/ 11,000 esperti propongono la "soluzione finale" contro il Global ...

11,000 esperti propongono la "soluzione finale" contro il Global Warming: la riduzione della popolazione mondiale

 

Quarant'anni fa, gli scienziati di 50 nazioni si sono riuniti a Ginevra per discutere di quello che allora era chiamato il "problema CO2-clima". All'epoca, facendo affidamento sui combustibili fossili che avevano contribuito a scatenare la crisi petrolifera del 1979, avevano indicato come il riscaldamento globale sarebbe diventato grande sfida ambientale.

 
"Ora, quattro decenni dopo, un gruppo più ampio di scienziati sta suonando un altro, allarme molto più urgente", secondo Bloomberg. Oltre 11.000 esperti da tutto il mondo si sono uniti per chiedere soluzioni per “l’emergenza climatica", compreso il controllo della popolazione - che "deve essere stabilizzato - e, idealmente, gradualmente ridotto - in un quadro che garantisce l'integrità sociale".
 


 

"Dichiariamo, con oltre 11.000 scienziati firmatari di tutto il mondo, chiaramente e inequivocabilmente che il pianeta Terra sta affrontando un'emergenza climatica", hanno avvertito gli scienziati nell'edizione di martedì di BioScience, in un rapporto che include molte carte spaventose.
 

La soluzione? Meno persone!
 

Se assorbiti in sequenza, i grafici tracciano una tendenza devastante per la salute del pianeta.
Dal consumo di carne, dalle emissioni di gas serra e dalla perdita di ghiaccio fino all'innalzamento del livello del mare e agli eventi meteorologici estremi, presentano un triste ritratto di 40 anni di opportunità sprecate.

 
Gli scienziati fanno appelli specifici ai responsabili delle politiche affinché attuino rapidamente cambiamenti sistemici nelle politiche energetiche, alimentari ed economiche. Ma fanno un ulteriore passo avanti, chiedendo alla politica di attuare il controllo della popolazione. "Deve essere stabilizzato il numero delle persone - e, idealmente, gradualmente ridotto - all'interno di un quadro che garantisca l'integrità sociale", scrivono nella lettera come riporta Bloomberg.

 
"Siamo incoraggiati da un recente aumento di preoccupazione", si legge nella lettera. "Gli enti governativi stanno facendo dichiarazioni sull’emergenza climatica. Gli alunni sono allarmati. Le cause per ecocidio stanno procedendo in tribunale. I movimenti di cittadini di base chiedono il cambiamento e molti paesi, stati e province, città e imprese stanno rispondendo." 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa