/ Paolo Ferrero, Rifondazione Comunista e le omissioni sulla Siria

Paolo Ferrero, Rifondazione Comunista e le omissioni sulla Siria

Paolo Ferrero, Rifondazione Comunista e le omissioni sulla Siria
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Mauro Gemma*
 
"Le forze di autodifesa delle Ypi e Ypg uniche a contrastare l'avanzata del Daesh", scrive Paolo Ferrero nel suo profilo facebook.
E l'esercito della Repubblica Araba Siriana forse non contrasta Daesh? Non contrastano Daesh le milizie di Hezbollah? E l'intervento russo, richiesto in base alle norme del diritto internazionale, dal legittimo governo della Siria non ha forse contrastato Daesh?

Ma come si fa a chiudere gli occhi di fronte all'evidenza, allo scopo di giustificare silenzi e omissioni di certa sinistra radicale del nostro paese?

 

Il Prc aderisce al presidio indetto dalla Rete Kurdistan in Italia che si terrà domani, mercoledì 16 marzo alle ore...

Pubblicato da Paolo Ferrero su Martedì 15 marzo 2016

*Direttore di Marx 21

...................................................................


Questo il commento di Diego Angelo Bertozzi sullo stesso argomento:

Una "panzana" si aggira per la sinistra d'Europa (e non terrorizza la borghesia): in Siria gli unici ad opporsi all'Isis sarebbero i curdi e le loro milizie. Mi scuso per i termini, ma si tratta di una posizione comoda da "paraculi" di equidistanza tra Usa (ormai km di letteratura dimostrano il loro ruolo nel finanziamento e nel sostegno logistico a bande di terroristi "moderati"!) e la Russia (e con essa Iran e Hezbollah) il cui intervento militare ha permesso di ridimensionare l'offensiva militare del Califfato e di tagliarne i canali di finanziamento.

Ma non è tutto: questa posizione da "paraculi" - di un'equidistanza che è subalternità pura alla lettura dominante - avalla pure il progetto imperiale da tempo messo in campo: la disintegrazione su base etnica di uno Stato sovrano come la Siria, che, pur non essendo il paradiso (ma resta il ricordo dell'onorificenza consegnata ad Assad da Napolitano!), non si allinea al compitino dettato da Washington in Medio oriente.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Addio al russo: Poroshenko impone l’inglese come seconda lingua per governo, esercito e funzionari

di Eugenio Cipolla    E’ ancora vivo nella memoria di molti il ricordo di una leggendaria zuffa in Rada, qualche anno fa, a causa di un progetto di legge che doveva rendere il russo...
Notizia del:

Clinton Cash: il documentario che rivela come i Clinton sono diventati milionari

  Clinton Cash, un documentario basato sul libro di Peter Schweizer, è stato pubblicato su YouTube appena in tempo per la Convention del Partito Democratico che nominerà ufficialmente...
Notizia del:

"Non posso più rimanere in silenzio”. Michael Jordan sulle tensioni razziali negli Usa

 "Come americano fiero di esserlo, come padre che ha perso il proprio padre in un atto insensato di violenza e come nero, sono stato profondamente turbato dalle morti di afroamericani per mano...
Notizia del:

L'inchiesta sugli abusi in una prigione minorile in Australia

  La rete televisiva australiana ABC ha diffuso una serie di filmati che documentano una serie di abusi subiti dai detenuti della prigione minorile Don Dale, vicino Darwin, nel nord dell’Australia....
Notizia del:

TRUMP E IL COMPLOTTO RUSSO!

"Se vince Trump trionfa l'aggressività russa; se l'America si ritira, la Russia avanza!"

Trump sta diventando una vera e propria ossessione. Tanto che sulla rivista 'Foreign Policy' il candidato...
Notizia del:

Assange: accusare Mosca dei documenti pubblicati da Wikileaks è una tattica diversiva nella campagna della Clinton

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange ha negato le accuse dei Democratici di coinvolgimento di hacker russi nella pubblicazione di e-mail e documenti interni del Partito Demicratico americano da...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

“La Francia voleva vendicare l’attentato di Nizza ed ha ucciso 164 civili siriani”

L'attacco dell’aviazione militare francese su un villaggio siriano, il 19 luglio scorso, è stato effettuato come rappresaglia per l'attentato di Nizza, ha dichiarato l'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite.

In una riunione degli Stati del Consiglio di sicurezza delle Nazioni (UNSC), che si è svolta ieri, il rappresentante...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa