/ Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terroris...

Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terrorismo

Assad: Gli USA e la Francia non sono seri nella lotta al terrorismo
 

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dichiarato che il primo passo per sradicare le reti terroristiche in Siria sta nel fermare il flusso di terroristi attraverso le frontiere, in particolare quella della Turchia.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
In un'intervista con l'agenzia di stampa spagnola "EFE" Assad ha affermato che la Turchia è l'unica arteria della rete terroristica Isis, "Daech" in arabo, assicurando che l'Arabia Saudita, Turchia e Qatar sono le parti principalmente coinvolte nella atrocità commesse da questo gruppo terrorista.
 
"Siamo pronti a condurre negoziati con l'opposizione, ma dobbiamo prima definire questa opposizione che non significa lotta armata", ha dichiarato al-Assad, che ha assicurato che c'è una grande differenza tra uomini armati e terroristi da una parte e l'opposizione dall'altra.
 
Alla domanda se la delegazione siriana sarà presente alla conferenza, che si terrà a New York, il presidente al-Assad ha spiegato che la conferenza non era stata ancora confermata,aggiungendo: "I russi preferiscono tenere la conferenza a Vienna, hanno indicato che non è opportuna tenerla prima della definizione dei gruppi terroristi e coloro che non sono terroristi. Per noi in Siria, si considera "un terrorista" chiunque impugni le armi. Quindi è illogico tenere la riunione a New York o in qualsiasi parte del mondo senza la definizione di questo termine."
 
Per quanto riguarda lo sradicamento di Daech, al-Assad ha ribadito che deve prima essere definito un accordo a lungo termine con le istituzioni per vietare l'ideologia wahhabita-saudita e si devono bloccare i fondi a quelle istituzioni in giro il mondo che diffondono il terrorismo.
 
Facendo riferimento alla lotta contro il terrorismo da parte dell'esercito siriano e di tutte le parti che sostengono il presidente al-Assad ha sottolineato la necessità di affrontare, nel breve periodo,  questo fenomeno attraverso la cessazione di tutte le forme di sostegno fornito da Arabia Saudita, Qatar e Turchia ai terroristi.
 
A proposito di coloro che acquistano petrolio da Daech il presidente al-Assad ha parlato delle sequenze video diffuse dai russi sulle navi cisterna cariche di petrolio e che attraversano il confine -turco-siriano, che indicano come la Turchia, sia l'unica via per i terroristi Daech per vendere questo petrolio a prezzi "economici" in altri paesi.
 
In merito alla questione su quando la guerra finirà in Siria, secondo il Presidente siriano, nel momento in cui, alcuni paesi, come la Turchia, l'Arabia Saudita e Qatar, finiranno di sostenere il terrorismo, il conflitto finirà in meno di un anno.
 
Inoltre, al-Assad ha notato che non c'è assolutamente alcun coordinamento militare tra l'esercito siriano e la coalizione guidata dagli Stati Uniti, evidenziando a tal fine la diffusione di Daech nonostante i raid guidati dalla Coalizione da oltre un anno. "Al contrario, i due eserciti, russi e siriani, hanno ottenuto dopo alcune settimane di attacchi delle vittorie più importanti di quelle condotte dalla Coalizione per oltre un anno" ha affermato.
 
"Gli Stati Uniti non sono seri nella lotta contro il terrorismo e vogliono debellare Daech o l'estremismo o il terrorismo", ha spiegato al-Assad.
 
Inoltre, ha aggiunto che anche la Francia non è seria nella lotta contro il terrorismo, dichiarando guerra all'Isis solo dopo gli attacchi che si sono verificati lo scorso mese a Parigi.
 
Assad ha anche assicurato che l'Europa può lottare contro il terrorismo ed ha, come la Siria l'interesse a farlo, sottolineando che "tutti hanno l'interesse nella lotta contro il terrorismo, ma c&# 39;è bisogno di forza di volontà e io non sono attualmente ottimista circa l'esistenza di una tale volontà ".
 
Alla domanda su cosa il presidente Vladimir Putin gli abbia chiesto in cambio dell'aiuto militare russa, Assad ha assicurato che la Russia vuole la stabilità della Siria, dell'Iraq e nella regione, evidenziando che la Russia è a difesa diretta dell'Europa, che non è lontano dalla Siria.
 
Inoltre, il presidente al-Assad ha ribadito che non lascerà qualunque siano le circostanze che è rimasto dopo circa cinque anni a causa del supporto della maggioranza dei siriani.
 
Il leader siriano ha smentito, tra l'altro, che gli iraniani pensano di stabilire una base militare in Siria.
 
Sulle opportunità per la partecipazione di Erdogan alla ricerca di una soluzione della crisi in Siria, al-Assad ha osservato: "Non abbiamo alcun problema con Erdogan, se rinuncia alla posizione criminale che egli ha adottato fin dall'inizio della crisi in Siria nel sostenere i terroristi con qualsiasi mezzo. Ma noi non crediamo che Erdogan cambierà, per un semplice motivo, vale a dire l'ideologia dei Fratelli Musulmani che segue."
 
Alla domanda circa i suoi timori circa un compromesso, Ucraina contro Siria, tra gli Stati Uniti e la Russia, il presidente al-Assad ha spiegato di non termerla, perché i russi sono pragmatici, adottano al tempo stesso una moralità politica che si basa su valori e principi, non solo sugli interessi.
 
Per quanto riguarda il suo parere in merito all'abbattimento del caccia russo da parte della Turchia, il presidente al-Assad ha parlato di un cambiamento positivo sul terreno a terra dopo l'inizio del coinvolgimento militare russo in Siria per combattere contro le reti terroristiche, indicando che Erdogan crede il suo fallimento in Siria, è la fine del suo futuro politico, e che spingerà la NATO a un conflitto con la Russia a complicare ulteriormente la situazione sul terreno in Siria.
 
"Accusare il governo siriano di attaccare i civili non ha senso. La prova è che la maggior parte delle famiglie dei combattenti dell'opposizione non vive con loro, ma sono supportati dal governo ", ha precisato.
 
Quando gli è stato chiesto un suo messaggio ai rifugiati siriani che hanno preso la fuga dei loro paesi, il presidente al-Assad ha affermato che la maggior parte dei rifugiati sono sostenitori del governo e che hanno dovuto lasciare il paese a causa della situazione dei crimini dei terroristi che ucciso delle persone e hanno distrutto infrastrutture e a causa dell'embargo imposto dall'Occidente in Siria e che li ha privati ​​di ottenere i loro bisogni primari.
 
"Non ho alcun messaggio per i rifugiati perché ritorneranno nella loro terra d'origine, dopo il miglioramento della situazione, perché la maggior parte di loro amano la loro patria. Il mio messaggio deve essere inviato ai governi europei che hanno aiutato i terroristi e hanno imposto un embargo che ha dato beneficio ai terroristi ed ha esortato i rifugiati a lasciare la Siria per altri paesi. Il mio messaggio è che i governi europei, se stanno lavorando per l'interesse del popolo siriano come dicono, è necessario togliere l'embargo e porre fine l'afflusso di terroristi in Siria ", ha evidenziato.
 
Assad ha concluso: "L'unico modo per ottenere una reale soluzione politica è la riconciliazione che si basa sulla concessione da parte del governo siriano di amnistia ai terroristi che cedono le loro armi."
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: In Siria, negli ultimi 7 mesi, eliminati 32.000 terroristi e liberati 67000 Km² di territorio

Il comandante del gruppo militare russo in Siria, il generale Sergey Surovikin ha riferito al presidente russo Vladimir Putin che 32.000 terroristi sono stati uccisi in Siria negli ultimi sette mesi.

"Più di 67.000 chilometri quadrati di territorio siriano, più di 1.000 località, 78...
Notizia del:

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

  Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato...
Notizia del:     Fonte: CNN

L'ONU sollecita l'Arabia Saudita a porre fine alla 'stupida guerra' nello Yemen

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato ancora una volta che l'Arabia Saudita e i suoi alleati regionali devono mettere fine alla guerra vana e "stupida" contro lo Yemen.

"Penso che questa sia una stupida guerra. Penso che questa guerra sia contraria agli interessi dell'Arabia...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Ex CEO di LafargeHolcim accusato di aver finanziato il terrorismo in Siria

L'ex direttore esecutivo di LafargeHolcim Ltd., Eric Olsen, è stato sottoposto a un'indagine formale e accusato di aver finanziato gruppi terroristici nell'ambito di un'inchiesta francese sulle operazioni del produttore di cemento. Lo ha riporta il sito web Bloomberg.

Eric Olsen, ex direttore esecutivo di LafargeHolcim Ltd che dimessosi poi dalla società lo scorso aprile,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:

Perché non c'è nulla di giornalistico nel servizio delle Iene sulla Palestina

  Chi da bambino non ha sognato di vivere in un mondo senza regole e senza genitori, dove ti mettevi il cinturone con le pistole da cow-boy e andavi in giro a sparare agli altri cow-boy (o agli...
Notizia del:

Chi sono le seimila persone che sono state spiate dai sistemi informatici dei fratelli Occhionero? E per conto di chi?

di Federico Rucco* Mentre i bevitori/veicolatori delle bufale dell’ex vicepresidente statunitense Joe Biden sulle ingerenze “russe” continuano a non produrre nessun riscontro,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa