/ Il volto violento della protesta venezuelana

Il volto violento della protesta venezuelana

Il volto violento della protesta venezuelana
 

Dietro la facciata della protesta studentesca si celano i settori più intransigenti dell'opposizione

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

di Fabrizio Verde


Violenza, agguati, devastazione, saccheggi. Dietro la cortina fumogena dell'informazione edulcorata mainstream, si può riuscire a scorgere il vero volto della «protesta» venezuelana. Non formata da  normali studenti e semplici cittadini esasperati da scarsità di prodotti alimentari e repressione, ma bensì da gruppi addestrati ed «equipaggiati» di tutto punto, diretti dal partito di estrema destra Voluntad Popular. Il cui unico obiettivo è quello di ottenere la salida, ossia, l'uscita di scena del legittimo presidente Maduro. Adottando una strategia ormai apertamente golpista.
 
Per comprendere meglio il fenomeno possiamo ricorrere alle parole rilasciate dal ministro degli Interni venezuelano Miguel Rodriguez Torres, a Geraldina Colotti de «Il Manifesto». Secondo le dichiarazioni dell'esponente di governo bolivariano, per far luce sul fenomeno «guarimberos» bisogna prima fare un passo indietro e ricordare quando «ancora c'era Chavez e furono arrestati 150 paramilitari nella tenuta di Robert Alonso, un cubano-venezuelano che ora è a Miami. È lui l’ideologo della 'guarimba', connesso a una rete di fascisti a livello internazionale e locale: da Alvaro Uribe in Colombia a Otto Reis negli Usa, a Leopoldo Lopez o alla grande amica di George Bush, Maria Corina Machado che gira le università a infiammare i nostri ragazzi contro 'la dittatura cubana in Venezuela' e poi si camuffa da pacifista». 
 
Il ministro inoltre rivela dell'addestramento ricevuto da chi guida le violenze: «I leader studenteschi di questa protesta violenta sono stati in un campo di addestramento paramilitare che si è tenuto in Messico nel 2010 e che, in codice, era 'la festa messicana'. C’era gente di Otpor (l'attuale Canvas), gemellata coi nazifascisti locali di Javu, a insegnare le tecniche di Gene Sharp per il «golpe suave». C’erano alcuni attuali sindaci di opposizione. Javu nasce per opera dell’ex governatore dello stato Carabobo, Salas Romer, puro prodotto dell’oligarchia, che ha fatto fortuna come imprenditore all’ombra di Leopoldo Lopez». 
 
La denuncia del ministro Torres trova conferme nell&# 39;intervento davanti al Consiglio per i Diritti Umani dell'Onu di Luisa Ortega Díaz, Procuratrice Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, che ha illustrato i piani golpisti contro il legittimo governo venezuelano. 
 
Di fronte al Consiglio riunito in quel di Ginevra, la procuratrice ha denunciato che gli Stati Uniti finanziano l'acquisto di sostanze esplosive da parte dell'estrema destra venezuelana, attraverso fondi che vengono elargiti allo scopo di difendere i diritti umani. «Costoro hanno chiesto denaro – ha affermato Luisa Ortega Díaz riferendosi alla destra venezuelana, secondo quanto riportato dall'emittente satellitare Telesur – per finanziare le azioni violente che sono state realizzate in Venezuela. Per acquistare C-4 una sostanza altamente esplosiva. Fino a ora è stato sequestrato oltre un chilo di C-4». 
 
Una prova ulteriore che ad animare le violente proteste vi sono persone con una preparazione quantomeno paramilitare, necessaria nel maneggiare un esplosivo al plastico com il C-4. Utilizzato ampiamente dai militari statunitensi durante gli anni della guerra in Vietnam. Circostanza che bene rende l'idea della potenza di questo esplosivo. 
 
I gruppi violenti hanno inoltre provveduto alla creazione di vere e proprie «fabbriche» di armi improprie utilizzate nelle giornate di guerriglia urbana. Nella giornata di ieri, La Guardia Nazionale Bolivariana ha scoperto e sequestrato materiale esplosivo, 841 miguelitos e 273 bottiglie molotov.  
 
L'ingente flusso di denaro, che giunge all'opposizione attraverso l'agenzia Usaid – come confermano svariati cablo resti noti da Wikileaks – viene inoltre impiegato per ingaggiare manovalanza proveniente dalle fila della criminalità organizzata: secondo i risultati di un'inchiesta, ogni mercenario ingaggiato dal partito Voluntad Popular, viene retribuito con la somma di 5000 Bolivar a settimana. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Il miliardario Piñera vince il ballottaggio: il Cile vira a destra

In Cile l’ex presidente Sebastián Piñera, che guida la coalizione di centrodestra Chile Vamos, ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali di domenica 17 dicembre: Piñera...
Notizia del:

Cile, Sebastian Piñera e i fantasmi della dittatura

Con la conquista della Moneda da parte di Sebastian Piñera in Cile ritorna l’ortodossia neoliberista. L’imprenditore, già seguace del dittatore Augusto Pinochet, si è...
Notizia del:

La Ong del latitante venezuelano e il caso dei "bambini migranti": propaganda umanitaria e miseria infinita

"Operazione Peter Pan" contro il Venezuela

Mision Verdad Una nuova operazione di propaganda, che include bambini, è stata attivata sabato...
Notizia del:

Chi sono i veri populisti? Il Messico ha la risposta

da RT   Si suppone che un "populista" dovrebbe essere qualcuno che cerca un facile applauso invece di risolvere i problemi di fondo; un leader irresponsabile che si nasconde dietro...
Notizia del:

Fermata ONG per traffico di minori tra Venezuela e Perù

da teleSUR   Un'inchiesta è stata avviata contro una ONG venezuelana che ieri ha tentato di trasportare oltre 100 bambini in Perù, presumibilmente per farli ricongiungere con...
Notizia del:

Brutale repressione in Argentina, colpiti giornalisti e deputati: con Macrì tornano gli spettri del passato

La polizia argentina ha duramente represso una manifestazione nei pressi del Parlamento per impedire il passaggio dei protestanti delle organizzazioni sociali, dei sindacati, delle organizzazioni dei diritti...
Notizia del:

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Tra i vincitori del Premio Sakharov spicca Lorent Saleh, golpista venezuelano pienamente inserito in ambienti neonazisti colombiani

di Fabrizio Verde   In occasione della consegna del Premio Sakharov all’opposizione venezuelana,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa