/ VIDEO. "Erdogan Assassino!". Proteste contro la visita del presid...

VIDEO. "Erdogan Assassino!". Proteste contro la visita del presidente turco in Ecuador

VIDEO. Erdogan Assassino!. Proteste contro la visita del presidente turco in Ecuador
 

Alcuni manifestanti, tra le quali diverse donne, sono stati aggrediti dalle guardie di sicurezza del presidente turco, fatto che è stato condannato da diversi parlamentari ecuadoriani.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che è in visita in ufficiale Ecuador, è stato accolto, a Quito, con proteste contro la sua presenza nel paese latinoamericano.
 
Al grido di "Viva il Kurdistan!", "Erdogan Fuori!" e " Erdogan Assassino ", decine di attivisti hanno chiesto la fine operazione militare di Ankara contro le aree curde.
 


 
 
Uno dei manifestanti, l'attivista curdo che vive in Ecuador, Orshan Kamasek, ha riferito che Erdogan "sta uccidendo la nostra gente", e si è unito alla coalizione internazionale per "attaccare la Siria."
 
"La Turchia è parte della guerra in Siria, perché finanzia la guerra ed è amico dello Stato islamico", ha aggiunto l'attivista, citato dalla EFE.
 
Inoltre, ci sono stati una serie di scontri tra manifestanti e guardie di sicurezza di Erdogan, quando il presidente turco stava entrando all'Istituto Nazionale di Studi Avanzati (Iean) per tenere una conferenza.
 
Tra i manifestanti è stato aggredito anche un membro dell'Assemblea Nazionale ecuadoriana Vintimilla Diego, che ha denunciato l'accaduto attraverso il suo account Twitter.
 


 
Le azioni delle guardie di sicurezza del presidente della Turchia sono stati riportate anche da altri membri dell'Assemblea. a tal proposito il presidente dell'Assemblea Nazionale dell'Ecuador, Gabriela Rivadeneira, ha riferito che "sono state anche attaccate donne ecuadoriane".
 
A sua volta, il portavoce del gruppo "Donne per il Cambiamento", Cecilia Jaramillo, ha raccontato che ad alcune manifestanti sono stati inferti colpi alla testa e trascinate per i capelli nella Iean.
 


 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Bourj Hammoud: dal genocidio armeno alla crisi siriana

Bourj Hammoud si trova nella parte nord-orientale della capitale libanese a poca distanza dal mare e dal porto della città, oltre il Beirut River. Il quartiere deve il suo nome a quello dell'unico edificio presente prima della progressiva urbanizzazione della zona: la torre (in arabo Bourj) costruita dalla famiglia libanese Hammoud che, in uno dei punti d'accesso alla città, permetteva di tenere sotto controllo il territorio circostante

  di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti     Beirut - La vernice rossa scalfisce i muri...
Notizia del:     Fonte: Al Watan

"Dalla Turchia migliaia di terroristi sono entrati in Siria per dirigersi ad Aleppo"

Oltre un migliaio di terroristi sono entrati in Siria dalla Turchia per rafforzare la coalizione dei gruppi che ruotano intorno a Yeish al-Fatah, i sedicenti "ribelli moderati" in lotta contro l'esercito siriano ad Aleppo.

"Negli ultimi tre giorni, più di 1000 i terroristi hanno attraversato il confine con la Turchia per...
Notizia del:

L’agenzia di stampa turca Anadolu accusa apertamente la Cia del golpe con queste rivelazioni su Stratfor

Piccole Note L’agenzia di stampa turca Anadolu accusa la Cia: sapeva del colpo di Stato, anzi ha aiutato i golpisti. Accusa inusuale, dal momento che a lanciarla è l’organo...
Notizia del:     Fonte: RT

Gli Stati Uniti, Fetullah Gulen e le sue ramificazioni in America Latina

Il movimento del religioso Gulen, che la Turchia indica come artefice del colpo di stato fallito, conta su diverse ramificazioni in America Latina. Alcuni esperti segnalano che la CIA utilizza per i propri scopi la capacità di mobilitazione dei seguaci di Hizmet

  Le ramificazioni della potente organizzazione guidata da Fetullah Gulen, il religioso turco assurto agli...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

I paesi dell'Europa dell’Est inviano armi per miliardi di dollari ai gruppi armati attivi in Medio Oriente

  Negli ultimi quattro anni i Paesi dell’Europa orientale hanno venduto armi usate di produzione sovietica per...
Notizia del:

Riflessioni sulla crisi turca e sul fallimento della sinistra

di Maurizio Musolino* A distanza di qualche giorno dal tentato colpo di stato in Turchia si può iniziare a fare qualche considerazione su quanto accaduto nella notte fra venerdì...
Notizia del:     Fonte: http://sputniknews.com/

Pepe Escobar: l'Inferno non possiede la furia di un Sultano di Teflon

di Pepe Escobar - Sputnik Quando il presidente turco/aspirante sultano Recep Tayyip Erdogan è atterrato all’aeroporto Ataturk di Istanbul sabato mattina presto, ha dichiarato che...
Notizia del:

“Prepararsi alla battaglia": Wikileaks pubblicherà documenti sulla Turchia

WikiLeaks pianifica la pubblicazione di documenti sul potere turco, a seguito del fallito colpo di stato.

Wikileaks ha annunciato che in giornata saranno pubblicati documenti sulla struttura del potere politico in Turchia....
Notizia del:

Tutti i possibili scenari nella Turchia post-golpe

Visto dai tavoli della diplomazia mediorientale il golpe a Erdogan sembra profilare qualcosa di più che una distensione tra Erdogan e Putin e l'Iran

La Turchia fa i conti con la vendetta di Erdogan, che adesso ha mano libera per attaccare tutti i nemici...
Notizia del:

Golpe: dichiarazione del Partito Comunista di Turchia

Non conosciamo in tutti i dettagli quel che è successo durante il tentativo di colpo di Stato avvenuto in Turchia nelle ore fra il 15 e il 16 luglio 2016. Ma sappiamo bene che i piani sostenuti...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"La Russia continua ad utilizzare la base iraniana per attaccare i terroristi"

Il Presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha dichiarato, oggi, che gli aerei russi stanno ancora utilizzando la base iraniana Noyé per attaccare i terroristi in Siria.

Larijani ha riferito, confutando il Ministero della Difesa della Russia, che anche i bombardieri strategici russi...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Gli attacchi della coalizione guidata degli Stati Uniti hanno causato danni per 2 miliardi di dollari alla Siria

L'industria del petrolio e del gas in Siria ha subito ingenti danni in seguito ai bombardamenti della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Gli attacchi della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il cui scopo ufficiale è quello di combattere l'ISIS,...
Notizia del:

Assange: Clinton e Trump sono un disastro per tutti

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ritiene che l'elezione a Presidente degli Stati Uniti di Hillary Clinton o Donald Trump sarebbe un disastro per gli USA e per il resto del mondo.

"Entrambi i candidati (per la Casa Bianca), lei e Donald Trump, sono un disastro sia per il loro paese che...
Notizia del:

Ministero della Difesa iraniano: "La Russia utilizzerà la nostra base per tutto il tempo necessario"

Il Ministero della Difesa iraniano ha annunciato che la Russia può utilizzare la base iraniana di Hamdan per le operazioni contro i terroristi in Siria per tutto il tempo necessario. Si valuta, inoltre, la concessione di altre basi iraniane alla Russia.

"Gli aerei russi useranno la base militare Hamadan per attaccare lo Stato Islamico tutto il tempo necessario",...
Notizia del:

Il burkini e la libertà religiosa

Credo che ci sia un ambito privato dove ogni cittadino deve poter manifestare le proprie convinzioni e le proprie idee. Piacciano o non piacciano, almeno finché non offendono altri cittadini

di Maurizio Musolino   Le polemiche sul burkini in Francia è di giorno in giorno più stucchevole....
Notizia del:

Bourj Hammoud: dal genocidio armeno alla crisi siriana

Bourj Hammoud si trova nella parte nord-orientale della capitale libanese a poca distanza dal mare e dal porto della città, oltre il Beirut River. Il quartiere deve il suo nome a quello dell'unico edificio presente prima della progressiva urbanizzazione della zona: la torre (in arabo Bourj) costruita dalla famiglia libanese Hammoud che, in uno dei punti d'accesso alla città, permetteva di tenere sotto controllo il territorio circostante

  di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti     Beirut - La vernice rossa scalfisce i muri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"Israele dovrebbe preoccuparsi per i bombardamenti russi dall'Iran in Siria"

Per l'analista israeliano Yossi Melman, Israele farebbe bene a preoccuparsi per l'uso del territorio iraniano per il decollo dei bombardieri russi a lungo raggio Tu-22M3 e Su-34.

"Questo problema ha significati strategici globali a lungo termine, causando la preoccupazione di Israele",...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa