/ Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato adde...

Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato addestra ancora soldati di Kiev»

Americani e georgiani nell’esercito ucraino. Lavrov:«La Nato addestra ancora soldati di Kiev»
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Eugenio Cipolla

 Nell’intricata matassa che ormai rappresenta a pieno i rapporti tra Russia e Ucraina, ieri si è aggiunto un nuovo nodo destinato a far discutere: la condanna a 22 anni di carcere per la top gun ucraina Nadia Savechenko da parte di un tribunale russo nella regione di Rostov na Donu. L’ex ufficiale dell’esercito di Kiev, accusata di aver contribuito alla morte di due reporter russi in Donbass, ha annunciato un nuovo sciopero della fame subito dopo la lettura della sentenza. Cosa che ha allarmato e non poco il governo di Kiev, preoccupato per la salute cagionevole della 34enne, dietro le sbarre da quasi due anni.
 
Secondo la legge russa, la Savchenko potrebbe beneficiare di un indulto, ma non prima che siano passati 12 anni. Ed è questo uno dei fattori che ha convinto Petro Poroshenko ad attivare gli opportuni canali giuridico-diplomatici. Il presidente ucraino ha subito reso noto di essere pronto a scambiare la Savchenko con due cittadini russi (Alexander Aleksandrov e Yevgeni Yerofeev), catturati non molto tempo fa in Donbass in una zona sotto il controllo dell’esercito governativo. Interpellato dai giornalisti, Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, ha sottolineato che questa ipotesi può concretizzarsi solo con l’autorizzazione del presidente Putin in persona. «Per quanto riguarda l'estradizione o lo scambio – ha detto - sono decisioni che possono essere prese solo dal presidente russo. In questo caso, non sono a conoscenza se ha preso qualche decisione».
 
Nei corridoi del palazzo, gli uomini di Putin stanno valutando il da farsi. Una decisione positiva potrebbe rappresentare un segnale di distensione dopo mesi di tensioni e accuse, ma le modalità dovranno seguire alcuni protocolli ben definiti per evitare che questo possa essere visto come un segnale di debolezza. Soprattutto alla luce delle pressioni internazionali che stanno giungendo per il rilascio della Savchenko. Washington e Bruxelles, attraverso Obama e Mogherini, hanno già detto la loro, irritando la leadership russa che non ammette intromissioni nel proprio sistema giudiziario.
 
Qualsiasi sarà l’esito della vicenda, avrà senz’altro ripercussioni sullo stato delle cose in Donbass, dove la tensione rimane altissima. Nelle ultime 24 ore un soldato dell’esercito governativo è morto, mentre altri dieci sono rimasti feriti. In visita a Mosca per incontrare l’omologo Lavrov, il ministro degli esteri tedesco Frank Walter Steinmeier ha detto che al momento la situazione nella parte orientale dell’Ucraina «rimane instabile e si registrano violazioni del cessate il fuoco da entrambe le parti». «Oltre 200 mezzi pesanti ucraini si stanno avvicinando alla linea di contatto», ha detto invece il capo della diplomazia russa Serghej Lavrov, accusando la Nato di continuare nell’opera di addestramento di soldati ucraini che poi vengono inviati al fronte.
 
Nelle ultime settimane, inoltre, l’esercito di Kiev si sta rafforzando con new entry straniere. Qualche giorno fa Eugeny Lavrov, comandante del battaglione dell’esercito ucraino “Kievski Rus’” ha annunciato nelle file delle forze armate di Kiev di tre cittadini americani e dodici georgiani. Al momento, ha affermato Lavrov, secondo quanto riportato da Hromadske Tv, «gli americani sono in prova. Hanno combattuto in Afghanistan e servito nell’esercito degli Stati Uniti». Il loro arruolamento è stato reso possibile dalla legge sulla legalizzazione dei mercenari stranieri, entrata in vigore in Ucraina lo scorso novembre, per migliorare le capacità di combattimento dell’esercito regolare e ridurre i costi umani e finanziari per il Paese.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Ogni anno 7.000 soldati israeliani lasciano l'esercito

Secondo i dati diffusi dal quotidiano israeliano 'Haaretz', migliaia di soldati israeliani non portano a termine la leva obbligatoria sulla base di varie motivazioni mediche e psicologiche.

I nuovi dati rilasciati da parte dell'esercito israeliano riferiscono che circa 7.000 soldati israeliani non...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:

"Forte supporto alla sovranità e all'integrità territoriale della Siria". Comunicato congiunto dei paesi BRICS

Visakhapatnam, 12 aprile 2017 da mid.ru Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it Riteniamo importante pubblicare questo comunicato congiunto diffuso da rappresentanti dei cinque paesi...
Notizia del:

QUANTI MORTI SONO ANCORA NECESSARI IN VENEZUELA?

  di Marco Teruggi   28 morti e 437 feriti è il bilancio delle vittime - in meno di un mese - degli scontri che stanno avendo luogo in Venezuela. Se a questo numero si aggiungono...
Notizia del:

LA CINA METTE IN GUARDIA SULL’USO DELLA FORZA IN COREA

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha affermato che il dialogo e il negoziato sono gli unici strumenti per poter risolvere il problema della crisi nucleare in Corea, in un suo intervento ad una riunione...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:

Per la prima volta un paese bombardato dalla Nato vota per l'integrazione nell'Alleanza

Il Parlamento del Montenegro ha votato questo venerdì a favore del progetto per l'integrazione del paese nella Nato, proposto dalla coalizione al governo. L'opposizione ha convocato proteste...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa