/ Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 solda...

Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 soldati italiani in Niger? E, soprattutto, perché?

 Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 soldati italiani in Niger? E, soprattutto, perché?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 soldati italiani in Niger? E, soprattutto, perché? Vero che la scandalosa “Legge quadro sulle missioni militari all’estero” rende possibili missioni militari sulla base di non meglio precisati “accordi intergovernativi”. Ma - al di là di un ancora enigmatico “accordo di cooperazione” firmato tra Italia e Niger il 27 settembre- che ci vanno a fare i militari italiani in Niger? Ce lo illustra un articolo di Repubblica, significativamente titolato “Soldati italiani in Niger non solo per addestrare”: combattere il terrorismo jihadista e stroncare la tratta dei migranti che dal Niger arrivano in Libia e, quindi, in Italia.




Certo, se proprio si vuole ricorrere alle armi per combattere il terrorismo, si potrebbe invadere - poniamo – l’Arabia Saudita o il Qatar che da anni finanziano l’ISIS. Ma soffermiamoci sulla tratta dei migranti da sconfiggere con una operazione militare: “soluzione” certamente già attuata da Minniti accordandosi con gli efferati “ribelli di Misurata”. Un accordo che suscitò – oltre a sbalorditivi consensi  – le proteste di tanti “no border” che, comunque,  si limitavano a denunciare (magari affidandosi a qualche bufala) le brutalità legate a quell’accordo, guardandosi bene dal chiedere qualcosa di diverso da quello che proponeva Soros e le sue ONG.


Oggi con un (primo?) contingente militare italiano in partenza per una nuova guerra, la situazione è ancora più tragica. C’è il rischio, infatti, che tutta la xenofobia alimentata da centinaia di migliaia di migranti sbarcati sulle nostre coste (e che non è più possibile – furbescamente - lasciar defluire in altri paesi europei) alimenti un movimento di massa A FAVORE DELLA GUERRA.


C’è, quindi, un assoluto bisogno – oltre ad una mobilitazione contro la missione militare in Niger - di un ripensamento sul come affrontare il problema (non la “risorsa”) migranti. Che non può essere affrontato né con missioni militari né con un irresponsabile “accoglienza a braccia aperte”. Né limitandosi a denunciare le politiche di spoliazione di interi continenti  messe in atto dal Capitale, né illudendosi di potere “blindare le frontiere” con qualche dispiegamento militare .


Cioè? Intanto, espellendo subito chi non ha diritto ad alcuna “protezione umanitaria”, garantendo (con centri di identificazione localizzati all’estero ) una rapida cernita tra profughi e migranti economici; potenziando le commissioni sul diritto di asilo e gli (oramai agonizzanti) Ispettorati del Lavoro; evitando scelte sciagurate come lo Ius Soli…  “Proposte razziste”? Crediamo di no, Ma a queste accuse ci siamo abituati.

 

Francesco Santoianni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:

"Deserto rosso". Che faranno i militari italiani in Niger?

di Alessandro Avvisato* Mai fidarsi dei militari e dei governi? Mai! Il 18 maggio scorso così scriveva il Ministero della Difesa: “Il Ministero della Difesa smentisce le notizie relative...
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

"Non irragionevole". Se a cancellare i diritti costituzionali... è la Corte costituzionale!

Così le pensioni diventano il bancomat cui ogni governo può rivolgersi per far quadrare i suoi conti. E i diritti costituzionali vengono cancellati dalla stessa Corte che dovrebbe difenderli. Nel nome della Unione Europea e del suo Fiscal Compact. Anche su  questo L'11 novembre a Roma  dovremo portare  in piazza la verità.

di Giorgio Cremaschi Chi non ricorda  il pianto della ministra Fornero, quando nel 2011 il suo governo...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Gli USA amplieranno la loro presenza militare in Africa

Le forze armate statunitensi stanno cambiando la loro strategia anti-terrorismo in Africa e espanderanno le loro operazioni militari nel continente africano.

"L'esercito sta cambiando la sua strategia antiterrorismo per concentrarsi maggiormente sull'Africa,...
Notizia del:

Gentiloni sulla Catalogna: «Rispetto della Costituzione spagnola». E quella venezuelana?

Il Presidente del consiglio dei ministri ha evidenziato nuovamente la sua doppia morale

di Fabrizio Verde   «Gli eventi di ieri hanno attraversato la discussione di oggi, io mi limito...
Notizia del:     Fonte: http://www.conelmazodando.com.ve/

Anziani costretti a rovistare tra i rifiuti per mangiare. Venezuela? No, Italia!

Alcune donne anziane sono costrette dalla fame ha rovistare tra la spazzatura per procurarsi del cibo. Una barbarie. Siamo nella Caracas del tanto vituperato Maduro? No, siamo in Italia

  L’Impero ordina e i bravi soldatini eseguono. Così anche sul Venezuela la politica italiana...
Notizia del:     Fonte: http://contropiano.org/

Gentiloni fa il duro con Maduro

Il presidente del consiglio conto terzi, di uno Stato che “riconosce” cani e porci, che fa affari con monarchie assolute, riesce a dire che “non riconoscerà” un’Assemblea Costituente

da Contropiano   Sottoposto da giorni a una gragnuola di colpi sotto la cintura da parte di Macron (con...
Notizia del:

Caso Nola, La sanita' pubblica si salva solo mettendo in discussione l'euro

di Giorgio Cremaschi Ora sulla stampa c'è lo scandalo, il governo e la regione Campania mandano gli ispettori, ma è tutta ipocrisia. Si cerca di presentare la terribile condizione...
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Ex portavoce di Napolitano chiede "più fondi all'Ue contro le fake news"

Ce lo chiede l’Europa. E ce lo chiede anche Maurizio Caprara del Corriere della Sera che, dopo essere stato, per anni, portavoce di Napolitano, ora – comprensibilmente - si preoccupa delle...
Notizia del:

Repubblica e la propaganda per la Nato del Golfo con la bufala: "Le saudite ora vogliono guidare i taxi"

Diritti delle donne, Repubblica ed emiri del golfo

Coninua ad impazzare la, sempre più smaccata, campagna promozionale a favore degli emiri del Golfo condotta...
Notizia del:

Dalla documentazione su internet ai gattini. Breve guida per sopravvivere al "cambio di algoritmo" di Facebook

Piangono lacrime di coccodrillo i padroni di Internet e i loro sponsor. Ora ci fanno sapere che il nuovo corso dei Social per contrastare le famigerate “Fake news di Putin” sarebbe già...
Notizia del:

Ma la verità per Giulio Regeni Amnesty International la vuole veramente?

  Ma lo slogan della campagna di Amnesty International non era “Verità per Giulio Regeni”? Verrebbe da chiederselo davanti all’odierno tweet del portavoce di Amnesty International...
Notizia del:

Guerra e imperialismo. Lettera aperta alla Lista "Potere al Popolo"

Diffondo sul blog questa lettera della redazione di Sibialiria già pubblicata da quest'ultima. E' rivolta alla lista "Potere al popolo" sui temi della guerra e dell'imperialismo. F.S.  Cari...
Notizia del:

Repubblica, che figuraccia! Sull'Osservatorio siriano dei diritti umani ora cambia titolo e contenuti dell'articolo

  Un Annuario delle Figuracce della Stampa? Non sappiamo se esista, ma – se lo è - l’articolo double-face di Repubblica sull’Osservatorio dei diritti umani in Siria, certamente,...
Notizia del:

(VIDEO) Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili

Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili   F.S. **
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa