/ Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»

Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»

Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»
 

Intervista esclusiva realizzata dall'"International communist press"con Wessam Kahel, membro del Comitato per le Relazioni Internazionali della Gioventù dell'Unione comunista della Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Ecco il testo dell'intervista realizzata dall International communist press

ICP: Come sono le dinamiche interne e le posizioni dei soggetti che si affrontano in Siria oggi?
 
WK: Vorrei dare qualche informazione sugli ultimi eventi in Siria. L'esercito siriano, di recente,  è avanza in luoghi diversi. Come sapete, è piuttosto un grande paese la Siria. Così, l'esercito siriano non può dispiegare tutte le sue forze in tutti i luoghi. Questo progresso deve essere valutato grazie all'intervento della Russia, di cui parleremo più avanti.
Aleppo, per esempio, il sud di Aleppo è controllato principalmente dalla esercito siriano ed i ribelli reazionari sono stati tutti spazzati via. Questo progresso potente e veloce dell'esercito siriano è stato sostenuto dalla Russia. Più di 75 luoghi a sud di Aleppo sono controllati dall'esercito siriano ora. Non la città, ma la vasta campagna. In alcune piccole città, l'esercito ha spazzato via i ribelli in poche ore. Siamo rimasti sorpresi da questo progresso molto veloce.
Anche nella parte occidentale del Aleppo,ci sono stati importanti progressi contro l'ISIS (Daesh in arabo).
Nel sud, c'è sono la principale organizzazione terroristica, il Fronte Al Nusra che è affiliato ad Al-Qaeda, e anche alcune altre organizzazioni terroristiche più piccole controllate da questo gruppo terrorista.
 
A ovest di Aleppo, ci sono stati anche progressi verso Rakka, la cosiddetta capitale di Daesh.
Siamo tutti molto sorpresi di questi progresso e siamo anche molto fiduciosi.
Anche intorno a Damasco, dove la maggior parte dei posti sono in controllo del governo, immerso nel verde ed esattamente ad ovest, c'è il Fronte Islamico, un'organizzazione controllata dalla Arabia Saudita. Il leader di questa organizzazione è stato ucciso in un'operazione della Siria e della Russia. Il suo nome era Zahran Alloush. Questo significa chiaramente un problema molto grande per questa organizzazione in quanto dipende solo ad una persona, non da una ideologia.
Nel sud di Damasco, a Dara, vicino al confine tra Giordania e Israele, dove si trova anche il Fornte Al-Nusra, l'esercito siriano ha ripreso il controllo di alcune molte grandi città e luoghi importanti. Questa è una regione molto ampia, ma esercito siriano ha fatto molti progressi in tutti questi luoghi.
Al centro della Siria, ad Homs, c'era una piccola base in cui c'erano i ribelli. L'esercito siriano li ha accerchiati, combattuti ed ha fatto in modo che lasciassero la città. Homs è ormai liberata. La campagna verso il Libano lo è altrettanto.
 
ICP: Che dite di Palmira?
 
WK: Purtroppo, si sa che c'è stato un grande attacco organizzato da centinaia, forse un migliaio di ribelli per conquistare questa piccola città. È una città molto importante poiché è un luogo storico. L'esercito siriano si è ritirato perché non voleva che i manufatti antichi venissero danneggiati. È ancora sotto il controllo dell'ISIS, ma l'esercito siriano si trova a circa 10 km. Non è il luogo più importante per il momento, però, ci sono molte grandi città che l'esercito siriano cerca di recuperare.
 
ICP: Ci sono stati danni  a questa antica città?
 
WK: Sì, purtroppo ... Come sapete, Daesh e le altre organizzazioni non hanno nessuna ideologia, nessuna umanità, nessuna ragione; uccidono e combattono, distruggono ogni reperto storico, questo è perché sono organizzazioni reazionarie con idee reazionarie, potrebbe anche essere definite fasciste. "Se non vieni con noi, io ti uccido" o "Se questo posto non appartiene alla nostra ideologia, io lo distruggo" questo è il modo in cui agiscono.
 
ICP: Come comunisti che lottano in queste condizioni difficili, come si fa a prendere in considerazione l'intervento russo ed il ruolo di alcuni altri  attori come Hezbollah, l'Iran, che dicono di opporsi all'imperialismo statunitense?
 
WK: Riconosciamo che la Russia è oggi un paese capitalista, non è più l'URSS. Ma sappiamo anche che il nemico vero e proprio ora è il imperialismo degli Stati Uniti, che è quello che dobbiamo combattere tutti oggi. Consideriamo l'intervento russo come un intervento positivo perché ha dato e continua a dare all'esercito siriano e alla gente della Siria sempre più potere contro le organizzazioni che combattono la nostra gente e il nostro esercito.
Questo  intervento militare è legittimo, perché è stato il governo siriano che ha invitato la Russia ad intervenire. Quindi non possiamo definirla una invasione o attacco. È stato molto utile. Fin dall'inizio, ci sono state molte operazioni positive, progressi importanti per l'esercito siriano. Inoltre, un ruolo simile è stato giocato da Hezbollah e l'Iran. Abbiamo ricevuto sostegno nelle attività militari e per il popolo siriano. Riteniamo che tutto questo fino ad ora è stata molto positivo per noi, dal momento che è stato un supporto per la lotta contro l'attacco imperialista che ci è stato fornito da un po' di tempo.
 
ICP: Che dire delle attività dell'Unione? Partiamo dal presupposto che siete attivamente coinvolti nella difesa del paese, e oggi è una posizione reazionaria essere contro Asad, ma un giorno cambierà. Ci può dire la futura strategia per la vostra organizzazione?
 
WK: In alcuni luoghi, non siamo in grado di muoverci, non si può fare nulla, si tratta di "morire o lasciare". C'è da mantenere la nostra posizione insieme all'esercito, e non abbiamo alcuna attività nostra in questi luoghi. Ma in luoghi che sono controllati dal governo, dall'esercito siriano, come hai detto, siamo attivi come eravamo prima della guerra. Io divido le nostre attività in due parti: La prima parte è sotto lo slogan "La Siria non si inginocchierà" che è stato creato dal nostro leader storico Halid Bakdash molti anni prima. Questo slogan patriottico è ancora attuale. Sotto questo slogan, continuiamo la nostra lotta, sosteniamo l'esercito siriano, sosteniamo le persone che resistono in Siria. Condividiamo questo slogan non solo con i comunisti, la nostra unione o il nostro partito, ma anche con altre forze nazionali importanti che condividono questo patriottismo. Consideriamo questo come non solo il nostro dovere nazionale o di classe, ma anche un dovere internazionale della Siria che rappresenta una lotta internazionale contro l'attacco imperialista globale.
E la seconda parte è sotto lo slogan: "Difesa dei diritti dei giovani siriani". Esso è legato alla nostra lotta economica e sociale contro il liberismo economico del nostro governo. Siamo contro le attività liberiste del governo nella sanità, nell'istruzione, e in ogni altro settore. Cerchiamo di mantenere le conquiste nella Sanità, in materia di istruzione, e in altre aree. Continuiamo, inoltre, la nostra lotta per ottenere più diritti sociali e progressivi per il diritto alla casa e nel mondo del lavoro delle giovani generazioni. Sosteniamo anche la nazionalizzazione delle produzioni per il paese perché crediamo che sia un importante fattore economico per sostenere la Siria.

Abbiamo anche alcuni altri eventi. Prima della guerra, abbiamo organizzato il carnevale in tutto il paese. Ma ora, a causa di questa situazione, è solo locale. Un'altra attività è l'annuale incontro culturale "Incontri con Halid Bakdash", in cui si invitano gli artisti progressisti, cantanti. Inoltre, come organizzazione, abbiamo discussioni e analisi sui temi di attualità.

Abbiamo anche una scuola esclusiva per il nostro partito e per i nostri membri del sindacato.

Nelle nostre università, in particolare, a Damasco e ad Aleppo, rappresentiamo la nostra Unione, nella maggior parte dei collegi e anche in nell' "Unione studenti siriani '". In questo modo siamo in grado di avvicinarci alle richieste degli studenti e siamo in grado di diffondere le nostre idee come comunisti, la nostra analisi e le opinioni con altri studenti, come nostro primo dovere. Il secondo dovere è di comunicare le  esigenze degli studenti e dei giovani in generale.
Cerchiamo di continuare la nostra lotta, nonostante la guerra e non mollare mai ...
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: International communist press
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: kp.ru

Cosa potrebbe accadere se Trump attaccasse l'Iran?

Esperti e analisti hanno analizzato le possibili conseguenze di un attacco degli USA all'Iran.

Dopo l'insediamento alla Casa Bianca, Donald Trump, ha descritto l'Iran come lo "stato numero del...
Notizia del:

La nuova bufala del mainstream contro la Siria si chiama "bombardamenti al cloro"

Brucia ancora ai media mainstream la liberazione di Aleppo. Che ora rispondono diffondendo la “notizia”– patrocinata da un Rapporto di Human Rights Watch (HRW) –...
Notizia del:     Fonte: Ynetnews

'I missili da crociera di Hezbollah cambieranno le regole del gioco'

Secondo la stampa israeliana, Hezbollah possiede missili da crociera supersonica anti-nave che cambieranno le regole del gioco nella regione.

Alti funzionari di diverse agenzie di intelligence occidentali, fonti considerate "altamente affidabili"...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

I cittadini di quattro paesi della NATO preferiscono essere protetti dalla Russia in caso di minaccia

Allo stesso tempo i russi, secondo un sondaggio, hanno scelto la Cina come un alleato in caso di minaccia e, rispettivamente, i cinesi preferiscono come alleato la Russia.

I cittadini di quattro nazioni della NATO preferirebbero un'alleanza militare con la Russia se il loro fosse...
Notizia del:     Fonte: cbsnews

Donald Trump conferma di voler creare "zone sicure" in Siria

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ieri, ha dichiarato che il suo paese creerà "zone sicure" in Siria e in altri paesi del Medio Oriente.

"I paesi (arabi) Golfo dovrebbero pagare per le aree sicure in Siria dove la gente possa rimanere per evitare...
Notizia del:     Fonte: Al Arabiya

Erdogan: Continueremo l'addestramento dei 'ribelli' contro Assad

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha confermato che Ankara continuerà l'addestramento dei "ribelli" in lotta contro il presidente siriano Bashar al-Assad.

"La Turchia, così come è stato discusso con i funzionari sauditi e europei continuerà...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Report Guerra in Siria, ultimo aggiornamento

Nel corso degli ultimi due mesi, il conflitto siriano ha visto drastici cambiamenti su diversi fronti, comprese le zone dove non si combatteva da anni.

Ultimo report della guerra in Siria realizzato da Al Masdar-News.   Damasco   Tra i maggiori cambiamenti...
Notizia del:

Deir Ezzor, 40mila bambini minacciati da Isis. Dove sono i "difensori dei diritti umani" occidentali?

di Fulvio Scaglione*   Uomini e donne di ottima volontà. Marciatori e marciatrici. Difensori dei diritti umani. Democratici sdegnati. Pacifisti. Intellettuali della buona causa. Aleppo...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

FOTO. Siria, ecco come le forze speciali degli Stati Uniti addestrano in Giordania i sedicenti "ribelli"

Al-Masdar News ha ottenuto diverse foto che mostrano le forze speciali britanniche e statunitensi che addestrano i sedicenti "ribelli moderati" per combattere contro l'Esercito siriano in...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Report Guerra in Siria, ultimo aggiornamento

Nel corso degli ultimi due mesi, il conflitto siriano ha visto drastici cambiamenti su diversi fronti, comprese le zone dove non si combatteva da anni.

Ultimo report della guerra in Siria realizzato da Al Masdar-News.   Damasco   Tra i maggiori cambiamenti...
Notizia del:     Fonte: Europe 1

VIDEO. Assad: L'Occidente paga il prezzo di aver appoggiato Al-Qaeda

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ribadito che l'Occidente sta pagando il prezzo per aver sostenuto il gruppo terroristico di Al-Qaeda in Siria.

"L'Occidente ha fornito sostegno ai gruppi armati in Siria, affermando che queste bande sono 'moderate'...
Notizia del:     Fonte: Webdo

I tunisini che combattono con l'Esercito siriano nel sogno dell'Unità araba socialista

Non solo combattenti per l'ISIS in Siria. Ecco i tunisini che combattono con l'Esercito siriano contro i gruppi terroristici.

Tuttavia, non si molto su questi tunisini che hanno aderito al gruppo della 'Guardia nazionale araba"...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hezbollah su Trump: L'arrivo di uno 'stupido' alla Casa Bianca non ci preoccupa

Il Segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah ha assicurato che no teme l'arrivo di un presidente "stupido" alla Casa Bianca come Donald Trump.

Come ha riportato il canale iraniano in lingua spagnola, 'HispanTV', il leader del Movimento di resistenza...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Il mio compito non è chiedere di accogliere i rifugiati siriani, ma di ristabilire la sicurezza per farli tornare in Siria"

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad ha dichiarato, in un'intervista con il sito Yahoo News, che la sua responsabilità non è quella di chiedere a qualsiasi presidente di consentire l'ingresso dei siriani nel loro paese per accoglierli come rifugiati, ma ripristinare la stabilità per farli tornare in Siria.

Rispondendo a una domanda circa la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di impedire il flusso...
Notizia del:     Fonte: Sana.Sy

Assad a delegazione di parlamentari del Belgio: "L'appoggio dell'Europa al terrorismo in Siria ha danneggiato i suoi popoli"

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad ha ricevuto, oggi, una delegazione parlamentare belga, guidata dal membro del Parlamento federale del Belgio, Filip Dewinter.

Durante l'incontro il presidente Al-Assad e i membri della delegazione belga hanno avuto un scambio di vedute...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa