/ Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le bat...

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International
 

Le principali aziende di elettronica mondiali utilizzano il cobalto estratto da minori nella Repubblica Democratica del Congo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Componente essenziale delle batterie dei nostri smartphone, tablet e auto elettriche, il cobalto proviene dalle miniere del sud della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Si stima che un quarto del cobalto esportato provenga da miniere artigianali, dove i minatori utilizzano strumenti rudimentali per scavare ed estrarre il metallo prezioso. Lavorano senza alcuna protezione, esponendo pelle e polmoni alle polveri molto irritanti del colbalto. Scavate a mani nude, senza attrezzatura adeguata e senza cautela, pozzi e gallerie crollano regolarmente, seppellendo i lavoratori. Decine di morti sono segnalati ogni anno. "I minatori hanno così paura che molti di loro si ubriacano per darsi coraggio», rivela un rapporto sul settore del cobalto rilasciato il 19 gennaio da Amnesty International e l'Osservatorio africano delle Risorse naturali (Afrewatch).
 
Intitolato "Ecco perché si muore: le violazioni dei diritti umani nella RDC alimentano il commercio globale del cobalto" , il documento presenta le testimonianze raccolte sul posto nei mesi di aprile e maggio 2015. "Abbiamo tutti problemi ai polmoni, e mali ovunque nel nostro corpo ", dice Josephine, 33 anni, madre di cinque figli. Gli investigatori hanno incontrato diversi minatori, tra cui diversi bambini. Sono diverse migliaia che lavorano 12 ore al giorno per guadagnare un dollaro o due. Alcuni bambini ordinare il cobalto in superficie. Altri scendono nelle viscere senza aria o la luce, a volte per 24 ore di fila. Vivere e lavorare nel settore minerario espone anche i bambini alla violenza degli adulti.


Chi acquista il cobalto della RdC? Secondo il rapporto di Amnesty International e Afrewatch, il principale cliente dei mercati congolesi è una società cinese, Congo Dongfang Mining (CDM), società controllata al 100% dal gigante minerario cinese Zhejiang Huayou Cobalt Ltd. La multinazionale fornisce poi il cobalto a "tre produttori di componenti di batterie, in Cina e la Corea del Sud. "Questi tre produttori hanno acquistato più di 85 milioni di euro dalla Huayou Cobalt Cobalt nel 2013. A loro volta, vendono i loro componenti ai produttori di batterie che riforniscono il settore tecnologico e le case automobilistiche, tra cui Apple, Microsoft, Samsung, Sony, Daimler e Volkswagen", si legge nel rapporto. Contattate dall'ONG, alcune di queste aziende non sanno nemmeno da dove proviene il cobalto che usano. E a quali condizioni viene estratto.
 
"A causa dei rischi per la salute e la sicurezza, l'estrazione mineraria è una delle peggiori forme di lavoro minorile. Come possono, aziende i cui profitti in tutto il mondo ammontano a 115 miliardi di euro, avere il coraggio di affermare che non sono in grado di verificare da dove provengono minerali essenziali per le loro produzioni?", ha protestato Mark Dummett,  specialista delle responsabilità delle imprese per i diritti umani di Amnesty International. "Milioni di persone godono dei benefici delle nuove tecnologie, senza chiedersi come sono realizzate. E' tempo che i grandi marchi si assumano la loro parte di responsabilità per l'estrazione delle materie prime che compongono i loro prodotti così lucrativi"
 
Amnesty International e Afrewatch chiedono alle multinazionali che incorporano batterie al litio nei loro prodotti di verificare se il cobalto viene estratto in condizioni pericolose o se si ricorre al lavoro minorile, e migliorare la trasparenza sui loro fornitori. "Le aziende non dovrebbero accontentarsi di terminare una relazione commerciale con un fornitore o dichiarare un embargo sul cobalto della RDC a causa dei rischi in termini di diritti umani individuati nella catena di fornitura, dice Mark Dummett. Devono agire per affrontare le sofferenze delle vittime delel violazioni dei diritti umani. " 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

 MARZO 1999, USA ED EUROPA AGGREDISCONO LA JUGOSLAVIA

  Mentre si dispiega pomposamente il farsesco racconto di un'Unione Europea come garante di pace, conviene riprendere le parole di un lucido commento del Quotidiano del popolo, organo del partito...
Notizia del:

Bertolt Brecht, ”Epistola serba”, in occasione del bombardamento di Belgrado il 6 aprile 1941

 A cura di Enrico Vigna, marzo 2017  …..Per NON dimenticare i bombardamenti NATO sulla Jugoslavia del 1999 Per ricordare e NON dimenticare questo 18° triste anniversario,...
Notizia del:

24 Marzo 1999 - Marzo 2017 : NOI NON DIMENTICHIAMO

 “…la guerra non è una canzone, che si può dimenticare la guerra è una favola funesta, che ogni giorno si manifesta…” ( Milena N. Kosovo, 12 anni...
Notizia del:

Arturo Scotto, il fallimento della "sinistra" europeista

Vedere Arturo Scotto alla manifestazione filo-Unione Europea, circondato dalle bandiere dei fascisti ucraini, è francamente uno spettacolo desolante che la dice lunga sulla deriva di certa "sinistra",...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Yemen, bambini senza futuro a causa dell'aggressione dell'Arabia Saudita

L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) avverte che il costo umano del conflitto, che si è intensificata due anni fa con l'intervento saudita, è più importante dei danni materiali.

Roa, ha 12 anni, sogna di diventare un insegnante, ma ora non può nemmeno andare a scuola. Con la sua famiglia...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

I curdi delle FDS accolgono positivamente l'Esercito siriano nell'offensiva di Raqqa

Un portavoce dalle "Forze siriane Democratiche" (FDS) ha dichiarato che la sua organizzazione si compiace della partecipazione della partecipazione nelle prossimi operazioni per la liberazione di Raqqa.

In alcune dichiarazioni pubblicate dal quotidiano siriano Al-Watan, e riportate dal sito di informazione 'Al-Masdar-News',...
Notizia del:

Giù le mani dalla INNSE

RICEVIAMO E IMMEDIATAMENTE PUBBLICHIAMO Sappiamo dell'urto che stanno reggendo gli operai della INNSE. Infatti il padrone, attraverso sanzioni e provvedimenti disciplinari, sta accanendosi...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa