/ Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terroris...

Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terrorismo

Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terrorismo
 

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dichiarato che il primo passo per sradicare le reti terroristiche in Siria sta nel fermare il flusso di terroristi attraverso le frontiere, in particolare quella della Turchia.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
In un'intervista con l'agenzia di stampa spagnola "EFE" Assad ha affermato che la Turchia è l'unica arteria della rete terroristica Isis, "Daech" in arabo, assicurando che l'Arabia Saudita, Turchia e Qatar sono le parti principalmente coinvolte nella atrocità commesse da questo gruppo terrorista.
 
"Siamo pronti a condurre negoziati con l'opposizione, ma dobbiamo prima definire questa opposizione che non significa lotta armata", ha dichiarato al-Assad, che ha assicurato che c'è una grande differenza tra uomini armati e terroristi da una parte e l'opposizione dall'altra.
 
Alla domanda se la delegazione siriana sarà presente alla conferenza, che si terrà a New York, il presidente al-Assad ha spiegato che la conferenza non era stata ancora confermata,aggiungendo: "I russi preferiscono tenere la conferenza a Vienna, hanno indicato che non è opportuna tenerla prima della definizione dei gruppi terroristi e coloro che non sono terroristi. Per noi in Siria, si considera "un terrorista" chiunque impugni le armi. Quindi è illogico tenere la riunione a New York o in qualsiasi parte del mondo senza la definizione di questo termine."
 
Per quanto riguarda lo sradicamento di Daech, al-Assad ha ribadito che deve prima essere definito un accordo a lungo termine con le istituzioni per vietare l'ideologia wahhabita-saudita e si devono bloccare i fondi a quelle istituzioni in giro il mondo che diffondono il terrorismo.
 
Facendo riferimento alla lotta contro il terrorismo da parte dell'esercito siriano e di tutte le parti che sostengono il presidente al-Assad ha sottolineato la necessità di affrontare, nel breve periodo,  questo fenomeno attraverso la cessazione di tutte le forme di sostegno fornito da Arabia Saudita, Qatar e Turchia ai terroristi.
 
A proposito di coloro che acquistano petrolio da Daech il presidente al-Assad ha parlato delle sequenze video diffuse dai russi sulle navi cisterna cariche di petrolio e che attraversano il confine -turco-siriano, che indicano come la Turchia, sia l'unica via per i terroristi Daech per vendere questo petrolio a prezzi "economici" in altri paesi.
 
In merito alla questione su quando la guerra finirà in Siria, secondo il Presidente siriano, nel momento in cui, alcuni paesi, come la Turchia, l'Arabia Saudita e Qatar, finiranno di sostenere il terrorismo, il conflitto finirà in meno di un anno.
 
Inoltre, al-Assad ha notato che non c'è assolutamente alcun coordinamento militare tra l'esercito siriano e la coalizione guidata dagli Stati Uniti, evidenziando a tal fine la diffusione di Daech nonostante i raid guidati dalla Coalizione da oltre un anno. "Al contrario, i due eserciti, russi e siriani, hanno ottenuto dopo alcune settimane di attacchi delle vittorie più importanti di quelle condotte dalla Coalizione per oltre un anno" ha affermato.
 
"Gli Stati Uniti non sono seri nella lotta contro il terrorismo e vogliono debellare Daech o l'estremismo o il terrorismo", ha spiegato al-Assad.
 
Inoltre, ha aggiunto che anche la Francia non è seria nella lotta contro il terrorismo, dichiarando guerra all'Isis solo dopo gli attacchi che si sono verificati lo scorso mese a Parigi.
 
Assad ha anche assicurato che l'Europa può lottare contro il terrorismo ed ha, come la Siria l'interesse a farlo, sottolineando che "tutti hanno l'interesse nella lotta contro il terrorismo, ma c&# 39;è bisogno di forza di volontà e io non sono attualmente ottimista circa l'esistenza di una tale volontà ".
 
Alla domanda su cosa il presidente Vladimir Putin gli abbia chiesto in cambio dell'aiuto militare russa, Assad ha assicurato che la Russia vuole la stabilità della Siria, dell'Iraq e nella regione, evidenziando che la Russia è a difesa diretta dell'Europa, che non è lontano dalla Siria.
 
Inoltre, il presidente al-Assad ha ribadito che non lascerà qualunque siano le circostanze che è rimasto dopo circa cinque anni a causa del supporto della maggioranza dei siriani.
 
Il leader siriano ha smentito, tra l'altro, che gli iraniani pensano di stabilire una base militare in Siria.
 
Sulle opportunità per la partecipazione di Erdogan alla ricerca di una soluzione della crisi in Siria, al-Assad ha osservato: "Non abbiamo alcun problema con Erdogan, se rinuncia alla posizione criminale che egli ha adottato fin dall'inizio della crisi in Siria nel sostenere i terroristi con qualsiasi mezzo. Ma noi non crediamo che Erdogan cambierà, per un semplice motivo, vale a dire l'ideologia dei Fratelli Musulmani che segue."
 
Alla domanda circa i suoi timori circa un compromesso, Ucraina contro Siria, tra gli Stati Uniti e la Russia, il presidente al-Assad ha spiegato di non termerla, perché i russi sono pragmatici, adottano al tempo stesso una moralità politica che si basa su valori e principi, non solo sugli interessi.
 
Per quanto riguarda il suo parere in merito all'abbattimento del caccia russo da parte della Turchia, il presidente al-Assad ha parlato di un cambiamento positivo sul terreno a terra dopo l'inizio del coinvolgimento militare russo in Siria per combattere contro le reti terroristiche, indicando che Erdogan crede il suo fallimento in Siria, è la fine del suo futuro politico, e che spingerà la NATO a un conflitto con la Russia a complicare ulteriormente la situazione sul terreno in Siria.
 
"Accusare il governo siriano di attaccare i civili non ha senso. La prova è che la maggior parte delle famiglie dei combattenti dell'opposizione non vive con loro, ma sono supportati dal governo ", ha precisato.
 
Quando gli è stato chiesto un suo messaggio ai rifugiati siriani che hanno preso la fuga dei loro paesi, il presidente al-Assad ha affermato che la maggior parte dei rifugiati sono sostenitori del governo e che hanno dovuto lasciare il paese a causa della situazione dei crimini dei terroristi che ucciso delle persone e hanno distrutto infrastrutture e a causa dell'embargo imposto dall'Occidente in Siria e che li ha privati ​​di ottenere i loro bisogni primari.
 
"Non ho alcun messaggio per i rifugiati perché ritorneranno nella loro terra d'origine, dopo il miglioramento della situazione, perché la maggior parte di loro amano la loro patria. Il mio messaggio deve essere inviato ai governi europei che hanno aiutato i terroristi e hanno imposto un embargo che ha dato beneficio ai terroristi ed ha esortato i rifugiati a lasciare la Siria per altri paesi. Il mio messaggio è che i governi europei, se stanno lavorando per l'interesse del popolo siriano come dicono, è necessario togliere l'embargo e porre fine l'afflusso di terroristi in Siria ", ha evidenziato.
 
Assad ha concluso: "L'unico modo per ottenere una reale soluzione politica è la riconciliazione che si basa sulla concessione da parte del governo siriano di amnistia ai terroristi che cedono le loro armi."
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: news.nana10.co.

L'ISIS si è 'scusato' con Israele per aver attaccato 'erroneamente" le sue postazioni

L'ex ministro della Difesa israeliano, Moshe Yaalon ha affermato di aver ricevuto le scuse da parte dei terroristi dell'ISIS per essersi sbagliati nell'attacco contro le postazioni di Israele nelle alture del Golan.

In un'intervista rilasciata sabato scorso, alla tv israeliana 'Canale10, Moshe Yaalon, ex ministro della...
Notizia del:     Fonte: http://secure.unwatch.org - https://www.un.org/

Un piromane scelto come capo dei pompieri. Ovvero, l'ONU elegge l'Arabia Saudita come membro della Commissione per i diritti della donna

Critiche all'ONU per la nomina dell'Arabia Saudita come membro di una commissione per la parità di genere, nonostante Riad discrimini sistematicamente le donne.

"Perché l'ONU ha eletto il leader mondiale della disuguaglianza di genere per sedersi  nelal...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela: immagini manipolate per accusare la polizia dell'utilizzo di tecniche terorristiche

La denuncia di una giornalista di teleSUR che non troverete sui nostri media

di Fabrizio Verde   Manipolare le immagini per addossare alle forze di sicurezza venezuelane la responsabilità...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Hispantv

Aleppo. I terroristi di Tahrir al-Sham usano missili anticarro TOW di fabbricazione USA, forniti da Turchia e Arabia Saudita

I terroristi di Tahrir al-Sham Hayat sono dotati di 'grandi' arsenali di missili anti-carro di fabbricazione USA nella parte occidentale di Aleppo, molto probabilmente forniti dai loro sponsor Arabia Saudita e Turchia

Il portale di informazione 'Al-Masdar News', in un articolo sullo stato di avanzamento dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: RT eso - Mid.ru

La Russia mostra le foto che smentiscono l'uso di gas sarin in Siria

Ieri, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha respinto la proposta di Russia e Iran di aprire un'indagine sul presunto attacco con armi chimiche in Siria.

Da ricerche preliminari risulta che l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) abbia...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Ahmadineyad: "La guerra contro la Siria provocherà il collasso dell'egemonia mondiale degli USA"

Donald Trump "ha scelto la via della guerra", nonostante "le promesse fatte al suo popolo", ha lamentato l'ex presidente iraniano.

La crisi in Siria causerà il crollo dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti, ha dichiarato l'ex...
Notizia del:     Fonte: AFP-Hispantv

FOTO. Yemen, la "protesta del pane" contro l'aggressione dell'Arabia Saudita

Oggi, gli yemeniti hanno partecipato ad una marcia da Sana'a alla città di Al-Hodeida per chiedere la fine della guerra imposta dall'Arabia Saudita,.

I partecipanti nella mobilitazione chiamata "protesta per il pane" ha condannato l'appoggio dell'Occidente...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Rt

Russia: "Il Pentagono sta creando un'arma per un attacco globale in massa"

"Gli Stati Uniti stanno sviluppando armi per un attacco globale istantaneo". Lo ha denunciato il rappresentante dello Stato maggiore russo, il tenente generale Víktor Poznijir secondo...
Notizia del:

Brasile. La polizia attacca manifestanti indigeni davanti il Parlamento. 4 arresti

La polizia militare brasiliana giovedì ha caricato violentemente migliaia di membri delle tribù indigene che manifestavano di fronte al Parlamento di Brasilia rivendicando maggiori diritti. Molti...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:

Macron e il sogno non nascosto di intervento armato contro la Siria

Ospite de L'Emisisone politique lo scorso 6 aprile, Emmanuel Macron si è dichiarato su France 2 a favore di "un intervento militare" in Siria, sotto gli auspici delle Nazioni Unite,...
Notizia del:

"Perché chiede elezioni in Siria e non nel suo paese?". La risposta dell'Ambasciatore saudita all'Onu non ha prezzo

Mr Propagande Quando poni la domanda all'ambasciatore saudita alle Nazioni Unite sul perché egli chieda elezioni libere in Siria ma non nel suo paese.  "Perché è...
Notizia del:

Rapporto think tank. L'Isis sta collassando: questo potrebbe portare a più attacchi terroristici in tutto il mondo

E' difficile quantificare l'effetto che l'ISIS  ha avuto sula nostra psiche collettiva . Dal momento che l'organizzazione ha iniziato a fare notizia diversi anni fa, siamo stati inondati...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Lettera del leader politico palestinese, Marwan Barghouti ai parlamenti del mondo e ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio dell'Unione europea sullo sciopero per "la libertà e la dignità"

Il leader palestinese Marwan Barghouti, ha inviato un messaggio che è stato distribuito ai parlamentari di tutto il mondo per lo sciopero il cui motto è "battaglia per la libertà e la dignità", così come ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, che comprende 47 paesi in rappresentanza di 800 milioni di cittadini dei paesi del continente europeo e a chi difende i diritti umani e la democrazia, dato che lo Stato di Palestina è un partner di questo organismo e Israele è un membro osservatore.

Attualmente, una delegazione del Consiglio nazionale palestinese partecipa alla sessione ordinaria dell'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa