/ Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: Nel 2016 il Grande Malessere continuerà
 

La ripresa per il premio Nobel dell'economia si avrà solo superando il feticismo del deficit

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

“Gli ottimisti dicono che il 2016 sarà migliore del 2015. Questo potrebbe rivelarsi vero, ma solo impercettibilmente. Se non affronteremo il problema di una insufficiente domanda aggregata globale, il Grande Malessere continuerà”. Lo scrive il premio Nobel per l'economia Jospeh Stiglitz nel suo ultimo articolo per The Project Syndicate.
 
Con il Brasile in recessione, la brusca frenata della Cina, e il decennio perduto dell'Eurozona che prosegue, il 2015 è stato un anno difficile. Per gli Stati Uniti, il 2015 doveva essere l'anno in cui finalmente chiudere il libro sulla Grande Recessione iniziata già nel 2008; invece, presgue Stiglitz, la ripresa degli Usa è stata mediocre, al punto che Christine Lagarde ha definito lo stato attuale dell'economia globale come il „Nuovo Mediocre“. 
 
Nel libro Freefall Stiglitz già nel 2010 scriveva come il mondo rischia di scivolare in quello che chiamava il Grande Malessere. „Purtroppo avevo ragione: non abbiamo fatto ciò che era necessario, e siamo finiti esattamente dove ho temuto che finissimo“.
 
Di fronte ad una carenza di domanda aggregata, causata da una combinazione di crescente disuguaglianza e di un'ondata insensata di austerità fiscale, paesi come la Germania, che mantiene costantemente eccedenze verso l'estero, stanno contribuendo in maniera significativa al problema chiave della domanda globale insufficiente. Inoltre, prosegue il premio Nobel, gran parte del mondo si sta confrontando - a fatica – con la necessità di una trasformazione strutturale: dalla produzione ai servizi in Europa e in America, e da una crescita guidata dalle esportazioni ad un’economia trainata dalla domanda interna in Cina. Allo stesso modo, la maggior parte delle economie basate sulle risorse naturali in Africa e America Latina non è riuscita a sfruttare il boom del prezzo delle materie prime sostenuto dall’intento della Cina di creare un'economia diversificata; ora si trovano ad affrontare le conseguenze della depressione dei prezzi sulle loro principali esportazioni. I mercati non sono stati in grado di effettuare tali trasformazioni strutturali facilmente da soli.
 
L'unica cura per il malessere del mondo, conclude Stiglitz, è un aumento della domanda aggregata. Ma alcuni dei problemi più importanti del mondo richiederanno investimenti pubblici. 
 
Ciò significa superare il feticismo del deficit. Ha senso per paesi come gli Stati Uniti e la Germania che possono prendere in prestito denaro a tassi di interesse reali a lungo termine negativi per fare gli investimenti che sono necessari. Allo stesso modo, nella maggior parte degli altri paesi, i tassi di rendimento degli investimenti pubblici superano di gran lunga il costo dei fondi. Per quei paesi il cui debito è vincolato c'è una via d'uscita, sulla base del principio di lunga tradizione del moltiplicatore di pareggio di bilancio: un aumento della spesa pubblica accompagnata da maggiori imposte stimola l'economia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

 MARZO 1999, USA ED EUROPA AGGREDISCONO LA JUGOSLAVIA

  Mentre si dispiega pomposamente il farsesco racconto di un'Unione Europea come garante di pace, conviene riprendere le parole di un lucido commento del Quotidiano del popolo, organo del partito...
Notizia del:

Bertolt Brecht, ”Epistola serba”, in occasione del bombardamento di Belgrado il 6 aprile 1941

 A cura di Enrico Vigna, marzo 2017  …..Per NON dimenticare i bombardamenti NATO sulla Jugoslavia del 1999 Per ricordare e NON dimenticare questo 18° triste anniversario,...
Notizia del:

24 Marzo 1999 - Marzo 2017 : NOI NON DIMENTICHIAMO

 “…la guerra non è una canzone, che si può dimenticare la guerra è una favola funesta, che ogni giorno si manifesta…” ( Milena N. Kosovo, 12 anni...
Notizia del:

Arturo Scotto, il fallimento della "sinistra" europeista

Vedere Arturo Scotto alla manifestazione filo-Unione Europea, circondato dalle bandiere dei fascisti ucraini, è francamente uno spettacolo desolante che la dice lunga sulla deriva di certa "sinistra",...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Yemen, bambini senza futuro a causa dell'aggressione dell'Arabia Saudita

L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) avverte che il costo umano del conflitto, che si è intensificata due anni fa con l'intervento saudita, è più importante dei danni materiali.

Roa, ha 12 anni, sogna di diventare un insegnante, ma ora non può nemmeno andare a scuola. Con la sua famiglia...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

I curdi delle FDS accolgono positivamente l'Esercito siriano nell'offensiva di Raqqa

Un portavoce dalle "Forze siriane Democratiche" (FDS) ha dichiarato che la sua organizzazione si compiace della partecipazione della partecipazione nelle prossimi operazioni per la liberazione di Raqqa.

In alcune dichiarazioni pubblicate dal quotidiano siriano Al-Watan, e riportate dal sito di informazione 'Al-Masdar-News',...
Notizia del:

Giù le mani dalla INNSE

RICEVIAMO E IMMEDIATAMENTE PUBBLICHIAMO Sappiamo dell'urto che stanno reggendo gli operai della INNSE. Infatti il padrone, attraverso sanzioni e provvedimenti disciplinari, sta accanendosi...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa