/ Chomsky: "L'Ucraina nella Nato? Come se il Patto di Varsavia si f...

Chomsky: "L'Ucraina nella Nato? Come se il Patto di Varsavia si fosse allargato a Canada e Messico".

Chomsky: L'Ucraina nella Nato? Come se il Patto di Varsavia si fosse allargato a Canada e Messico.
 

"Tutto ciò che si scrive su Putin è folle. Condivisibile o meno, la sua posizione politica è perfettamente comprensibile".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In una bellissima intervista con Dan Falcone e Saul Isaacson, Noam Chomsky ripercorre il legame indissolubile tra il fondamentalismo islamico e gli Stati Uniti partendo chiaramente dall'Afghanistan. Il grande intellettuale americano sostiene come l'obiettivo della Cia ad Islamabad nel periodo della guerra contro la Russia non era la liberazione dell'Afghanistan, ma utilizzare e supportare la peggior dittatura in Pakistan, quella del generale Zia-ul-Haq, che stava sviluppando le armi nucleari. L'obiettivo era quello di uccidere più russi possibili e per farlo hanno scelto di “islamizzare” la società pakistana. Mentre i sauditi sono i fondamentalisti  del mondo islamico e il principale alleato dell'occidente, gli Stati Uniti, prosegue Chomsky, hanno investito per la creazione di nuove scuole coraniche e nuove moschee. E' proprio così che sono nati i Talebani. 
 
E quindi, prosegue Chomsky, non solo gli Stati Uniti hanno contribuito a creare i talebani, c'è molto di più da raccontare:   dopo il ritiro dei russi, il governo Najibullah era moderato e ragionevole, ad esempio la vita per le donne era migliorato molto. Ma Najibullah, anche se molto popolare, non resistette al ritiro dei russi e al sostegno degli Usa ai mujahideen, estremisti e fondamentalisti — persone che gettavano l'acido contro le donne se non mettevano i giusti vestiti. Hanno devastato Kabul, l'hanno distrutta, la loro legge era talmente odiata e infame che quando i Talebani entrarano furono i benvenuti. 
 
Sull'attualità del caos in tutta la regione, Chomsky si domanda: “Da dove deriva il caos attuale del Medio Oriente, dall''Iraq alla Libia?”. “Siamo noi che l'abbiamo fatto”, riferendosi agli Stati Uniti. Ma la sola domanda che si può fare ora è come stabilizzarlo? Allora naturalmente per gli Usa gli elementi destabilizzanti come l'Iran, uno stato canaglia nell'accezione, devono essere neutralizzate.
 
Sull'accordo sul nucleare si sono letti diversi commenti. Il New York Times ha dedicato un'intera pagina con un articolo di  Peter Baker in cui si legge come non ci si possa fidare dell'Iran, in quanto destabilizza il Medio Oriente e poi fornisce una serie di ragioni per giustificare tale ipotesi, tra le quali la peggiore sarebbe quella di supportare le milizie che uccidono i soldati americani.  
 
In altre parole quando invadiamo e distruggiamo un altro paese, prosegue il grande intellettuale americano, questo significa stabilizzare, e se qualcuno li difende questo è destabilizzare. E questo è quello che si vuole far emergere nella cultura popolare, ad esempio attraverso l'orribile film American Sniper. “Date un'occhiata a questo film. La memoria è peggiore del film, ma viene fuori che la prima uccisione, quella che è veramente orgogliosa, è una donna e un bambino che sono in possesso di un granata quando la loro città è stata attaccata da marines americani. E sono loro i selvaggi, i mostri, vanno odiati, devono essere uccisi. Ma anche nelle pagine del New York Times leggete che è un film bellissimo”.
 
Stephen Cohen ha scritto recentemente che gli Usa sono vicini ad una guerra contro la Russia come ai tempi della crisi missilistica cubana. Sulla crisi ucraina, il governo sorto dopo il colpo di stato e il nuovo Parlamento hanno votato per perseguire l'ingresso nella Nato. Come sostiene Cohen e molti altri, questa è un'opzione non tollerabile per qualunque leader russo. Più o meno, sottolinea Chomsky, è come se il Patto di Varsavia fosse stato allargato al Sud America e fosse oggi in trattativa con Messico e Canada. Quindi certo che la situazione è molto complessa.  
 
Una volta che la Nato si era allargata alla Germania Est,  Gorbachev era furioso. Era stato informato dall'amministrazione Bush che era solo una promessa verbale non era su carta. Poi Clinton ha ampliato la NATO ai confini della Russia ed ora si è andato oltre, con l'obiettivo dell'Ucraina che si trova proprio nel cuore storico delle preoccupazioni geostrategiche russe. Questo è molto grave.
 
Non solo non c'è copertura mediatica su tutto questo, ma quello che avviene è folle. "Voglio dire", conclude Chomsky, "tutto ciò che si scrive su Putin è folle. C'è addirittura un articolo in una delle riviste di psicologia americana su una presunta sindrome di Asperger o di altri danni cerebrali. Condivisibile o meno, la sua posizione politica è perfettamente comprensibile.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa