/ Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato or...

Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato ora?

Il Giappone apre al ritorno della Russia nel G8. Chi è isolato ora?
 

Un dialogo appropriato con la Rusisa e con il presidente Putin è importantissimo. Il premier giapponese Abe

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Una delle grandi ironie della politica estera dell'amministrazione Obama è che Washington ha iniziato il 2009 con l'idea di normalizzare i rapporti gelidi con la Russia e ha concluso il 2015 con la peggiore dinamica USA-Russia dai tempi della guerra fredda.
 
A dire il vero, non è tutta colpa di Washington - ma la maggior parte.
 
Naturalmente la comunità internazionale, probabilmente avrebbe dovuto frenare il suo entusiasmo sin dall'inizio, dal momento in cui l'intero sforzo ha preso il via con un inizio piuttosto infausto quando l'allora segretario di Stato Hillary Clinton ha regalato a Sergei Lavrov un grosso pulsante rosso che avrebbe dovuto simboleggiare il "reset" (un cenno al "reset" dei rapporti tra Washington e Mosca).in realtà, la traduzione russa di «reset» stampata sul bottone, «peregruzka», era sbagliata e in russo significa "sovraccarico".


Sei anni dopo, con una Crimea annessa alla Russia, una serie di sanzioni economiche, e una guerra civile ucraina, siamo di nuovo alla politica dell'era sovietica.
 
Parte integrante della retorica e della strategia di  politica estera di Washington degli ultimi tre o più anni è stato perpetuare l'idea che Vladimir Putin fosse "isolato" sulla scena mondiale.  
 
in realtà, la Russia ha rafforzato i legami con la Cina, ha dato il via alla banca BRIC, ha cementato l'alleanza con l'Iran (un altro stato "isolato"), e ha lavorato alla de-dollarizzazione del mondo, dai mercati del petrolio alle transazioni finanziarie transfrontaliere. 

L'intervento di Mosca nel conflitto siriano e l'approccio di buon senso della Russia nel porre fine alla lunga guerra ha indotto Francia e altri attori primari a capire  che il modo per combattere il terrorismo è quello di uccidere i terroristi, non armarli
 
Infatti, il tentativo riuscito del Cremlino di far comprendere al mondo che Washington e i suoi alleati regionali stavano in realtà solo aggravando la guerra in Siria armando i gruppi ribelli con motivazioni discutibili ha costretto la comunità internazionale a ripensare a chi è realmente la "superpotenza buona"
 
Ora, in quella che potrebbe essere la migliore prova che il meme "Putin è isolato"  è ufficialmente morto, è la notizia che un altro alleato degli Stati Uniti, il &# 8203;​Giappone, è pronto a "togliere Putin dall'isolamento".

Il G8 precedente ha escluso la Russia dopo la sua annessione della Crimea e il sostegno militare ai ribelli separatisti in Ucraina orientale. Ma mentre il Giappone si è unito alle sanzioni economiche, Abe ha chiarito che vuole lavorare con Putin.
 
"Come presidente del G7 ho bisogno di cercare soluzioni per quanto riguarda la stabilità della regione, così come tutto il mondo," ha detto, richiamando la disputa territoriale del Giappone con la Russia per le isole Curili. "Credo che un dialogo appropriato con la Russia, un appropriato dialogo con il presidente Putin sia molto importante. "
 
Questo è il tipico discorso che vi porterà nella lista nera di Washington, commenta Zerohedge, che si chiede quanto tempo ci vorrà prima che Abe riceva una telefonata di cortesia da Obama per ricordare a Tokyo la "minaccia" che Putin rappresenta per la pace e la sicurezza globale.  

O forse la Casa Bianca farà un passo indietro e rifletterà sul se decenni di errori di politica estera, combinati con un senso di eccezionalità fuori luogo (e altamente scoraggiante), hanno invece finito per lasciare l'America come superpotenza "isolata"? 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Accesso diretto alla più...
Notizia del:

Javier Couso: "Con questa risoluzione il Parlamento europeo sceglie di stare con l'opposizione violenta venezuelana"

Una risoluzione che colloca il Parlamento europeo "dalla parte dell'opposizione venezuelana che pratica la violenza" e che mostra "una totale ignoranza della Costituzione bolivariana e dei cinque poteri che li compongono".

L'eurodeputato Javier Couso ha mostrato il "rifiuto frontale" della delegazione di Izquierda Unida...
Notizia del:

La Cina supporta il Venezuela nella non ingerenza dei suoi affari interni

Telesur Il governo cinese considera che i venezuelani siano perfettamente in grado di mantenere la stabiltà della loro nazione e proseguire nello sviluppo economico e sociale. ** Pechino...
Notizia del:

"Lei crede alla lotta di classe, lei è comunista?”. Orfini contestato davanti la tomba di Gramsci

“Lasciate in pace Gramsci, lasciatelo in pace. Quante volte si deve ribaltare nella tomba?”. "Lei crede alla lotta di classe, lei è comunista?” “Voglio...
Notizia del:

Così JP Morgan e Goldman Sachs aggirano ogni giorno le sanzioni contro la Russia

di Eugenio Cipolla   Da quasi tre anni gli Stati Uniti ammorbano l’opinione pubblica occidentale con il mantra delle sanzioni alla Russia in seguito alla crisi ucraina. Nel tempo Washington,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa