/ Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le bat...

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International

Il lavoro minorile dietro la produzione degli smartphone e le batterie per le auto elettriche. La denuncia di Amnesty International
 

Le principali aziende di elettronica mondiali utilizzano il cobalto estratto da minori nella Repubblica Democratica del Congo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Componente essenziale delle batterie dei nostri smartphone, tablet e auto elettriche, il cobalto proviene dalle miniere del sud della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Si stima che un quarto del cobalto esportato provenga da miniere artigianali, dove i minatori utilizzano strumenti rudimentali per scavare ed estrarre il metallo prezioso. Lavorano senza alcuna protezione, esponendo pelle e polmoni alle polveri molto irritanti del colbalto. Scavate a mani nude, senza attrezzatura adeguata e senza cautela, pozzi e gallerie crollano regolarmente, seppellendo i lavoratori. Decine di morti sono segnalati ogni anno. "I minatori hanno così paura che molti di loro si ubriacano per darsi coraggio», rivela un rapporto sul settore del cobalto rilasciato il 19 gennaio da Amnesty International e l'Osservatorio africano delle Risorse naturali (Afrewatch).
 
Intitolato "Ecco perché si muore: le violazioni dei diritti umani nella RDC alimentano il commercio globale del cobalto" , il documento presenta le testimonianze raccolte sul posto nei mesi di aprile e maggio 2015. "Abbiamo tutti problemi ai polmoni, e mali ovunque nel nostro corpo ", dice Josephine, 33 anni, madre di cinque figli. Gli investigatori hanno incontrato diversi minatori, tra cui diversi bambini. Sono diverse migliaia che lavorano 12 ore al giorno per guadagnare un dollaro o due. Alcuni bambini ordinare il cobalto in superficie. Altri scendono nelle viscere senza aria o la luce, a volte per 24 ore di fila. Vivere e lavorare nel settore minerario espone anche i bambini alla violenza degli adulti.


Chi acquista il cobalto della RdC? Secondo il rapporto di Amnesty International e Afrewatch, il principale cliente dei mercati congolesi è una società cinese, Congo Dongfang Mining (CDM), società controllata al 100% dal gigante minerario cinese Zhejiang Huayou Cobalt Ltd.
La multinazionale fornisce poi il cobalto a "tre produttori di componenti di batterie, in Cina e la Corea del Sud. "Questi tre produttori hanno acquistato più di 85 milioni di euro dalla Huayou Cobalt Cobalt nel 2013. A loro volta, vendono i loro componenti ai produttori di batterie che riforniscono il settore tecnologico e le case automobilistiche, tra cui Apple, Microsoft, Samsung, Sony, Daimler e Volkswagen", si legge nel rapporto. Contattate dall'ONG, alcune di queste aziende non sanno nemmeno da dove proviene il cobalto che usano. E a quali condizioni viene estratto.
 
"A causa dei rischi per la salute e la sicurezza, l'estrazione mineraria è una delle peggiori forme di lavoro minorile. Come possono, aziende i cui profitti in tutto il mondo ammontano a 115 miliardi di euro, avere il coraggio di affermare che non sono in grado di verificare da dove provengono minerali essenziali per le loro produzioni?", ha protestato Mark Dummett,  specialista delle responsabilità delle imprese per i diritti umani di Amnesty International. "Milioni di persone godono dei benefici delle nuove tecnologie, senza chiedersi come sono realizzate. E' tempo che i grandi marchi si assumano la loro parte di responsabilità per l'estrazione delle materie prime che compongono i loro prodotti così lucrativi"
 
Amnesty International e Afrewatch chiedono alle multinazionali che incorporano batterie al litio nei loro prodotti di verificare se il cobalto viene estratto in condizioni pericolose o se si ricorre al lavoro minorile, e migliorare la trasparenza sui loro fornitori. "Le aziende non dovrebbero accontentarsi di terminare una relazione commerciale con un fornitore o dichiarare un embargo sul cobalto della RDC a causa dei rischi in termini di diritti umani individuati nella catena di fornitura, dice Mark Dummett. Devono agire per affrontare le sofferenze delle vittime delel violazioni dei diritti umani. " 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Fulvio Scaglione: "Sanzioni alla Siria. L'Unione Europea perde l'ennesima occasione per darsi una dignità"

di Fulvio Scaglione* - Avvenire (29 maggio 2016) Com’era purtroppo prevedibile, l’Unione Europea ha perso l’ennesima occasione per darsi una fisionomia e una dignità...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'ex leader della coalizione nazionale siriana, accusato di "estorsione" e "molestie sessuali"

Un attivista siriana ha riferito di molestie sessuali di ex leader della sedicente coalizione nazionale siriana (CNS), Ahmad al-Yarba, quando ho lavorato per lui come la sua segretaria.

Attraverso un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, Smoudi Lina che vive attualmente a Parigi- ha accusato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Il governo turco toglierà la custodia dei figli ad una giornalista che ha rivelato i legami di Ankara con l'ISIS in Siria

Il governo turco toglierà la custodia dei figli della giornalista Arzu Yildiz, che ha rivelato il ruolo di Ankara nella fornitura di armi ai gruppi terroristici attivi in Siria.

"Nessuno riuscirà a togliermi i miei figli ... neanche il Sultano (riferendosi al presidente turco...
Notizia del:

L'Arcivescovo di Aleppo Boutros Marayati: "Se la guerra in Siria continua è perché qualcuno non vuole che finisca"

"Se le armi tacessero, e se le sanzioni fossero tolte, nessuno di qui penserebbe a scappare per andare a vivere sotto la neve"

Aleppo (Agenzia Fides) – La proroga di un anno delle sanzioni contro la Siria di Assad, disposta ieri...
Notizia del:

La battaglia contro le sanzioni alla Siria dell'Unione Europea non finisce qui.

COMUNICATO DEL COMITATO ITALIANO CONTRO LE SANZIONI ALLA SIRIA   Come prevedibile, il 27 maggio 2016, Il Consiglio dell’Unione Europea ha prorogato le sanzioni alla Siria. Sanzioni...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Putin: La Siria non diventerà una seconda Libia o Somalia

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che Mosca non permetterà che la Siria diventi una seconda Libia o Somalia, dove l'interferenza occidentale ha portato entrambi i paesi in una sanguinosa guerra civile.

Parlando, ieri, in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo greco, Alexis Tsipras ad Atene, Putin ha...
Notizia del:

P. C. Roberts: "Il capitalismo è entrato nella fase del saccheggio . Il risultato sarà la devastazione."

Il trattamento riservato alla Grecia: l’UE e il FMI sono ormai diventati dei semplici strumenti di saccheggio nelle mani dei ricchissimi del pianeta

di Paul Craig Roberts - Counterpunch   Essendo riusciti ad usare l’UE per conquistare il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa