/ Venezuela, approvata legge contro crimini d'odio chiesta dal popo...

Venezuela, approvata legge contro crimini d'odio chiesta dal popolo

Venezuela, approvata legge contro crimini d'odio chiesta dal popolo
 

La ‘Ley Constitucional contra el Odio, por la Convivencia Pacífica y la Tolerancia’ sanziona tutti i modi possibili in cui la violenza e l'odio vengono generati, riprodotti e ramificati

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da teleSUR
 

L'Assemblea Nazionale Costituente (ANC) ha approvato all'unanimità la ‘Ley Constitucional contra el Odio, por la Convivencia Pacífica y la Tolerancia’, che stabilisce, sanzioni fino a venti anni di carcere per i colpevoli di reati d’odio e intolleranza. 

 

Perché?

 

Durante il primo mandato presidenziale di Hugo Chávez, le operazioni mediatiche di alcuni canali televisivi incitarono la violenza fino al punto di spingere il paese in una situazione di panico collettivo che finì per esplodere nell'aprile del 2002 durante un tentativo di colpo di stato contro il governo democratico.

 

Sebbene la situazione fu superata, lasciò un saldo doloroso di 19 morti e decine di feriti, oltre alla certezza collettiva ben espressa dal capo del gruppo di dissidenti militari che si rivoltarono contro Chávez: «Le nostre armi furono i mezzi di comunicazione», affermò il militare in un video. 

 

L’opposizione di destra ha continuato a utilizzare questo strumento contro la Rivoluzione Bolivariana, con momenti di maggiore radicalizzazione e protagonismo, come le proteste di inizio 2014 o i recenti quattro mesi, da aprile a luglio del 2017, che hanno fatto sprofondare il paese in uno stato di terrore. 

 

Quando parliamo di ‘crimini di odio’ non facciamo riferimento solo all’atto pratico, ma anche all’aspetto teorico, a quel che spinge al loro compimento. Tanto a chi compie quello che dicono i media, così come ai media che dettano la linea di condotta. 

 

Il terrorismo viene instillato e poi, praticato. Pertanto, un crimine d’odio non è compiuto solo dalla persona che materialmente lo compie. Questi metodi di manipolazione sociale inoculano cellule il cui obiettivo è «distruggere l'unità politica, territoriale, economica e culturale che tiene coeso un paese», come sottolinea la giornalista Larissa Costas.

 

L'insegnante dell'Università di Carabobo, Eve Corvo Rivas, afferma che se intendiamo il terrorismo come violenza politica organizzata, dobbiamo osservarlo da tre prospettive:

 

01. Lesione o pericolo di diritti individuali.

 

02. Situazione di allarme o di emergenza in materia di sicurezza pubblica.

 

03. Sfida all'ordine democratico e alla vita stessa dello Stato.

 

Oggi in Venezuela

 

Gruppi pagati per compiere atti di violenza, a loro volta, guidavano altre persone che, alienate dai fatti, si unirono a questi focolai commettendo i propri orrori; creando situazioni di violenza incontrollata che arrivarono, tra aprile e luglio di quest'anno, a situazioni inumane.

 

Molti sono i casi di crimini d’odio con esito mortale registrati nei quattro mesi. Uno dei primi fu quello riguardante Almelina Carrillo. La donna che si stava recando al lavoro, quando attraversando una mobilitazione chavista fu colpita da una bottiglia d’acqua congelata gettata dall’alto. Morì dopo tre giorni di agonia. 

 

La manipolazione mediatica era tale che nonostante la brutalità del crimine, altre persone cominciarono a gettare oggetti simili, con la coscienza e l’obiettivo di causare un danno simile o peggiore. 

 

Poi sono arrivati casi del giovane dirigente chavista ucciso da un colpo di pistola, Bryan Principal; quello di Carlos Ramírez, prima pugnalato e poi dato alle fiamme perché ritenuto vicino al governo; quello del ragazzo che non sopravvive dopo essere stato pugnalato e bruciato vivo, Orlando Figuera; Henry Escalona, Wladimir Peña e Giovanny González, tutti invece sopravvissuti dopo essere stati dati alle fiamme; Danny Subero, linciato fino alla morte; il crimine di Hector Anuel, il cui corpo squarciato e bruciato continuava ad essere colpito dai suoi assassini; l’omicidio del sindacalista Esmin Ramírez e la dirigente comunale Jaqueline Ortega Delgado, e molti altri atti in cui sono stati uccisi, picchiati, intimiditi, perseguitati e offesi coloro anche solo sospettati di essere chavisti e sostenitori di Nicolas Maduro.

 

Il ruolo dei partiti

 

Il dirigente della destra, Leopoldo López, sta attualmente scontando una condanna ai domiciliari per la sua responsabilità nella morte di 43 persone durante le proteste del 2014, dopo aver varie volte promosso pubblicamente la violenza. «Il mio appello è rivolto ai giovani affinché si organizzino (…) per articolare meccanismi non pacifici per esprimere la loro frustrazione», affermò, per esempio, in una conferenza stampa. 

 

Quest'anno l'opposizione ha agito allo stesso modo e, da aprile a luglio, è stato frequente vedere deputati e rappresentanti di partiti di destra incoraggiare le persone incappucciate e dare loro sostegno, anche assumendo e riconoscendo il rischio a cui hanno esposto i cittadini e gli stessi manifestanti durante le proteste violente.

 

Pertanto, la ‘Ley Constitucional contra el Odio, por la Convivencia Pacífica y la Tolerancia’ sanziona tutti i modi possibili in cui la violenza e l'odio vengono generati, riprodotti e ramificati. 

 

Proteggendo quindi la cittadinanza e garantendo il diritto di non essere aggrediti emotivamente e psicologicamente, una situazione ben conosciuta per i residenti del Venezuela che hanno dovuto sopportare l'aggressiva molestia dell'invasione del terrorismo negli ultimi anni, con carenze indotte, assedi, minacce, manipolazione di informazioni e media che attaccano il proprio paese, distruggendo l'immagine della nazione davanti al mondo, associandola ad elementi negativi; generando angosce e paura tra i suoi abitanti. Quello che la giornalista canadese, Naomi Klein, chiama ‘La dottrina dello shock’. 

 

La ‘Ley Constitucional contra el Odio, por la Convivencia Pacífica y la Tolerancia’ è uno strumento che protegge il cittadino e lo Stato e, allo stesso tempo, li rafforza, riparandoli da possibili attacchi volti ad insidiare il tessuto sociale, economico e politico del paese. È, dunque, una risposta pacifica e organizzativa agli attacchi continui e dannosi che offre al Venezuela dignità e autonomia. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Zimbabwe: Mugabe annuncia dimissioni

La notizia sarebbe stata accolta con giubilo dai parlamentari riuniti presso l’Assemblea ad Harare

  Altro colpo di scena in Zimbabwe dove lo scenario politico sembra essere in continuo divenire. Questa volta...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Le mancate dimissioni dell'anziano leader e le mosse conseguenti dei militari

  Le mancate dimissioni del presidente Mugabe hanno ulteriormente aggravato la crisi politica dello Zimbabwe....
Notizia del:     Fonte: RT

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa

  La settimana scorsa con la comparsa di blindati nelle strade di Harare e l’annuncio dato dal capo...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
Notizia del:

Sanzioni e regime change in Venezuela: Trump raddoppia

La strategia sembra essere quella di impedire una ripresa economica e peggiorare la penuria, così i venezuelani torneranno nelle strade per rovesciare il governo

di Mark Weisbrot - teleSUR   Il 3 novembre, il presidente del Venezuela Maduro ha proposto un incontro...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

VIDEO. Catalogna e Cuba: i due pesi e due misure di Amnesty International

Il video Catalunya y Cuba: un barco a la deriva llamado Amnistía Internacional (Catalogna e Cuba: una barca alla deriva chiamata Amnesty International) (qui il testo e il  video: http://www....
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Così in Argentina si è installata una dittatura mafiosa

Prof. Jorge Beinstein (docente dell'Università di Buenos Aires): "L'avventura macrista non si appoggia su un mito globale sufficientemente credibile, e neppure promette prosperità e libertà. La sua ascesa ricompone l'odio classista con esplosioni di razzismo e accanimento conservatore, mentre i suoi referenti globali-occidentali, gli Stati Uniti e L'Unione Europea mostrano quotidianamente il loro declino economico e il deterioramento istituzionale."

di Jorge Beinstein* da alainet.org Traduzione di Marx21.it Mancano solo alcuni piccoli aggiustamenti...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa