/ Vietnam e Cina: riavvicinamento in corso?

Vietnam e Cina: riavvicinamento in corso?

Vietnam e Cina: riavvicinamento in corso?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Daniele Cardetta

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cinese Xinhua nei giorni scorsi i rappresentanti dei Partiti Comunisti di Cina e Vietnam si sono incontrati a Pechino per discutere di diversi temi molto importanti dal punto di vista strategico. In particolare i due Paesi hanno discusso in modo approfondito anche delle dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale e avrebbero trovato una storica e importante intesa per espandere la cooperazione in diversi ambiti, non ultimo quello dell’esplorazione marittima.

Xi Jinping, presidente cinese e segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (CPC) ha discusso con il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista del Vietnam (CPV), Nguyen Phu Trong. L’esito dell’incontro sarebbe stato molto positivo per il riavvicinamento dei due paesi e Xi Jinping ha detto chiaramente che Pechino ritiene le relazioni con il Vietnam molto importanti dal punto di vista strategico e di sperare che i due paesi riusciranno a gestire le dispute territoriali in corso.

Xi Jinping avrebbe anche suggerito di cementare i legami con il Vietnam attraverso l’instaurazione di contatti più stretti tra le leadership politiche e i rispettivi partiti; in tal senso ha proposto di espandere la cooperazione nell’ambito militare e di sicurezza. Riguardo alle dispute marittime Xi Jinping ha anche inviato entrambe le parti in causa a incrementare la comunicazione così da lavorare insieme anche negli ambiti dell’esplorazione marittima e della cooperazione.
Si è trattato della prima visita di Nguyen Phu Trong in Cina da quanto è stato rieletto capo del CPV lo scorso gennaio e si è trattato anche della prima visita di un leader straniero in Cina nel 2017.

Attualmente la Cina ha delle importanti divergenze sui confini marittimi di alcune isole nel Mar Cinese Meridionale con diversi paesi vicini come Filippine, Giappone e appunto Vietnam. In passato Pechino aveva accusato proprio tali paesi di aver utilizzato deliberatamente il sostegno degli Stati Uniti per fare pressioni sulla Cina e aumentare le tensioni nella regione. La tensione rischia di aumentare con l’era di Donald Trump alla presidenza americana in quanto il tycoon ha da sempre fatto della conflittualità della Cina una delle sue bandiere.

Ecco quindi che una distensione tra Cina e Vietnam potrebbe allentare non poco la tensione in una delle zone più “calde” dello scacchiere globale, anche se chiaramente bisognerà aspettare un po’ prima di capire le future evoluzioni e se tali proclami si trasformeranno in iniziative concrete.

Gran parte delle dispute relative al Mar Cinese Meridionale risalgono all’immediato dopo guerra ma la situazione è tornata a preoccupare per la tenuta della pace globale solo a partire dal 2010.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:

L’uso fake dei diritti umani. La Cina si disciplina contro le interferenze Usa

  di Fabio Massimo Parenti - Marx21.it Xinjiang e Tibet Il 13 dicembre Human Right Watch, organizzazione con base a New York e sedi in mezzo mondo, ha rilasciato un rapporto sulla...
Notizia del:

Altro colpo mortale all'egemonia del dollaro? Cina e Pakistan da oggi lo sostituiscono con lo yuan

La Banca centrale del Pakistan ha concordato martedì di sostituire il dollaro USA con lo yuan per gli scambi bilaterali con la Cina. Si tratta di una decisione che potrebbe acellerare la fine dell'egemonia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La Francia si muove verso Cina e Russia?

Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, l’intenzione di intensificare le relazioni commerciali con Russia e Cina

  Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha mostrato la sua volontà...
Notizia del:

Pechino verso un nuovo 'soft power'?

  di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it La Cina “globale” ha prestato sempre più attenzione alla sua immagine, alla diffusione e alla promozione della propria cultura,...
Notizia del:     Fonte: SANA - Telesur

L'agenzia siriana SANA smentisce Sputnik sull'arrivo di truppe cinesi in Siria

Con un comunicato, l'agenzia statale siriana, SANA, ribadisce di non essere la fonte della notizia circa l'arrivo di truppe cinesi nel paese arabo.

All'inizio di questa settimana, era stata diffusa da diverse agenzie di stampa la notizia circa lo schieramento...
Notizia del:     Fonte: Xinhua

La Cina sostiene uno Stato palestinese indipendente con capitale Gerusalemme Est

La Cina ha ribadito che difende la creazione di uno Stato indipendente di Palestina secondo i confini del 1967 e con Al-Quds (Gerusalemme) Est come capitale.

"La Cina sostiene la fondazione di uno Stato indipendente di Palestina con una sovranità totale basata...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:     Fonte: Aporrea

La Cina sottolinea l'importanza della stabilità del Venezuela

  La Cina ha sottolineato oggi che le elezioni municipali in Venezuela che hanno dato la vittoria al governo si sono tenute "senza contrattempi” ed ha assicurato che la stabilità...
Notizia del:

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

  di Cui Hongjian* - Global Times Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

La cripta che custodisce il sonno della SPD

di Fabrizio Poggi   Tiene banco il congresso della SPD, svoltosi ieri a Bonn e in cui il 56,4% dei delegati (contrari, per lo più, i “Juso”, i giovani socialisti di Kevin...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:

Il pensiero dell'establishment sul Corriere: via libera dei mercati ai normalizzati Salvini e Meloni

di Dante Barontini* Da tempo immemorabile, se uno vuol capire cosa sta covando nei “salotti importanti” dell’establishment nazionale, bisogna leggere con attenzione il Corriere...
Notizia del:

GUERRA NUCLEARE IL GIORNO PRIMA - Da Hiroshima a oggi:  chi e come ci porta alla catastrofe

  di Manlio Dinucci      La lancetta dell’«Orologio dell’Apocalisse» – il segnatempo che sul Bollettino degli Scienziati Atomici statunitensi indica...
Notizia del:

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35 pattugliassero il confine con l’Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera?

Per dislocare in Estonia gli 8 cacciabombardieri, con un personale di 250 uomini, si spendono (con denaro proveniente dalle casse pubbliche italiane) 12,5 milioni di euro da gennaio a settembre

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 16 gennaio 2018 Che cosa avverrebbe se caccia russi...
Notizia del:

Business is business. Gli affari russi di Poroshenko e quelli degli oligarchi russi negli Usa

"Ancora una volta, che sia a ovest o a est del Dnepr, pecunia non olet."

  di Fabrizio Poggi    Colleghi, amici, mogli o mariti, avventori di bar, postini, sorpresi...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il vero libro esplosivo è a firma Trump 

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 9 gennaio 2018              Tutti parlano del libro esplosivo su Trump, con rivelazioni sensazionali di come Donald...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa