/ Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le bat...

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International
 

Le principali aziende di elettronica mondiali utilizzano il cobalto estratto da minori nella Repubblica Democratica del Congo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Componente essenziale delle batterie dei nostri smartphone, tablet e auto elettriche, il cobalto proviene dalle miniere del sud della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Si stima che un quarto del cobalto esportato provenga da miniere artigianali, dove i minatori utilizzano strumenti rudimentali per scavare ed estrarre il metallo prezioso. Lavorano senza alcuna protezione, esponendo pelle e polmoni alle polveri molto irritanti del colbalto. Scavate a mani nude, senza attrezzatura adeguata e senza cautela, pozzi e gallerie crollano regolarmente, seppellendo i lavoratori. Decine di morti sono segnalati ogni anno. "I minatori hanno così paura che molti di loro si ubriacano per darsi coraggio», rivela un rapporto sul settore del cobalto rilasciato il 19 gennaio da Amnesty International e l'Osservatorio africano delle Risorse naturali (Afrewatch).
 
Intitolato "Ecco perché si muore: le violazioni dei diritti umani nella RDC alimentano il commercio globale del cobalto" , il documento presenta le testimonianze raccolte sul posto nei mesi di aprile e maggio 2015. "Abbiamo tutti problemi ai polmoni, e mali ovunque nel nostro corpo ", dice Josephine, 33 anni, madre di cinque figli. Gli investigatori hanno incontrato diversi minatori, tra cui diversi bambini. Sono diverse migliaia che lavorano 12 ore al giorno per guadagnare un dollaro o due. Alcuni bambini ordinare il cobalto in superficie. Altri scendono nelle viscere senza aria o la luce, a volte per 24 ore di fila. Vivere e lavorare nel settore minerario espone anche i bambini alla violenza degli adulti.


Chi acquista il cobalto della RdC? Secondo il rapporto di Amnesty International e Afrewatch, il principale cliente dei mercati congolesi è una società cinese, Congo Dongfang Mining (CDM), società controllata al 100% dal gigante minerario cinese Zhejiang Huayou Cobalt Ltd. La multinazionale fornisce poi il cobalto a "tre produttori di componenti di batterie, in Cina e la Corea del Sud. "Questi tre produttori hanno acquistato più di 85 milioni di euro dalla Huayou Cobalt Cobalt nel 2013. A loro volta, vendono i loro componenti ai produttori di batterie che riforniscono il settore tecnologico e le case automobilistiche, tra cui Apple, Microsoft, Samsung, Sony, Daimler e Volkswagen", si legge nel rapporto. Contattate dall'ONG, alcune di queste aziende non sanno nemmeno da dove proviene il cobalto che usano. E a quali condizioni viene estratto.
 
"A causa dei rischi per la salute e la sicurezza, l'estrazione mineraria è una delle peggiori forme di lavoro minorile. Come possono, aziende i cui profitti in tutto il mondo ammontano a 115 miliardi di euro, avere il coraggio di affermare che non sono in grado di verificare da dove provengono minerali essenziali per le loro produzioni?", ha protestato Mark Dummett,  specialista delle responsabilità delle imprese per i diritti umani di Amnesty International. "Milioni di persone godono dei benefici delle nuove tecnologie, senza chiedersi come sono realizzate. E' tempo che i grandi marchi si assumano la loro parte di responsabilità per l'estrazione delle materie prime che compongono i loro prodotti così lucrativi"
 
Amnesty International e Afrewatch chiedono alle multinazionali che incorporano batterie al litio nei loro prodotti di verificare se il cobalto viene estratto in condizioni pericolose o se si ricorre al lavoro minorile, e migliorare la trasparenza sui loro fornitori. "Le aziende non dovrebbero accontentarsi di terminare una relazione commerciale con un fornitore o dichiarare un embargo sul cobalto della RDC a causa dei rischi in termini di diritti umani individuati nella catena di fornitura, dice Mark Dummett. Devono agire per affrontare le sofferenze delle vittime delel violazioni dei diritti umani. " 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Addio al russo: Poroshenko impone l’inglese come seconda lingua per governo, esercito e funzionari

di Eugenio Cipolla    E’ ancora vivo nella memoria di molti il ricordo di una leggendaria zuffa in Rada, qualche anno fa, a causa di un progetto di legge che doveva rendere il russo...
Notizia del:

Clinton Cash: il documentario che rivela come i Clinton sono diventati milionari

  Clinton Cash, un documentario basato sul libro di Peter Schweizer, è stato pubblicato su YouTube appena in tempo per la Convention del Partito Democratico che nominerà ufficialmente...
Notizia del:

"Non posso più rimanere in silenzio”. Michael Jordan sulle tensioni razziali negli Usa

 "Come americano fiero di esserlo, come padre che ha perso il proprio padre in un atto insensato di violenza e come nero, sono stato profondamente turbato dalle morti di afroamericani per mano...
Notizia del:

L'inchiesta sugli abusi in una prigione minorile in Australia

  La rete televisiva australiana ABC ha diffuso una serie di filmati che documentano una serie di abusi subiti dai detenuti della prigione minorile Don Dale, vicino Darwin, nel nord dell’Australia....
Notizia del:

TRUMP E IL COMPLOTTO RUSSO!

"Se vince Trump trionfa l'aggressività russa; se l'America si ritira, la Russia avanza!"

Trump sta diventando una vera e propria ossessione. Tanto che sulla rivista 'Foreign Policy' il candidato...
Notizia del:

Assange: accusare Mosca dei documenti pubblicati da Wikileaks è una tattica diversiva nella campagna della Clinton

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange ha negato le accuse dei Democratici di coinvolgimento di hacker russi nella pubblicazione di e-mail e documenti interni del Partito Demicratico americano da...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

“La Francia voleva vendicare l’attentato di Nizza ed ha ucciso 164 civili siriani”

L'attacco dell’aviazione militare francese su un villaggio siriano, il 19 luglio scorso, è stato effettuato come rappresaglia per l'attentato di Nizza, ha dichiarato l'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite.

In una riunione degli Stati del Consiglio di sicurezza delle Nazioni (UNSC), che si è svolta ieri, il rappresentante...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa