/ Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: Nel 2016 il Grande Malessere continuerà
 

La ripresa per il premio Nobel dell'economia si avrà solo superando il feticismo del deficit

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

“Gli ottimisti dicono che il 2016 sarà migliore del 2015. Questo potrebbe rivelarsi vero, ma solo impercettibilmente. Se non affronteremo il problema di una insufficiente domanda aggregata globale, il Grande Malessere continuerà”. Lo scrive il premio Nobel per l'economia Jospeh Stiglitz nel suo ultimo articolo per The Project Syndicate.
 
Con il Brasile in recessione, la brusca frenata della Cina, e il decennio perduto dell'Eurozona che prosegue, il 2015 è stato un anno difficile. Per gli Stati Uniti, il 2015 doveva essere l'anno in cui finalmente chiudere il libro sulla Grande Recessione iniziata già nel 2008; invece, presgue Stiglitz, la ripresa degli Usa è stata mediocre, al punto che Christine Lagarde ha definito lo stato attuale dell'economia globale come il „Nuovo Mediocre“. 
 
Nel libro Freefall Stiglitz già nel 2010 scriveva come il mondo rischia di scivolare in quello che chiamava il Grande Malessere. „Purtroppo avevo ragione: non abbiamo fatto ciò che era necessario, e siamo finiti esattamente dove ho temuto che finissimo“.
 
Di fronte ad una carenza di domanda aggregata, causata da una combinazione di crescente disuguaglianza e di un'ondata insensata di austerità fiscale, paesi come la Germania, che mantiene costantemente eccedenze verso l'estero, stanno contribuendo in maniera significativa al problema chiave della domanda globale insufficiente. Inoltre, prosegue il premio Nobel, gran parte del mondo si sta confrontando - a fatica – con la necessità di una trasformazione strutturale: dalla produzione ai servizi in Europa e in America, e da una crescita guidata dalle esportazioni ad un’economia trainata dalla domanda interna in Cina. Allo stesso modo, la maggior parte delle economie basate sulle risorse naturali in Africa e America Latina non è riuscita a sfruttare il boom del prezzo delle materie prime sostenuto dall’intento della Cina di creare un'economia diversificata; ora si trovano ad affrontare le conseguenze della depressione dei prezzi sulle loro principali esportazioni. I mercati non sono stati in grado di effettuare tali trasformazioni strutturali facilmente da soli.
 
L'unica cura per il malessere del mondo, conclude Stiglitz, è un aumento della domanda aggregata. Ma alcuni dei problemi più importanti del mondo richiederanno investimenti pubblici. 
 
Ciò significa superare il feticismo del deficit. Ha senso per paesi come gli Stati Uniti e la Germania che possono prendere in prestito denaro a tassi di interesse reali a lungo termine negativi per fare gli investimenti che sono necessari. Allo stesso modo, nella maggior parte degli altri paesi, i tassi di rendimento degli investimenti pubblici superano di gran lunga il costo dei fondi. Per quei paesi il cui debito è vincolato c'è una via d'uscita, sulla base del principio di lunga tradizione del moltiplicatore di pareggio di bilancio: un aumento della spesa pubblica accompagnata da maggiori imposte stimola l'economia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP -Hispantv

Inviato del Papa in visita ad Aleppo: "La Siria canterà presto vittoria sul terrorismo e rimarrà culla delle religioni e delle civiltà"

L'inviato del Papa in Siria, il cardinale Mario Zenari, ha visitato la Grande Moschea della città di Aleppo.

L'inviato del Vaticano in Siria ha portato un messaggio di affetto di Papa Francesco e ha espresso la speranza...
Notizia del:     Fonte: http://parstoday.com/

Filippo VI a Riad, Spagna complice di atrocita' saudite in Yemen

Il 14 gennaio il sovrano spagnolo Felipe VI si è recato in visita in Arabia Saudita accompagnato da una delegazione commerciale e politica di alto rango ed ha incontrato il re saudita Salman

da ParsToday   In questo viaggio di tre giorni in Arabia saudita, effettuato, su invito del re Salman...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

Craig Roberts: la dichiarazione di guerra di Trump all'establishment

Se si può dire la verità, il Presidente Trump ha dichiarato guerra a se stesso, una guerra per lui molto più pericolosa che se avesse dichiarato guerra alla Russia o alla Cina

  di Paul Craig Roberts - vocidallestero.it Il breve discorso inaugurale del presidente Trump è...
Notizia del:     Fonte: www.mediapart.fr

Da Aleppo un appello ad Hollande del volontario Pierre Le Corf: "La Francia tolga l'embargo alla Siria e la smetta di appoggiare i terroristi"

Pierre Le Corf è un giovane attivista bretone e da diverso tempo è testimone diretto della sofferenza della popolazione di Aleppo e delle campagne mediatiche che accusano di ogni crimine il governo siriano. In una lettera, Le Corf ha invitato il Presidente della Repubblica francese, François Hollande a smetterla di appoggiare chi ha distrutto la Siria e di togliere l'embargo che acuisce le sofferenze del popolo siriano.

Il link del testo della lettera in lingua originale     Da Aleppo, Lettera aperta a François...
Notizia del:

Alberto Negri - Trump e la trappola del Medio Oriente.

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore   La trappola del Medio Oriente, dove da un secolo si decidono le sorti di intere nazioni e di qualche impero, è pronta a scattare anche per Trump....
Notizia del:     Fonte: RT

Trump: Da ciarlatano a tiranno, il volto volgare dell'impero del male

Oggi, il volto più volgare, grottesco, ignorante, misogino, razzista, xenofobo e selvaggiamente capitalista sfruttatore dell’impero statunitense assume il controllo della Casa Bianca

di Eva Golinger - RT   Bom bom bom bom ba bom bom ba bom! Questa mattina mi sono svegliata con la musica...
Notizia del:

"Non ci sarà nessun Trump che vi farà ripulire la faccia di quello che avete fatto, da Occhetto in poi"

È peculiare che i demosinistri qui facciano ironia e alzino il sopracciglio su Trump. Ma c'è una spiegazione semplice e psichiatrica. I demosinistri qui son gli stessi che hanno...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa