere popolare, la dirigenza sovietica procedette allo smantellamento più totale dell’URSS. Eltsin, tra un bicchiere e l’altro, inaugurava il periodo  dei saldi di fine stagione (sovietica), svendendo giganti statali dal valore di miliardi di dollari per qualche manciata di rubli. Gli oligarchi iniziarono a dettare legge. La democrazia liberale era arrivata e con essa il suo problema principale: chi ha i soldi comanda, gli altri no.

Non ripercorro ora i tragici anni 90. Raramente dopo solo qualche lustro si può affermare che un qualche evento sia “storia” e non “attualità”, ma la grandezza del dramma del popolo russo e degli altri popoli facenti parte dell’Unione Sovietica è talmente accertata e testimoniata che si può affermare come gli anni 90 per la Russia siano stati, storicamente, una tragedia di dimensioni colossali. Il tracollo dell’economia di Mosca in quella fase appare chiaramente osservando il seguente grafico .

Ma se l’URSS per come l’abbiamo conosciuta non tornerà molto probabilmente mai più, un’unione di quei popoli è ancora al centro dell’azione politica di molti paesi, a cominciare proprio dalla Russia. Il presidente Vladimir Putin non ha avuto alcun problema a definire il collasso dell’URSS come “la più grande catastrofe geopolitica del XX secolo” [1], soprattutto per la dimensione territoriale. Non deve quindi sorprendere la volontà di creare un’unione volontaria tra popoli che un tempo erano tutti parte della stessa federazione. Da qui la volontà di creare l’Unione Economica Eurasiatica (UEE). Inizialmente proposta da Nursultan Nazarbaev nel 1994 e poi ripresa da Vladimir Putin nel 2011, oggi è una realtà concreta e attiva a livello internazionale [2].

La dimostrazione di come l’Unione Eurasiatica sia attiva sullo scenario internazionale, la si può vedere nelle recenti elezioni in Bulgaria e Moldavia. Tali consultazioni elettorali hanno dimostrato chiaramente una cosa: l’Europa non è l’Unione Europea così come l’influenza di Mosca non finisce con i confini russi. In entrambi i paesi i partiti socialisti, che non nascondono una certa simpatia (seppur in misure diverse) verso la Russia, hanno vinto le elezioni superando le candidature promosse dalle destre che, invece, guardano con speranze verso Bruxelles (non ditelo a Salvini…). Tra i due paesi quello che forse potrà “rivoluzionare” più il suo percorso futuro è la Moldavia. Igor Dodon, il candidato uscito vincitore dalle elezioni di domenica scorsa, ha già affermato in  passato che con lui la Moldavia chiederebbe di entrare nell’Unione Economica Eurasiatica (UEE) [3]. La Moldavia consentirebbe all’UEE un’ulteriore espansione. Per quanto non influirebbe in maniera significativa sul PIL dell’Unione, ne permetterebbe un aumento di estensione, passando dagli attuali 20,229,248 km² agli 20,263,094 km². Poca cosa? Forse, ma se consideriamo che la Russia ha una superficie di 17,075,200 km², e l’Unione Sovietica arrivava a 22,402,200 km², i numeri iniziano ad assumere significato ben diverso.

Escludendo le tre repubbliche baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania) e l’Ucraina (dove vi è stato un golpe sostenuto da UE e USA), quasi tutti gli altri Stati che un tempo erano parte della Unione Sovietica, stanno entrando sempre più nel “sistema” dell’Unione Eurasiatica. Armenia,  Bielorussia, Kirghizistan e Russia ne fanno già parte. L’Azerbaigian non nasconde un suo interesse futuro per l’adesione (“Mai dire mai” è l’espressione usata dal suo Ministro degli Esteri su una possibile adesione dell’Azerbaigian all’Unione [4]). Il Tagikistan sembra ormai percorrere la via dell’adesione all’UEE [5]. Mosca sembra aver compreso la necessità di aggregare paesi, tornando a ricoprire un ruolo che l’URSS aveva svolto in tutto il periodo della sua esistenza. Ma per aggregare diversi Stati, la cosa da cui bisogna più stare distanti è il nazionalismo, elemento che, infatti, viene spesso criticato dallo stesso presidente Vladimir Putin [6].

Sono passati 25 anni da quei tragici mesi ma la storia è tutt’altro che finita, come invece sperava qualcuno.

 

[1] https://goo.gl/Z93pm5
[2] https://goo.gl/BxfHvW
[3] https://goo.gl/jqmP7w
[4] https://goo.gl/HREwOp
[5] https://goo.gl/BxJVsW
[6] https://goo.gl/EpTde4


 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.cercareilvero.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il Tradimento di Obama

La presidenza Obama si chiude dopo otto anni di intense polemiche. Eletto con l’intenzione di imprimere una svolta rispetto alla precedente amministrazione Repubblicana, arginare gli effetti della globalizzazione e risolvere l’iniquità sociale, ha aggravato il contesto globale, accelerando il declino degli Stati Uniti

di Federico Pieraccini   Barack Obama è stato eletto sull'onda dell'entusiasmo derivante...
Notizia del:

Come e perché la Cina sta provando a ritagliarsi un ruolo nella crisi ucraina

di Eugenio Cipolla Il 2017 per l’Ucraina e per gli ucraini si è aperto esattamente come si era chiuso: con la guerra in Donbass e nessuna prospettiva di miglioramento all’orizzonte....
Notizia del:     Fonte: http://www.raialyoum.com/

Il Free Syrian Army ordina la morte di un suo leader per le opinioni in appoggio al ruolo della Russia in Siria

Un tribunale militare del cosiddetto 'Free Syrian Army' (FSA) ha condannato a morte uno dei suoi alti dirigenti per aver riconosciuto il ruolo russo nella lotta contro il terrorismo in Siria.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano arabo con sede a Londra, 'Rai al-Youm', il generale Mustafa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hamas, Fatah e Jihad islamica hanno concordato un governo di unità nazionale palestinese

Hamas, Fatah e Jihad islamica, a Mosca, hanno deciso di formare un governo di unità nazionale palestinese a serrare i ranghi contro l'apartheid israeliana.

Secondo quanto ha riferito il canale iraniano in lingua spagnola, Hispantv, è stato raggiunto l'accordo...
Notizia del:     Fonte: Al Manar - TASS

Aleppo, i civili non interessano più ai media e alle organizzazioni occidentali

Ad Aleppo si cerca di tornate alla normalità, anche se le organizzazioni umanitarie internazionali, dalla sua liberazione, non hanno aiutato la città e la sua popolazione, ha dichiarato il Ministero della Difesa russo.

Le organizzazioni umanitarie internazionali non forniscono più assistenza ai civili ad Aleppo e il fatto...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Siria, i colloqui di Astana: i partecipanti, le priorità e le condizioni di Damasco

I negoziati ad Astana tra emissari di Damasco e i cosiddetti ribelli, sotto il patrocinio di Russia, Iran e Turchia, dovrebbero consentire il "consolidamento" del cessate il fuoco in Siria e cercare di raggiungere un accordo politico sul conflitto, ha dichiarato, oggi, Sergey Lavrov, Ministro degli esteri russo.

Qui il testo originale articolo sulle prospettive dei colloqui di Astana in merito al conflitto siriano   I...
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: Gli Stati Uniti volevano utilizzare anche Jabhat al-Nusra per rovesciare Assad

"Ci sono un sacco di esempi che mostrano come gli statunitensi e i loro alleati, subdolamente, hanno voluto usare al-Nusra per indebolire e infine rovesciare Assad", ha dichiarato il capo della Diplomazia russa Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti volevano utilizzare i gruppi terroristici come ISIS e Jabhat al-Nusra (Braccio di Al Qaeda in...
Notizia del:     Fonte: http://www.occhidellaguerra.it/

I soldati russi ad Aleppo, salutati come liberatori. Fulvio Scaglione dalla Siria

di Fulvio Scaglione - Gli Occhi della Guerra   Aleppo, 12 gennaio. Ad Aleppo, in questo periodo, si vede in giro un sacco di gente…strana. Nei quartieri Est, dove si è combattuto...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia e Turchia si impegnano a coordinare i propri attacchi aerei in Siria

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo, ieri, per coordinare i loro attacchi aerei sul territorio siriano.

Secondo il Ministero della Difesa russa, il patto si propone di rafforzare la cooperazione tra Mosca e Ankara nei...
Notizia del:

Assange accusa Soros e USAID sulla campagna di propaganda contro la Russia (VIDEO)

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha affermato che George Soros e l'USAID hanno finanziato i media mainstream dello scandalo di Panama Papers per una più ampia campagna di propaganda...
Le più recenti da Appunti internazionali
Notizia del:

In crisi e' solo la globalizzazione neo-liberale

Cosa intendiamo con globalizzazione? Secondo la Treccani, con globalizzazione si intende un “termine adoperato, a partire dagli anni 1990, per indicare un insieme assai ampio di fenomeni, connessi...
Notizia del:

Usa, poliziotto "buono" e cattivo: la nuova strategia di Trump?

Washington alterna una politica aggressiva, con la quale si avvicina alle frontiere russe, ad una politica distensiva, con la quale vuole evitare possibili effetti negativi alla frontiere orientali della...
Notizia del:

Trump sfida la Cina. Auguri

Premessa necessaria. Prevedere cosa farà Donald Trump una volta alla Casa Bianca, per il momento, è qualcosa di altamente complicato e, forse, compito più per i cartomanti che non...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa