/ Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: "Nel 2016 il Grande Malessere continuerà"

Joseph Stiglitz: Nel 2016 il Grande Malessere continuerà
 

La ripresa per il premio Nobel dell'economia si avrà solo superando il feticismo del deficit

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

“Gli ottimisti dicono che il 2016 sarà migliore del 2015. Questo potrebbe rivelarsi vero, ma solo impercettibilmente. Se non affronteremo il problema di una insufficiente domanda aggregata globale, il Grande Malessere continuerà”. Lo scrive il premio Nobel per l'economia Jospeh Stiglitz nel suo ultimo articolo per The Project Syndicate.
 
Con il Brasile in recessione, la brusca frenata della Cina, e il decennio perduto dell'Eurozona che prosegue, il 2015 è stato un anno difficile. Per gli Stati Uniti, il 2015 doveva essere l'anno in cui finalmente chiudere il libro sulla Grande Recessione iniziata già nel 2008; invece, presgue Stiglitz, la ripresa degli Usa è stata mediocre, al punto che Christine Lagarde ha definito lo stato attuale dell'economia globale come il „Nuovo Mediocre“. 
 
Nel libro Freefall Stiglitz già nel 2010 scriveva come il mondo rischia di scivolare in quello che chiamava il Grande Malessere. „Purtroppo avevo ragione: non abbiamo fatto ciò che era necessario, e siamo finiti esattamente dove ho temuto che finissimo“.
 
Di fronte ad una carenza di domanda aggregata, causata da una combinazione di crescente disuguaglianza e di un'ondata insensata di austerità fiscale, paesi come la Germania, che mantiene costantemente eccedenze verso l'estero, stanno contribuendo in maniera significativa al problema chiave della domanda globale insufficiente. Inoltre, prosegue il premio Nobel, gran parte del mondo si sta confrontando - a fatica – con la necessità di una trasformazione strutturale: dalla produzione ai servizi in Europa e in America, e da una crescita guidata dalle esportazioni ad un’economia trainata dalla domanda interna in Cina. Allo stesso modo, la maggior parte delle economie basate sulle risorse naturali in Africa e America Latina non è riuscita a sfruttare il boom del prezzo delle materie prime sostenuto dall’intento della Cina di creare un'economia diversificata; ora si trovano ad affrontare le conseguenze della depressione dei prezzi sulle loro principali esportazioni. I mercati non sono stati in grado di effettuare tali trasformazioni strutturali facilmente da soli.
 
L'unica cura per il malessere del mondo, conclude Stiglitz, è un aumento della domanda aggregata. Ma alcuni dei problemi più importanti del mondo richiederanno investimenti pubblici. 
 
Ciò significa superare il feticismo del deficit. Ha senso per paesi come gli Stati Uniti e la Germania che possono prendere in prestito denaro a tassi di interesse reali a lungo termine negativi per fare gli investimenti che sono necessari. Allo stesso modo, nella maggior parte degli altri paesi, i tassi di rendimento degli investimenti pubblici superano di gran lunga il costo dei fondi. Per quei paesi il cui debito è vincolato c'è una via d'uscita, sulla base del principio di lunga tradizione del moltiplicatore di pareggio di bilancio: un aumento della spesa pubblica accompagnata da maggiori imposte stimola l'economia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Manlio di Stefano (M5S): Il tempo delle ipocrisie è finito. Mercoledì il Pd dovrà decidere se stare con l'Arabia Saudita o con la lotta al terrorismo

di Manlio Di Stefano* "Continueremo ad approfondire le nostre relazioni con i paesi del Golfo rimuovendo gli ostacoli al commercio e proteggendo e promuovendo gli investimenti". "La...
Notizia del:

TERRORISMO E DOPPIA MORALE: IL CASO DELLA CECENIA

Agli attentati terroristici che dal 2001 a oggi insanguinano i principali Paesi occidentali, i governi hanno risposto con la restrizione delle libertà, con maggiori controlli e con una progressiva...
Notizia del:     Fonte: Vzgliad

Chi è intrappolato ad Aleppo?

L'esercito siriano ha dato un ultimatum ai gruppi armati di Aleppo, ma c'è un problema: non è possibile distinguere i terroristi dai cosiddetti “ribelli moderati”.

L'operazione dell'esercito siriano con l'appoggio dell’Air Force russa continua ad avere risultati...
Notizia del:

Il miliardario George Soros: io ho finanziato il colpo di stato in Ucraina

Era il maggio del 2014, tre mesi dopo il colpo di stato di Kiev, e il miliardario americano George Soros ha  rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della  creazione di...
Notizia del:

Turchia: cresce il malumore verso Usa. Quale futuro per la NATO?

di Ornella Bertorotta* Le reazioni poco calorose degli alleati tedeschi e americani, che durante il tentato golpe hanno voluto attendere un eventuale successo dei militari ribelli, invece di prendere...
Notizia del:

Siria, Aleppo: Cara Amnesty International hai perso un'occasione, l'ennesima, per tacere

Personalmente ho sempre avuto poca fiducia in Amnesty International e, non volendo appesantire questo post, invito chi è interessato ad andare a leggersi una delle prime fonti che mi ha aiutato...
Notizia del:

Laura Boldrini negli Usa a sostenere Killary: l'ipocrisia va in paradiso

Apprendiamo dall'Ansa: La candidatura di Hillary Clinton per i Democratici alla presidenza degli Stati Uniti d'America è un evento importante "non solo per gli Usa ma per tutto il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa