/ Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato adde...

Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato addestra ancora soldati di Kiev»

Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato addestra ancora soldati di Kiev»
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Eugenio Cipolla

 Nell’intricata matassa che ormai rappresenta a pieno i rapporti tra Russia e Ucraina, ieri si è aggiunto un nuovo nodo destinato a far discutere: la condanna a 22 anni di carcere per la top gun ucraina Nadia Savechenko da parte di un tribunale russo nella regione di Rostov na Donu. L’ex ufficiale dell’esercito di Kiev, accusata di aver contribuito alla morte di due reporter russi in Donbass, ha annunciato un nuovo sciopero della fame subito dopo la lettura della sentenza. Cosa che ha allarmato e non poco il governo di Kiev, preoccupato per la salute cagionevole della 34enne, dietro le sbarre da quasi due anni.
 
Secondo la legge russa, la Savchenko potrebbe beneficiare di un indulto, ma non prima che siano passati 12 anni. Ed è questo uno dei fattori che ha convinto Petro Poroshenko ad attivare gli opportuni canali giuridico-diplomatici. Il presidente ucraino ha subito reso noto di essere pronto a scambiare la Savchenko con due cittadini russi (Alexander Aleksandrov e Yevgeni Yerofeev), catturati non molto tempo fa in Donbass in una zona sotto il controllo dell’esercito governativo. Interpellato dai giornalisti, Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, ha sottolineato che questa ipotesi può concretizzarsi solo con l’autorizzazione del presidente Putin in persona. «Per quanto riguarda l'estradizione o lo scambio – ha detto - sono decisioni che possono essere prese solo dal presidente russo. In questo caso, non sono a conoscenza se ha preso qualche decisione».
 
Nei corridoi del palazzo, gli uomini di Putin stanno valutando il da farsi. Una decisione positiva potrebbe rappresentare un segnale di distensione dopo mesi di tensioni e accuse, ma le modalità dovranno seguire alcuni protocolli ben definiti per evitare che questo possa essere visto come un segnale di debolezza. Soprattutto alla luce delle pressioni internazionali che stanno giungendo per il rilascio della Savchenko. Washington e Bruxelles, attraverso Obama e Mogherini, hanno già detto la loro, irritando la leadership russa che non ammette intromissioni nel proprio sistema giudiziario.
 
Qualsiasi sarà l’esito della vicenda, avrà senz’altro ripercussioni sullo stato delle cose in Donbass, dove la tensione rimane altissima. Nelle ultime 24 ore un soldato dell’esercito governativo è morto, mentre altri dieci sono rimasti feriti. In visita a Mosca per incontrare l’omologo Lavrov, il ministro degli esteri tedesco Frank Walter Steinmeier ha detto che al momento la situazione nella parte orientale dell’Ucraina «rimane instabile e si registrano violazioni del cessate il fuoco da entrambe le parti». «Oltre 200 mezzi pesanti ucraini si stanno avvicinando alla linea di contatto», ha detto invece il capo della diplomazia russa Serghej Lavrov, accusando la Nato di continuare nell’opera di addestramento di soldati ucraini che poi vengono inviati al fronte.
 
Nelle ultime settimane, inoltre, l’esercito di Kiev si sta rafforzando con new entry straniere. Qualche giorno fa Eugeny Lavrov, comandante del battaglione dell’esercito ucraino “Kievski Rus’” ha annunciato nelle file delle forze armate di Kiev di tre cittadini americani e dodici georgiani. Al momento, ha affermato Lavrov, secondo quanto riportato da Hromadske Tv, «gli americani sono in prova. Hanno combattuto in Afghanistan e servito nell’esercito degli Stati Uniti». Il loro arruolamento è stato reso possibile dalla legge sulla legalizzazione dei mercenari stranieri, entrata in vigore in Ucraina lo scorso novembre, per migliorare le capacità di combattimento dell’esercito regolare e ridurre i costi umani e finanziari per il Paese.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:

"Chiusura domenicale dei negozi, una mossa per combattere il neocapitalismo selvaggio"

di Francesco Erspamer* Di Maio ha proposto di ripristinare la chiusura domenicale dei negozi e rigidi orari nei giorni feriali: una mossa anti-deregulation che scatenerà i liberisti e i loro...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:

(VIDEO) Fake news sulle fake news: il cortocircuito dei media mainstream

Servizio di Inna Afinogenova, RT Sembra che questa brutta usanza che ha la supposta trama russa di pubblicare notizie false e diffonderle per il mondo intero sia altamente contagiosa perché i media...
Notizia del:

La fine del Turkish Stream e la geopolitica dei gasdotti

  Dopo aver approvato le sanzioni che potrebbero colpire le aziende europee coinvolte nel progetto del North Stream 2 mettendosi direttamente in rotta di collisione con la Germania, il Dipartimento...
Notizia del:

Gli avvoltoi atlantici tornano a volteggiare sui Balcani

di Alberto Fazolo* Dai primissimi anni '90 la Jugoslavia si trasformò in un laboratorio per le ingerenze occidentali, vi vennero sperimentate tutte le tecniche di destabilizzazione che...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa