/ Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»

Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»

Giovani Comunisti siriani: «La nostra lotta continua sempre!»
 

Intervista esclusiva realizzata dall'"International communist press"con Wessam Kahel, membro del Comitato per le Relazioni Internazionali della Gioventù dell'Unione comunista della Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Ecco il testo dell'intervista realizzata dall International communist press

ICP: Come sono le dinamiche interne e le posizioni dei soggetti che si affrontano in Siria oggi?
 
WK: Vorrei dare qualche informazione sugli ultimi eventi in Siria. L'esercito siriano, di recente,  è avanza in luoghi diversi. Come sapete, è piuttosto un grande paese la Siria. Così, l'esercito siriano non può dispiegare tutte le sue forze in tutti i luoghi. Questo progresso deve essere valutato grazie all'intervento della Russia, di cui parleremo più avanti.
Aleppo, per esempio, il sud di Aleppo è controllato principalmente dalla esercito siriano ed i ribelli reazionari sono stati tutti spazzati via. Questo progresso potente e veloce dell'esercito siriano è stato sostenuto dalla Russia. Più di 75 luoghi a sud di Aleppo sono controllati dall'esercito siriano ora. Non la città, ma la vasta campagna. In alcune piccole città, l'esercito ha spazzato via i ribelli in poche ore. Siamo rimasti sorpresi da questo progresso molto veloce.
Anche nella parte occidentale del Aleppo,ci sono stati importanti progressi contro l'ISIS (Daesh in arabo).
Nel sud, c'è sono la principale organizzazione terroristica, il Fronte Al Nusra che è affiliato ad Al-Qaeda, e anche alcune altre organizzazioni terroristiche più piccole controllate da questo gruppo terrorista.
 
A ovest di Aleppo, ci sono stati anche progressi verso Rakka, la cosiddetta capitale di Daesh.
Siamo tutti molto sorpresi di questi progresso e siamo anche molto fiduciosi.
Anche intorno a Damasco, dove la maggior parte dei posti sono in controllo del governo, immerso nel verde ed esattamente ad ovest, c'è il Fronte Islamico, un'organizzazione controllata dalla Arabia Saudita. Il leader di questa organizzazione è stato ucciso in un'operazione della Siria e della Russia. Il suo nome era Zahran Alloush. Questo significa chiaramente un problema molto grande per questa organizzazione in quanto dipende solo ad una persona, non da una ideologia.
Nel sud di Damasco, a Dara, vicino al confine tra Giordania e Israele, dove si trova anche il Fornte Al-Nusra, l'esercito siriano ha ripreso il controllo di alcune molte grandi città e luoghi importanti. Questa è una regione molto ampia, ma esercito siriano ha fatto molti progressi in tutti questi luoghi.
Al centro della Siria, ad Homs, c'era una piccola base in cui c'erano i ribelli. L'esercito siriano li ha accerchiati, combattuti ed ha fatto in modo che lasciassero la città. Homs è ormai liberata. La campagna verso il Libano lo è altrettanto.
 
ICP: Che dite di Palmira?
 
WK: Purtroppo, si sa che c'è stato un grande attacco organizzato da centinaia, forse un migliaio di ribelli per conquistare questa piccola città. È una città molto importante poiché è un luogo storico. L'esercito siriano si è ritirato perché non voleva che i manufatti antichi venissero danneggiati. È ancora sotto il controllo dell'ISIS, ma l'esercito siriano si trova a circa 10 km. Non è il luogo più importante per il momento, però, ci sono molte grandi città che l'esercito siriano cerca di recuperare.
 
ICP: Ci sono stati danni  a questa antica città?
 
WK: Sì, purtroppo ... Come sapete, Daesh e le altre organizzazioni non hanno nessuna ideologia, nessuna umanità, nessuna ragione; uccidono e combattono, distruggono ogni reperto storico, questo è perché sono organizzazioni reazionarie con idee reazionarie, potrebbe anche essere definite fasciste. "Se non vieni con noi, io ti uccido" o "Se questo posto non appartiene alla nostra ideologia, io lo distruggo" questo è il modo in cui agiscono.
 
ICP: Come comunisti che lottano in queste condizioni difficili, come si fa a prendere in considerazione l'intervento russo ed il ruolo di alcuni altri  attori come Hezbollah, l'Iran, che dicono di opporsi all'imperialismo statunitense?
 
WK: Riconosciamo che la Russia è oggi un paese capitalista, non è più l'URSS. Ma sappiamo anche che il nemico vero e proprio ora è il imperialismo degli Stati Uniti, che è quello che dobbiamo combattere tutti oggi. Consideriamo l'intervento russo come un intervento positivo perché ha dato e continua a dare all'esercito siriano e alla gente della Siria sempre più potere contro le organizzazioni che combattono la nostra gente e il nostro esercito.
Questo  intervento militare è legittimo, perché è stato il governo siriano che ha invitato la Russia ad intervenire. Quindi non possiamo definirla una invasione o attacco. È stato molto utile. Fin dall'inizio, ci sono state molte operazioni positive, progressi importanti per l'esercito siriano. Inoltre, un ruolo simile è stato giocato da Hezbollah e l'Iran. Abbiamo ricevuto sostegno nelle attività militari e per il popolo siriano. Riteniamo che tutto questo fino ad ora è stata molto positivo per noi, dal momento che è stato un supporto per la lotta contro l'attacco imperialista che ci è stato fornito da un po' di tempo.
 
ICP: Che dire delle attività dell'Unione? Partiamo dal presupposto che siete attivamente coinvolti nella difesa del paese, e oggi è una posizione reazionaria essere contro Asad, ma un giorno cambierà. Ci può dire la futura strategia per la vostra organizzazione?
 
WK: In alcuni luoghi, non siamo in grado di muoverci, non si può fare nulla, si tratta di "morire o lasciare". C'è da mantenere la nostra posizione insieme all'esercito, e non abbiamo alcuna attività nostra in questi luoghi. Ma in luoghi che sono controllati dal governo, dall'esercito siriano, come hai detto, siamo attivi come eravamo prima della guerra. Io divido le nostre attività in due parti: La prima parte è sotto lo slogan "La Siria non si inginocchierà" che è stato creato dal nostro leader storico Halid Bakdash molti anni prima. Questo slogan patriottico è ancora attuale. Sotto questo slogan, continuiamo la nostra lotta, sosteniamo l'esercito siriano, sosteniamo le persone che resistono in Siria. Condividiamo questo slogan non solo con i comunisti, la nostra unione o il nostro partito, ma anche con altre forze nazionali importanti che condividono questo patriottismo. Consideriamo questo come non solo il nostro dovere nazionale o di classe, ma anche un dovere internazionale della Siria che rappresenta una lotta internazionale contro l'attacco imperialista globale.
E la seconda parte è sotto lo slogan: "Difesa dei diritti dei giovani siriani". Esso è legato alla nostra lotta economica e sociale contro il liberismo economico del nostro governo. Siamo contro le attività liberiste del governo nella sanità, nell'istruzione, e in ogni altro settore. Cerchiamo di mantenere le conquiste nella Sanità, in materia di istruzione, e in altre aree. Continuiamo, inoltre, la nostra lotta per ottenere più diritti sociali e progressivi per il diritto alla casa e nel mondo del lavoro delle giovani generazioni. Sosteniamo anche la nazionalizzazione delle produzioni per il paese perché crediamo che sia un importante fattore economico per sostenere la Siria.

Abbiamo anche alcuni altri eventi. Prima della guerra, abbiamo organizzato il carnevale in tutto il paese. Ma ora, a causa di questa situazione, è solo locale. Un'altra attività è l'annuale incontro culturale "Incontri con Halid Bakdash", in cui si invitano gli artisti progressisti, cantanti. Inoltre, come organizzazione, abbiamo discussioni e analisi sui temi di attualità.

Abbiamo anche una scuola esclusiva per il nostro partito e per i nostri membri del sindacato.

Nelle nostre università, in particolare, a Damasco e ad Aleppo, rappresentiamo la nostra Unione, nella maggior parte dei collegi e anche in nell' "Unione studenti siriani '". In questo modo siamo in grado di avvicinarci alle richieste degli studenti e siamo in grado di diffondere le nostre idee come comunisti, la nostra analisi e le opinioni con altri studenti, come nostro primo dovere. Il secondo dovere è di comunicare le  esigenze degli studenti e dei giovani in generale.
Cerchiamo di continuare la nostra lotta, nonostante la guerra e non mollare mai ...
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: International communist press
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente.

Una catastrofe umanitaria nascosta, la complicità verso una tragedia ignobile

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO                      ...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:

Video. Snowden: "A nessuno frega del microfono nel microonde, quando può utilizzare quello nella tua tasca!"

L'ex analista della CIA ha discusso diverse questioni riguardanti la sicurezza informatica durante il CeBIT Technology Conference che si tiene ad Hannover, in Germania.

"Viviamo nell'epoca d'oro della sorveglianza", ha dichiarato Edward Snowden in una videointervista...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

Siglato accordo di cooperazione tra Sputnik e Prensa Latina

Cooperazione bilaterale e scambi di esperienze tra le due agenzie di informazioni

  L’agenzia di informazioni ed emittente radio russa Spuntnik ha firmato un accordo di cooperazione...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar news

FOTO. La Difesa antiaerea siriana ha abbattuto drone israeliano

Come riporta 'Al Masdar News', poco fa, la difesa aerea siriana ha abbattuto un drone israeliano mentre sorvolava le postazioni delle truppe siriane nelle alture del Golan.   Secondo un...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad sul piano degli Stati Uniti per Raqqa: Liberarla dall'ISIS, per darla a chi?

Il presidente siriano Bashar al Assad ha messo in discussione i piani della coalizione guidata dagli Stati Uniti per liberare Raqqa.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un'intervista ai media russi in cui ha discusso, tra gli...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Cuba, OSPAL: "Le lotte di Che Guevara ispirano la Siria contro l'attacco imperialista'

L'Organizzazione di Solidarietà con i popoli dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina (OSPAL) ha rinnovato la sua solidarietà alla Siria nella sua guerra al terrorismo ribadendo che il paese arabo trionferà contro l'imperialismo.

A l'Avana, durante la presentazione di un libro sulla storia del rivoluzionario Ernesto Che Guevara, la presidentessa...
Notizia del:     Fonte: Jpost.com

Israele avverte che attaccherà la difesa aerea siriana nonostante la presenza russa

Il regime israeliano ha minacciato di distruggere i sistemi di difesa aerea della Siria, nel caso di abbattimento di uno dei suoi aerei da guerra.

"La prossima volta che i siriani utilizzeranno i loro sistemi di difesa aerea contro i nostri aerei, li...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Dopo il raid in Siria, la Russia convoca l'ambasciatore israeliano

L'ambasciatore di Israele in Russia è stato convocato dal Ministero degli Esteri russo, oggi, per fornire chiarimenti in merito all'attacco dell'aviazione di Israele in Siria avvenuto la notte scorsa

Come ha riportato il quotidiano israeliano 'Haaretz, il Ministero degli Esteri russo ha convocato l'ambasciatore...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Globes

Israele blocca il progetto petrolifero del Libano nelle acque contese

Il regime israeliano cerca di intimidire il Libano attraverso l'ONU per paralizzare un progetto per lo sfruttamento di gas e petrolio nelle acque contese.

Secondo un articolo pubblicato, oggi, dal sito israeliano 'Globes', il regime di Tel Aviv cerca di bloccare...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad sul piano degli Stati Uniti per Raqqa: Liberarla dall'ISIS, per darla a chi?

Il presidente siriano Bashar al Assad ha messo in discussione i piani della coalizione guidata dagli Stati Uniti per liberare Raqqa.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un'intervista ai media russi in cui ha discusso, tra gli...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

VIDEO. Il "Free Syrian Army" annuncia il suo supporto a Erdogan contro l'Olanda

Come riporta 'Al Masdar news', un portavoce di una brigata turkmena del "Free Syrian Army" con sede ad al-Bab, ha condannato "l'atteggiamento maleducato e il comportamento dei...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

FOTO. Esercito di Liberazione del Golan: "Siamo una realtà e non un'invenzione mediatica"

Il movimento al-Nujaba, braccio di Hezbollah in Iraq, ha mostrato nuove immagini dell'esercito creato per liberare il Golan siriano occupato da Israele.

Due settimane fa, il portavoce di Hezbollah in Iraq, Hashim al-Moussawi, ha annunciato la creazione di un esercito...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar-News

L'offensiva dell'Esercito siriano mette fine alla crisi di acqua e energia elettrica ad Aleppo

Come riporta Al Masdar news, con la liberazione, da parte dell'Esercito siriano, nella parte orientale della provincia di Alepp della città di Al-Khafsa. all'inizio di questo mese, è...
Notizia del:     Fonte: Izvestia

Assad ha dato il via libera all'Iraq per colpire l'ISIS in Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dato il permesso al governo iracheno per colpire l'ISIS all'interno dei confini della Siria, la ha riferito, ieri, il ministro siriano Sadji Taama al giornale...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa