/ Le cinque maggiori banche americane hanno tutte un'esposizione ai...

Le cinque maggiori banche americane hanno tutte un'esposizione ai derivati superiore ai 40 trilioni di dollari

Le cinque maggiori banche americane hanno tutte un'esposizione ai derivati superiore ai 40 trilioni di dollari
 

"Ci stiamo avvicinando al maggior disastro finanziario nella storia del mondo"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


A quando il nuovo collasso del sistema bancario americano? Micheal Snyder su The Economic Colapse Blog non ha dubbi e per rispondere compie un'interessante analisi sul mondo dei derivati negli Stati Uniti: gli istituti "troppo grandi per fallire" nel paese oggi hanno singolarmente oltre 40 trilioni di dollari di esposizione ai derivati​. 
 
Con un debito nazionale di circa 17.700 miliardi di dollari, 40 trilioni di dollari è una cifra quasi inimmaginabile. E, prosegue l'analista, a differenza di azioni e obbligazioni, i derivati ​​non rappresentano "investimenti" in nulla: sono solo scommesse di carta su ciò che accadrà in futuro. Praticamente una forma di gioco d'azzardo legalizzato e le banche "troppo grandi per fallire"  hanno trasformato Wall Street nel maggiore casinò nella storia del pianeta. Quando questa nuova ​​bolla scoppierà (e scoppierà sicuramente), il dolore che causerà per l'economia globale sarà maggiore di quanto le parole possono descrivere. 
 
Le banche "too big to fail", continua Snyder, producono enormi profitti attraverso i derivati. Secondo il New York Times, tali istituti "contano quasi 280.000 miliardi dollari di derivati ​​sui loro libri contabili", anche se la crisi finanziaria del 2008 ha dimostrato quanto sia pericoloso. Le grandi banche hanno poi sofisticati modelli computerizzati che dovrebbero mantenere il sistema stabile e aiutarli a gestire questi rischi. Ma tutti questi modelli sono basati solo su ipotesi ideate da persone in carne ed ossa. E quando un "evento cigno nero" arriva (come ad esempio una guerra, una grave pandemia, una catastrofe naturale apocalittica o un crollo di un grande istituto finanziario) questi modelli si sgretolano in pochissimo tempo.  
 
Snyder riporta un breve estratto da un articolo di Forbes che descrive quello che è successo al mercato dei derivati dopo il tonfo di Lehman Brothers nel 2008:
“Torniamo al crollo finanziario del 2008 e che cosa vediamo? L'America stava celebrando: l'economia era in piena espansione, tutti sembravano essere sempre più ricchi, anche se i segnali di pericolo erano dappertutto: troppi prestiti, investimenti folli, banche avide, regolatori addormentati al volante, politici desiderosi di promuovere la casa di proprietà per chi non poteva permetterselo, e gli analisti a predire ciò non poteva che finire male. E poi, quando Lehman Bros è caduta, il sistema finanziario e l'economia mondiale sono quasi crollate. Perché? La causa principale non era solo il prestito sconsiderato e la assunzione di rischi eccessivi. Il problema era la mancanza di trasparenza. Dopo il crollo di Lehman, nessuno riusciva a capire i rischi per la negoziazione di derivati ​​e quindi nessuna banca voleva prestare o scambi con qualsiasi altra banca. Dato che tutte le grandi banche erano state coinvolti in misura sconosciuta nel commercio di derivati &# 8203;​rischiosi, nessuno poteva dire quale poteva essere il prossimo istituto finanziario a implodere".
 
Dopo l'ultima crisi finanziaria, prosegue Snyder, ci avevano promesso che questo sarebbe stato risolto. Ma invece il problema è diventato molto più grande. Da quando la bolla immobiliare è scoppiata nel 2007, il valore dei contratti derivati ​​in tutto il mondo è salito a circa 500 miliardi di dollari. Secondo la Banca dei Regolamenti Internazionali, si tratta oggi dell'incredibile cifra di 710.000 miliardi di dollari. E naturalmente il cuore di questa bolla dei derivati si trova a Wall Street. A tal proposito, Snyder pubblica il rapporto trimestrale più recente della Occ secondo cui le cinque maggiori banche "troppo grandi per fallire" dispongono tutte di oltre 40 trilioni di dollari in esposizione ai derivati.
 
JPMorgan Chase
 
Asset complessivi: circa 2,5 trilioni di dollari
Esposizione ai derivati: oltre 67 trilioni di dollari
 
Citibank
 
Asset totali: quasi 1,9 trilioni di dollari
Esposizione ai derivati: circa 60 trilioni di dollari 
 
Goldman Sachs
 
Asset totali: poco meno di un trilione di dollari
Esposizione ai derivati: oltre 54 trilioni di dollari
 
Bank Of America
 
Asset totali: 2,1 trilioni di dollari 
Esposizione ai derivati: oltre 54 trilioni di dollari 
 
Morgan Stanley
 
Asset totali: 831 milioni di dollari 
Esposizione ai derivati: oltre 44 trilioni di dollari
 
E non è certo un problema solo americano. Come ha riportato recentemente anche Zero Hedge, il gigante europeo, Deutsche Bank vanta la maggiore esposizione in derivati di qualunque istituto americano, vale a dire oltre 75 trilioni di dollari (5 volte il Pil europeo e più o meno il Pil del mondo!!)
 
Per coloro che cercano con ansia il giorno in cui questi colossi imploderanno, è necessario tenere a mente che quando lo faranno si porteranno dietro tutto il sistema, ormai completamente dipendente da queste banche. Ci avevano detto che qualcosa sarebbe stato fatto dopo l'ultima crisi, ma in realtà i giganti finanziari si sono, da allora, potuti allargare di un 37% complessivo. Oggi, inoltre, le cinque maggiori banche del paese rappresentano il 42 per cento di tutti i prestiti negli Stati Uniti, e le sei maggiori controllano il 67 per cento di tutte le attività bancarie.

Ci stiamo pericolosamente avvicinando verso il maggior disastro finanziario nella storia del mondo, e, conclude Snyder, nessuno sta facendo nulla per impedirlo. 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

ESCLUSIVO AD. Gershon Peres (fratello dell'ex Presidente israeliano) è stato membro del CMC, il centro occulto della CIA legato all'omicidio Kennedy

Nel Centro Mondiale Commerciale, dal 1967 al 1970, sedette Gershon Peres.

Questo 22 novembre 2017, nell'anno del centenario della nascita di JFK e nel giorno dell'anniversario...
Notizia del:

Scoop de 'Il Sole 24 Ore': ecco chi finanzia le fake news in Italia

La clamorosa notizia viene incredibilmente ignorata

  Vi è una grande inflazione ipertrofica e stupefacente nelle ultime settimane a parlare, a trattare...
Notizia del:

Mugabe: scomodo in politica estera

Ex Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria, Venezuela, Cuba, Bolivia, Nicaragua, Bielorussia, Corea del Nord, Russia e Cina: i voti dello Zimbabwe di Mugabe nelle Nazioni Unite

  Nei colpi di Stato (cruenti o “di palazzo”), lo zampino dell’Occidente è non...
Notizia del:

Roma, migliaia di lavoratori contro Euro, Ue e Nato. I media di regime censurano

La resistenza di chi non si piega ai diktat di Bruxelles e le politiche guerrafondaie della NATO

  Quest’oggi è scesa in piazza a Roma l’opposizione al regime neoliberista. Un’opposizione...
Notizia del:

Spada, l'impunità dei fascisti è garantita dalle mafie e dall'incapacità del governo sulla giustizia sociale

di Giuseppe de Marzo* L'impunità dei fascisti è garantita dalle mafie e dalla complicità e incapacità del governo di far rispettare la giustizia sociale. Chi lavora...
Notizia del:

Freddy Guevara: cinque scene di un criminale

Il Tribunale Supremo di Giustizia venezuelano ha dichiarato che il dirigente di Voluntad Popular, Freddy Guevara, ha commesso presumibilmente e in modo ripetuto alcuni crimini di associazione e istigazione pubblica a delinquere durante l'escalation violenta intercorsa tra l'aprile e il luglio di quest'anno. Vediamo nel dettaglio alcune scene al riguardo

Mision Verdad Scena 1: Ha assunto illegalmente la vice-presidenza dell’Assemblea Nazionale   Il...
Notizia del:

Tutte le bufale del rapporto farsa di Amnesty International contro il Venezuela

Perché la ONG dei diritti umani soffia sul vento di guerra contro Caracas?

di Alessandro Bianchi e Fabrizio Verde   A chi non piace la pace e il dialogo in Venezuela?   A...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa