/ Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato or...

Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato ora?

Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato ora?
 

Un dialogo appropriato con la Rusisa e con il presidente Putin è importantissimo. Il premier giapponese Abe

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Una delle grandi ironie della politica estera dell'amministrazione Obama è che Washington ha iniziato il 2009 con l'idea di normalizzare i rapporti gelidi con la Russia e ha concluso il 2015 con la peggiore dinamica USA-Russia dai tempi della guerra fredda.
 
A dire il vero, non è tutta colpa di Washington - ma la maggior parte.
 
Naturalmente la comunità internazionale, probabilmente avrebbe dovuto frenare il suo entusiasmo sin dall'inizio, dal momento in cui l'intero sforzo ha preso il via con un inizio piuttosto infausto quando l'allora segretario di Stato Hillary Clinton ha regalato a Sergei Lavrov un grosso pulsante rosso che avrebbe dovuto simboleggiare il "reset" (un cenno al "reset" dei rapporti tra Washington e Mosca).in realtà, la traduzione russa di «reset» stampata sul bottone, «peregruzka», era sbagliata e in russo significa "sovraccarico".


Sei anni dopo, con una Crimea annessa alla Russia, una serie di sanzioni economiche, e una guerra civile ucraina, siamo di nuovo alla politica dell'era sovietica.
 
Parte integrante della retorica e della strategia di  politica estera di Washington degli ultimi tre o più anni è stato perpetuare l'idea che Vladimir Putin fosse "isolato" sulla scena mondiale.  
 
in realtà, la Russia ha rafforzato i legami con la Cina, ha dato il via alla banca BRIC, ha cementato l'alleanza con l'Iran (un altro stato "isolato"), e ha lavorato alla de-dollarizzazione del mondo, dai mercati del petrolio alle transazioni finanziarie transfrontaliere. 

L'intervento di Mosca nel conflitto siriano e l'approccio di buon senso della Russia nel porre fine alla lunga guerra ha indotto Francia e altri attori primari a capire  che il modo per combattere il terrorismo è quello di uccidere i terroristi, non armarli
 
Infatti, il tentativo riuscito del Cremlino di far comprendere al mondo che Washington e i suoi alleati regionali stavano in realtà solo aggravando la guerra in Siria armando i gruppi ribelli con motivazioni discutibili ha costretto la comunità internazionale a ripensare a chi è realmente la "superpotenza buona"
 
Ora, in quella che potrebbe essere la migliore prova che il meme "Putin è isolato"  è ufficialmente morto, è la notizia che un altro alleato degli Stati Uniti, il &# 8203;​Giappone, è pronto a "togliere Putin dall'isolamento".

Il G8 precedente ha escluso la Russia dopo la sua annessione della Crimea e il sostegno militare ai ribelli separatisti in Ucraina orientale. Ma mentre il Giappone si è unito alle sanzioni economiche, Abe ha chiarito che vuole lavorare con Putin.
 
"Come presidente del G7 ho bisogno di cercare soluzioni per quanto riguarda la stabilità della regione, così come tutto il mondo," ha detto, richiamando la disputa territoriale del Giappone con la Russia per le isole Curili. "Credo che un dialogo appropriato con la Russia, un appropriato dialogo con il presidente Putin sia molto importante. "
 
Questo è il tipico discorso che vi porterà nella lista nera di Washington, commenta Zerohedge, che si chiede quanto tempo ci vorrà prima che Abe riceva una telefonata di cortesia da Obama per ricordare a Tokyo la "minaccia" che Putin rappresenta per la pace e la sicurezza globale.  

O forse la Casa Bianca farà un passo indietro e rifletterà sul se decenni di errori di politica estera, combinati con un senso di eccezionalità fuori luogo (e altamente scoraggiante), hanno invece finito per lasciare l'America come superpotenza "isolata"? 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli Stati Uniti costruiscono una base aerea a Kobane

Gli Stati Uniti costruiscono una nuova base militare in un ex fabbrica di cemento ad est della città siriana di Kobanê, nella provincia settentrionale di Aleppo.

"Qualche mese fa, gli Stati Uniti d'America hanno iniziato a costruire varie strutture, tra cui un aeroporto...
Notizia del:

"Fiat brava gente": così gli Agnelli hanno rapinato l'Italia lungo un intero secolo

Hanno deciso di abbandonarla definitivamente anche come sede legale e fiscale, dopo che, scrive correttamente Giorgio Cremaschi oggi, non resta più nulla da spolpare e poi è sempre meglio...
Notizia del:

«Yanukovich fu costretto a prendere quel denaro». Kiev non restituirà i 3 miliardi di dollari alla Russia

di Eugenio Cipolla   La disputa tra Russia e Ucraina sul prestito di 3 miliardi di dollarim concesso nel 2013 da Mosca a Viktor Yanukovich, rischia di trascinarsi avanti ancora per molto...
Notizia del:     Fonte: Ansa

Lotta al terrorismo: Trump apre ad alleanza con la Russia

Il candidato alla presidenza per il Partito Repubblicano chiede durante un comizio: «Non sarebbe bello se andassimo con la Russia?»

In materia di lotta al terrorismo parole di estremo buon senso arrivano dal tanto vituperato Donald Trump. Il...
Notizia del:

Madame Albright: "Hillary è la donna giusta per sconfiggere Putin"

La donna responsabile della distruzione della ex Jugoslavia: "Io so cosa succede quando si dà ai russi una luce verde"

Madeleine Albright, il primo segretario di Stato donna nella storia degli Stati Uniti e tristemente nota per...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Yemen, mercenari sauditi commettono un massacro a Taiz

In un attacco dei mercenari dell’Arabia Saudita, nella provincia di Taiz, nel sud-ovest dello Yemen, sono stati uccisi 20 civili yemeniti.

"I mercenari dell'Arabia Saudita hanno attaccato una moschea nel villaggio di Al-Sarari ed hanno ucciso...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno cambiato la loro posizione e non cercano di cacciare Assad

Il rappresentante russo alle Nazioni Unite, Alexei Borodavkin, ha dichiarato, ieri, che gli Stati Uniti non cercare di cacciare il presidente siriano Bashar al-Assad.

"Senza dubbio la Russia sa che gli Stati Uniti non cercano le dimissioni immediate Asad in Siria", ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa