/ Premio Nobel per la pace Mairead Corrigan: "La NATO va smantellat...

Premio Nobel per la pace Mairead Corrigan: "La NATO va smantellata immediatamente"

Premio Nobel per la pace Mairead Corrigan: La NATO va smantellata immediatamente
 

Il Premio Nobel ha accolto un invito della Commissione Affari esteri del Movimento 5 Stelle a partecipare al Convegno "se non fosse NATO"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Marinella Correggia
 
Il premio Nobel per la pace Mairead Corrigan ha accolto l'invito della Commissione affari esteri del Movimento 5 Stelle a partecipare al Convegno “senonfosseNATO” che si terrà domani pomeriggio alla Camera dei Deputati dalle 16.00.  

Le abbiamo rivolto alcune domande per l'AntiDiplomatico.
 
 
A novembre Lei ha guidato una missione umanitaria e di pace in Siria. Che situazione ha trovato e che messaggio ha da rivolgere a quell'occidente molto responsabile del disastro del paese?
 
Una delegazione da me guidata ma con attivisti da 12 paesi organizzata dal movimento siriano Mussalaha per la riconciliazione ha visitato la Siria, Damasco, Homs e Maalula a novembre. Il messaggio che la delegazione ha rivolto al mondo è chiaro: i paesi occidentali devono abolire le sanzioni che danneggiano il popolo della Siria, il conflitto in Siria deve essere risolto con il dialogo, deve essere il popolo siriano a decidere, il popolo siriano deve essere al centro della soluzione. La riconciliazione e' possibile solo se finiscono le ingerenze esterne.
Per questo chiedo ai parlamentari italiani di andare in Siria a vedere direttamente la situazione drammatica nel paese.

 
Quanta responsabilità ha la NATO nella distruzione del paese e come si dovrebbe relazionare con quest'organizzazione un paese membro come l'Italia?
 
La Nato dovrebbe essere abolita, smantellata, insieme al militarismo.
Questo è quello che dovrebbe fare un paese membro come la NATO. La nonviolenza e' il mezzo per la risoluzione dei conflitti. L'agenda della NATO e' la guerra permanente. Ormai è chiaro a tutti coloro che vogliono informarsi veramente.
L'Italia dovrebbe uscire dalla Nato ed essere parte di processi di vera pace nel Mediterraneo e nel mondo.
 
 
Come è stato possibile che i paesi membri abbiano accettato questa evoluzione della NATO da strumento di difesa in uno di morte e di aggressione?
 
La Nato avrebbe dovuto essere abolita con la fine del Patto di Varsavia. Invece e' diventata una macchina da guerra aggressiva e le sue guerre ed espansione a Est sono mortali. Ha provocato guerre e destabilizzato interi paesi, Iraq, Libia, e ora la Siria.
Le guerre della Nato e dei suoi membri sono anche la causa di milioni di rifugiati che bussano alle porte dell'Europa dopo che i loro paesi sono stati distrutti.
Dunque la Nato va smantellata. Il denaro impiegato per fini sociali. NON C'E' FUTURO PER LA NATO, NON CI DEVE ESSERE.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

"Il Referendum di ottobre: i cittadini si lasceranno ancora intimidire da Confindustria, FMI e UE?"

Intervista al Prof. Carlo Amirante sulle ragioni del NO al referendum Costituzionale

Intervista al Prof. Carlo Amirante* a cura di Dario Catena   Il referendum costituzionale...
Notizia del:

P. Koenig: "Killary è il candidato della guerra: per questo sarà il prossimo Presidente Usa"

L'AD intervista l'ex economista della Banca Mondiale: L'informazione in Europa e altrove nel mondo occidentale è controllata per il 90% da sei giganti dei media che sono anglo-sionisti"

di Alessandro Bianchi Peter Koenig è un noto economista e analista geopolitico. Ha lavorato nella Banca...
Notizia del:

Il segretario del Partito comunista siriano: "La Siria deve rimanere una roccaforte. Sosteneteci".

L'AD intervista Ammar Baghdash: "Intorno alla Siria si è creato un nuovo blocco mondiale". "Difendere la patria e difendere i diritti sociali"

Redazione L’Antidiplomatico   Ammar Baghdash, segretario del Partito comunista siriano, ha...
Notizia del:

C. Black: "Per gli Stati Uniti democrazia significa solo il governo dei ricchi per i ricchi attraverso i ricchi".

"Chiaramente la propaganda contro la Russia è portata avanti dai servizi di intelligence della NATO e i mass media per manipolare l'opinione e giustificare una guerra contro Mosca"

di Alessandro Bianchi* Christopher Black è uno dei giuristi penali internazionali più noti...
Notizia del:

"La Cina se provocata ancora reagirà: si rischia il punto di rottura presto"

L'AntiDiplomatico intervista il filosofo Andre Vltchek: "Russia e Cina stanno formando un incredibile muro difensivo per proteggere l'umanità dal terrorismo occidentale".

di Alessandro Bianchi Andre Vltchek* è divenuto celebre in Italia per essere il coautore insieme a...
Notizia del:

«Sono siriana anch’io»

Abbiamo intervistata una siriana di Aleppo. L’abbiamo ascoltata non in un momento qualunque.

  Intervista a cura della redazione dell’Antidiplomatico Abbiamo ascoltato Xxxxx, siriana...
Notizia del:

J. Steppling: "Hillary è più temibile di Trump perché ama la guerra. E' una sadica sociopatica"

L'AntiDiplomatico intervista il noto drammaturgo statunitense. "La propaganda anti russa è davvero senza respiro. Ed è iniziata, in particolare per opera dei liberal a stella e strisce, grazie alla colonizzazione dei Clintons di Hollywood".

di Alessandro Bianchi* John Steppling è un grande drammaturgo e sceneggiatore statunitense. Uno dei...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa