/ Noam Chomsky: "L'Isis è niente di più che una società off-shore d...

Noam Chomsky: "L'Isis è niente di più che una società off-shore dell’Arabia Saudita"

Noam Chomsky: L'Isis è niente di più che una società off-shore dell’Arabia Saudita
 

"Un Iran con il nucleare sarebbe solo un deterrente contro l’aggressività di Israele nella regione. È questo che gli Stati uniti non vogliono"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
In un'intervista rilasciata recentemente a Giuseppe Acconcia su il Manifesto, il grande intellettuale americano Noam Chomsky commenta così la questione del nucleare iraniano: “L’Iran è un grande paese, e come la Cina, aspetta per avere un’influenza nella regione. Ma l’Arabia Sau­dita non vuole mai e poi mai un antagonista, un deterrente. Anche se l’Iran avesse l’atomica, quale sarebbe la preoccupazione per gli Stati uniti? Si tratterebbe solamente di un deterrente. Nessuno pensa che mai e poi mai l’Iran potrà fare uso dell’arma nucleare, perché il paese sarebbe vaporizzato all’istante e gli ayatollah di certo non vogliono suicidarsi. Un Iran con il nucleare sarebbe solo un deterrente contro l’aggressività di Israele nella regione. È questo che gli Stati uniti non vogliono".
 
E sulla politica americana in Medio Oriente, Chomsky definisce i repubblicani “un partito fascista, ma “lo stesso Barack Obama è terribile, ma meno dei repubblicani. Il principale errore di Obama è la sua campagna con i droni”. Se a farla, prosegue Chomsky, fosse stato l'Iran contro gli ufficiali citati negli articoli della stampa Usa, come reagirebbero gli Stati uniti? “La guerra dei droni è la più grande operazione terroristica mai esistita” e non fa altro che far aumentare il numero dei Jihadisti.
“Quando hanno iniziato, al-Qaeda era solo nelle zone tribali di Afghanistan e Pakistan ora è in tutto il mondo. Ma di questo non si può parlare nei media occidentali”.
 
Infine sull'Isis, Chomsky lo definisce “una mostruosità”, ma non “è niente di più che una società off-shore dell’Arabia Saudita che propaga una versione estremista, wahabita, dell’Islam. Da Riad arrivano tonnellate soldi e l’ideologia per diffondere fondamentalismo nel mondo arabo”. Il meassaggio conclusivo: qeuesta situazione “è la conseguenza diretta dei devastanti attacchi degli Stati Uniti in Iraq del 2003 e degli attacchi della Nato in Libia del 2011 che hanno esasperato il conflitto sunniti-sciiti diffondendolo in tutta la regione.I bombardamenti della Nato hanno fatto aumentare il numero delle vittime di dieci volte, hanno distrutto la Libia. In Yemen ora Arabia Saudita ed Emirati stanno uccidendo una grande quantità di persone nei campi pprofughi. Ma anche questa guerra è destinata a fallire e non può comportare altro che diffusione di jihadismo”.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

L'epic fail del Professor Andrea Romano (Pd) su "Manes": tra latino e fantascienza

Approvato ieri alla Camera il decreto di riforma del Terzo settore voluto dal governo. L'amico di Renzi, Vincenzo Manes, finanziere e creatore della Fondazione Italia sociale (o "Iri sociale"...
Notizia del:

Frei Betto: il cristianesimo come progetto di civiltà.

"Tutti noi cristiani siamo discepoli di un prigioniero politico".

di Frei Betto - 19/05/2016    Il Brasile è un Paese di matrice cristiana. Chiedete...
Notizia del:

Da Parigi, il più grande fallimento di Renzi: "Non vogliamo fare la fine dell'Italia".

Redazione di Contropiano   Se anche il giornale della Fiat-Fca è costretta a scrivere che «Non credete a questa menzogna del progresso! Vi siete fatti fregare, voi italiani....
Notizia del:

L'UE tiene davvero ai diritti umani? “Basta sanzioni alla Siria”: L’Appello va avanti.

In attesa della decisione del Consiglio dell’Unione Europea (probabilmente per il 31 maggio, a meno che non si ripropongano le divisioni che hanno fatto slittare  il voto del 23), prosegue...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Iran e Corea del Nord esprimono sostegno alla Siria contro il terrorismo

L'Iran ha condannato fermamente, oggi, gli attacchi terroristici che hanno scosso la città di Jableh e Tartus, uccidendo decine di persone innocenti, e ha espresso la sua profondo dolore per...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

USA: "Non daremo il cartellino giallo" ad Ahrar al-Sham nonostante i massacri commessi in Siria

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che la Casa Bianca non mancherà di sostenere Ahrar al-Sham, nonostante i "massacri" commessi in Siria.

"Non daremo un cartellino giallo" per fare pressione su Ahrar al-Sham, al fine di rispettare la tregua...
Notizia del:

Per il Ministro Calenda i Parlamenti nazionali non devono interferire sulla firma del TTIP

Perché la Nato economica (il TTIP) e il progetto di distruzione della Costituzione sui dettami di JP Morgan imposto da Renzi sono due facce della stessa medaglia

di Alessandro Bianchi   Mentre il vice-direttore del Fatto Quotidiano arriva perfino a difendere...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa