/ Giornalisti europei e nordamericani pagati dall'intelligence maro...

Giornalisti europei e nordamericani pagati dall'intelligence marocchina

Giornalisti europei e nordamericani pagati dall'intelligence marocchina
 

Assoldati per calunniare il Fronte Polisario insinuando connessione con il terrorismo jihadista

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Il servizio di intelligence marocchino, diretto da Yassine Mansouri, ha avuto sul libro paga giornalisti americani, francesi, inglesi, assoldati per lodare il Marocco e attaccare il Fronte Polisario, legittimo rappresentante del popolo Saharawi riconosciuto dalle Nazioni Unite, insinuando una sua connessione con il terrorismo jihadista. 

L'incaricato di reclutare e pagare i  giornalisti era Charai Ahmed, direttore del settimanale L'Observateur du Maroc.
Queste rivelazioni,  contenute nei documenti segreti marocchini, sono state diffuse da un hacker che si firma come "Chris Coleman" e contenute nel suo blog “Desde El Atlantico” , sotto il titolo di "Wikileaks del majzen: gravi segreti del regime marocchino allo scoperto".

I giornalisti Richard Miniter e Joseph Braude cercavano di trasmettere falsità all'opinione pubblica americana secondo le quali i Sahrawi (Polisario) avevano connessioni con il "terrorismo jihadista". Miniter ha sempre calunniato i Saharawi e ha elogiato il Marocco. Un documento indica che ha ricevuto 60 mila dollari, oltre a viaggi di lusso in Marocco. Braude ha fatto lo stesso, oltre ad informare Rabat su come neutralizzare i giornalisti pro-Saharawi; in un documento si indica che il suo giornale The National Interest ha ricevuto 25.000 dollari.
 
In altri file, si fa la conta dei soldi dati agli statunitensi:  15.000 dollari al Washington Times (15 luglio 2008), 25.000 dollari per Foreign Policy Research Institute, (16 settembre 2008), 10.000 dollari a "Searche for Common Ground", in data (29 settembre 2011). Inoltre, Ben Evansky (Fox News) e Bender (Boston Globe).
 
In Gran Bretagna, Charai ha dato anche 49.500 sterline per "The Financial Times" (27 ottobre 2011). E ancora in Francia al professor Henri Louis Védie e al giornalista televisivo Vincent Hervoue "LC1". A uno ha  pagato 6000 euro per articolo, e all’altro ha dato 38.000 euro perchè “doveva stare zitto”. Sono menzionati anche Mireille Duteil e Dominique Lagarde.
 
Il servizio di intelligence del Marocco ha istituito, per disinformare il pubblico, due agenzie di stampa in Africa: Algeria Times e "Agence de Presse Africaine", il cui membro è il mauritano Abdallahi Ould Muhammadi, presidente del Sahara Sox, che sostiene il terrorismo jihadista.
 
Yassine Mansouri (1962) è il capo dello spionaggio estero del Marocco, la Direzione Generale per la Ricerca e la Documentazione (DGED), dal 2005. Vicino a Mohamed VI, con il quale ha studiato al Royal College, si è formato in materia di sicurezza negli Stati Uniti; è stato direttore della agenzia di stampa ufficiale MAP ed è stato nel Ministero degli Interni in due occasioni.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela, giornalisti italiani fermati: Dolar Today non entra in carcere

A nessuno verrebbe in mente di considerare i controlli, anche quelli più accurati e occhiuti, come “una violazione della libertà di stampa”

di Geraldina Colotti* Provate a entrare in un carcere italiano senza autorizzazione del Ministero di Giustizia....
Notizia del:     Fonte: Il Manifesto

Scrittrice messicana: "E' assurdo preoccuparsi dei diritti umani in Venezuela e ignorare quello che avviene in Messico"

Ieri, l’Onu ha denunciato l’ultimo omicidio, quello dell’attivista Meztli Sarabia, eliminata da uomini armati nella città di Puebla

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto   Gloria Muñoz Ramírez, giornalista e scrittrice...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen Haaretz

L'Algeria smantella una rete di spionaggio israeliana

Una rete di spionaggio che lavorava per conto di Israele è stata recentemente smantellata dalle forze di sicurezza algerine.

In Algeria, fonti della sicurezza hanno annunciato l'eliminazione di questa rete, che compiva di atti di spionaggio...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar-News

VIDEO. L'ambasciatore siriano all'ONU rivela i nomi degli agenti segreti stranieri ad Aleppo Est

L'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite, Bashar Al-Ja'afari, ha rivelato i nomi degli agenti segreti presenti ad Aleppo Est, motivo per il quale alcuni paesi in seno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha spinto per una nuova risoluzione.

Secondo quanto ha riferito Al Masdar-News, Al-Ja'afari ha spiegato il motivo per il quale alcuni paesi  membri...
Notizia del:

Come mai i giornalisti diffamano Putin e non indagano sull'immenso patrimonio accumulato da Bill e Hillary Clinton?

di Federico Pieraccini   Come mai i giornalisti della ABC, NBC, CNN, NYTimes, Washington Post, Wall Street Journal, Le Monde, Independent, BBC, El Pais, Repubblica e Corriere non indagano sui...
Notizia del:     Fonte: Al Manar.fr

Yemen: Le forze popolari lanciano un missile balistico contro l'aeroporto saudita di Jeddah. L'Algeria ha rifiutato una richiesta dell'Arabia Saudita

Le forze yemenite hanno annunciato che tra ieri notte e questa mattina un'unità dell'esercito e le forze popolari Ansarullah hanno lanciato un missile di tipo balistico Borkane 1 contro l'aeroporto Abdul Aziz nella città saudita nord Jeddah.

La coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha riconosciuto che è l'aeroporto è stato preso...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Assad: Il terrorismo è un "gioco politico" contro i paesi indipendenti

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha descritto il terrorismo come un "gioco politico" che mira a destabilizzare i paesi indipendenti.

"Il terrorismo non è più un fenomeno locale, piuttosto è parte di un gioco politico...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Zimbabwe: Mugabe annuncia dimissioni

La notizia sarebbe stata accolta con giubilo dai parlamentari riuniti presso l’Assemblea ad Harare

  Altro colpo di scena in Zimbabwe dove lo scenario politico sembra essere in continuo divenire. Questa volta...
Notizia del:

Lugansk: arresti ai vertici dell'intelligence della LNR

Uomini armati del Berkut e di altri non meglio precisati reparti delle forze armate della Repubblica popolare stanno presidiando gli edifici e le aree attigue al Ministero degli Interni

di Fabrizio Poggi Situazione non esattamente chiara in queste ore a Lugansk. Uomini armati del Berkut e...
Notizia del:

Vladimiro Giacché: "Angela Merkel paga per il populismo che ha alimentato"

"E' il momento di iniziare ad avere uno sguardo un po' più sobrio e disincantato su questa Unione Europea dalle regole così asimmetriche e caratterizzata da processi di decisione così poco democratici e trasparenti."

Sul futuro della Germania abbiamo pubblicato ieri questa analisi approfondita di Federico Nero che vi invitiamo...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Notizia del:

Parag Khanna, le profezie del "filosofo" glamour che piace ai governi

Parag Khanna, filosofo della politica, esperto di relazioni internazionali, afferma che tra 30 anni il mondo sarà dominato da città-stato, megalopoli interconnesse tra di loro (ma non lo...
Notizia del:     Fonte: http://kremlin.ru

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica

Putin ha ricevuto oggi il suo omologo siriano, Bashar al-Asad, a Sochi e si è congratulato con lui per la fine dell'operazione militare contro il terrorismo nel paese arabo.

"Voglio congratularmi con voi per i risultati ottenuti dalla Siria nella lotta contro il terrorismo. (...)...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa