/ Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le bat...

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International
 

Le principali aziende di elettronica mondiali utilizzano il cobalto estratto da minori nella Repubblica Democratica del Congo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Componente essenziale delle batterie dei nostri smartphone, tablet e auto elettriche, il cobalto proviene dalle miniere del sud della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Si stima che un quarto del cobalto esportato provenga da miniere artigianali, dove i minatori utilizzano strumenti rudimentali per scavare ed estrarre il metallo prezioso. Lavorano senza alcuna protezione, esponendo pelle e polmoni alle polveri molto irritanti del colbalto. Scavate a mani nude, senza attrezzatura adeguata e senza cautela, pozzi e gallerie crollano regolarmente, seppellendo i lavoratori. Decine di morti sono segnalati ogni anno. "I minatori hanno così paura che molti di loro si ubriacano per darsi coraggio», rivela un rapporto sul settore del cobalto rilasciato il 19 gennaio da Amnesty International e l'Osservatorio africano delle Risorse naturali (Afrewatch).
 
Intitolato "Ecco perché si muore: le violazioni dei diritti umani nella RDC alimentano il commercio globale del cobalto" , il documento presenta le testimonianze raccolte sul posto nei mesi di aprile e maggio 2015. "Abbiamo tutti problemi ai polmoni, e mali ovunque nel nostro corpo ", dice Josephine, 33 anni, madre di cinque figli. Gli investigatori hanno incontrato diversi minatori, tra cui diversi bambini. Sono diverse migliaia che lavorano 12 ore al giorno per guadagnare un dollaro o due. Alcuni bambini ordinare il cobalto in superficie. Altri scendono nelle viscere senza aria o la luce, a volte per 24 ore di fila. Vivere e lavorare nel settore minerario espone anche i bambini alla violenza degli adulti.


Chi acquista il cobalto della RdC? Secondo il rapporto di Amnesty International e Afrewatch, il principale cliente dei mercati congolesi è una società cinese, Congo Dongfang Mining (CDM), società controllata al 100% dal gigante minerario cinese Zhejiang Huayou Cobalt Ltd.
La multinazionale fornisce poi il cobalto a "tre produttori di componenti di batterie, in Cina e la Corea del Sud. "Questi tre produttori hanno acquistato più di 85 milioni di euro dalla Huayou Cobalt Cobalt nel 2013. A loro volta, vendono i loro componenti ai produttori di batterie che riforniscono il settore tecnologico e le case automobilistiche, tra cui Apple, Microsoft, Samsung, Sony, Daimler e Volkswagen", si legge nel rapporto. Contattate dall'ONG, alcune di queste aziende non sanno nemmeno da dove proviene il cobalto che usano. E a quali condizioni viene estratto.
 
"A causa dei rischi per la salute e la sicurezza, l'estrazione mineraria è una delle peggiori forme di lavoro minorile. Come possono, aziende i cui profitti in tutto il mondo ammontano a 115 miliardi di euro, avere il coraggio di affermare che non sono in grado di verificare da dove provengono minerali essenziali per le loro produzioni?", ha protestato Mark Dummett,  specialista delle responsabilità delle imprese per i diritti umani di Amnesty International. "Milioni di persone godono dei benefici delle nuove tecnologie, senza chiedersi come sono realizzate. E' tempo che i grandi marchi si assumano la loro parte di responsabilità per l'estrazione delle materie prime che compongono i loro prodotti così lucrativi"
 
Amnesty International e Afrewatch chiedono alle multinazionali che incorporano batterie al litio nei loro prodotti di verificare se il cobalto viene estratto in condizioni pericolose o se si ricorre al lavoro minorile, e migliorare la trasparenza sui loro fornitori. "Le aziende non dovrebbero accontentarsi di terminare una relazione commerciale con un fornitore o dichiarare un embargo sul cobalto della RDC a causa dei rischi in termini di diritti umani individuati nella catena di fornitura, dice Mark Dummett. Devono agire per affrontare le sofferenze delle vittime delel violazioni dei diritti umani. " 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Alberto Negri - Psico-politica delle guerre in Medio Oriente e il vuoto della politica estera italiana

di Alberto Negri* - Tiscali    Comprendere il groviglio di interessi delle potenze in conflitto Medio Oriente e lungo l'arco della crisi che arriva fino all'Asia è un'impresa...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "M5S e Potere al Popolo devono tenere duro e arriveranno al potere"

di Francesco Erspamer* Se non ci fosse il M5S e se non fosse tatticamente essenziale sostenerlo per provare a far fuori in una volta sola Renzi e Berlusconi, voterei Potere al popolo. Di conseguenza...
Notizia del:

Stati canaglia contro il Venezuela: ecco chi è l'Asse del male oggi

  di Geraldina Colotti - editoriale di Radio Revolucion   Un gruppo di stati canaglia cerca di stroncare il processo di integrazione latinoamericano guidato da Cuba e Venezuela. E...
Notizia del:     Fonte: Sputnik - Ruptly

VIDEO. I curdi ribadiscono che l'offensiva turca non ha impedito all'esercito siriano di arrivare ad Afrin

I bombardamenti effettuati dall'aviazione militare turca contro il Cantone siriano di Afrin non è riuscito a impedire l'ingresso dell'esercito siriano o costringerlo a ritirarsi, hanno riferito le Unità di Protezione Popolare curde.

In dichiarazioni rese oggi all'agenzia di stampa russa Sputnik, il portavoce del YPG, Reizan Hedu, ha negato...
Notizia del:     Fonte: CNN

Siria, le armi consegnate dagli Stati Uniti all'opposizione sono finite in vendita su Internet

I terroristi schierati nel nord della Siria vendono fucili d'assalto M-16 prodotti negli Stati Uniti su Internet che erano stati forniti alla cosiddetta opposizione moderata in Siria, secondo la CNN.

La CNN ieri ha raccontato che i suoi giornalisti hanno contattato un residente di Idlib via Telegram fingendosi...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa