19FortyFive ha parlato del ruolo misterioso del caccia stealth russo Su-57 in Ucraina

19FortyFive ha parlato del ruolo misterioso del caccia stealth russo Su-57 in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Russia sta utilizzando i poderosi caccia stealth Su-57, fiore all’occhiello dell’aviazione militare di Mosca, nell’operazione militare speciale in Ucraina per difendere il Donbass, smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev?

Secondo gli analisti del portale specializzato statunitense 19FortyFive, il caccia stealth russo Su-57 sta svolgendo un ruolo misterioso e non ancora del tutto chiaro. 

Gli autori dell'articolo hanno ricordato che il generale Sergei Surovikin, comandante del gruppo congiunto di truppe nell'area dell’operazione militare, ha recentemente confermato il fatto che i caccia russi di nuova generazione stanno prendendo parte all’operazione speciale. Tuttavia, quale sia il ruolo svolto è ancora sconosciuto.

"Questa è una domanda molto popolare tra analisti e osservatori militari", si legge nell'articolo 19FortyFive. 

Gli esperti ritengono che la Russia stia utilizzando il caccia Su-57 con estrema cautela ed è probabile che il caccia stia conducendo le sue manovre al di fuori del raggio delle difese aeree ucraine.

Gli analisti hanno anche sottolineato che, nonostante il mistero sui compiti e le missione svolte con i caccia Su-57 in Ucraina, qualsiasi dichiarazione della Russia su questo argomento dovrebbe essere presa il più seriamente possibile.

"Il caccia stealth è ancora un mistero e aspetteremo maggiori dettagli", hanno affermato gli analisti a 19FortyFive. 

Secondo il portale russo specializzato Topwar sono state confermate le informazioni sull'utilizzo di caccia Su-57 di quinta generazione delle Forze aerospaziali russe in Ucraina. 

Topwar riferisce che sarebbero quattro i caccia utilizzati da Mosca, e che questi sono stati combinati in una rete tattica informativa. 

L'integrazione nella rete informativa del collegamento Su-57 è stata possibile grazie all'automazione dei sistemi di comunicazione e trasmissione dati, nonché alla navigazione e al riconoscimento in tempo reale. I quattro caccia di quinta generazione sono stati utilizzati per distruggere i mezzi di difesa aerea dell'Ucraina che hanno individuato.

Come riportato, durante l'uso in combattimento del Su-57 in Ucraina, sono state confermate le caratteristiche stealth di questi caccia - bassi indicatori di visibilità radar.

Le capacità dei Su-57 di distruggere gli obiettivi sono tali da poter sferrare colpi efficaci senza entrare nell'area interessata dalla difesa aerea.

Al momento non è dato sapere quali siano le munizioni dell'aviazione (missili) utilizzate dagli ultimi caccia russi.

Vale la pena notare che al momento nessuno dei briefing del Ministero della Difesa russo riporta il coinvolgimento del Su-57 in un'operazione speciale in Ucraina. 

Già in passato erano state diffuse informazioni sull'impiego del Su-57 durante l'operazione in Siria. 

L’analista militare indipendente Drago Bosnic su Infobrics scrive: “Sebbene per far brillare davvero il Su-57 sia necessario un avversario quasi alla pari, una situazione che speriamo di evitare, l'operazione militare speciale della Russia in Ucraina offre molte più opportunità e opzioni per il jet avanzato, anche se la fatiscente forza aerea ucraina ha reso l'uso del Su-35 un ‘eccesso’. D'altra parte, l'Ucraina ha, o più precisamente aveva, una delle reti di difesa aerea più grandi e avanzate d'Europa, se non del mondo. Avendo ereditato circa il 30% dell'imponente esercito sovietico, di gran lunga la più grande e potente forza armata della storia dell'uomo, con un'attenzione particolare ai sistemi avanzati di difesa aerea, l'Ucraina era dotata di sistemi che spaziavano dallo Strela-10 a corto raggio a varie modifiche dell'S-300, un tempo inarrivabile”.

In un tale complicato scenario, continua l’analisi di Bosnic, “l’esercito russo è riuscito a ottenere una superiorità aerea quasi assoluta in pochi giorni. Alla fine di febbraio, avevamo numerose fonti e video che mostravano l'utilizzo di quasi tutti i tipi di aerei russi, tranne uno: l’Su-57. A parte un caso in cui un cacciabombardiere Su-34 è stato scambiato per un caccia Su-57, quest'ultimo non è mai stato confermato come partecipante all'operazione speciale. Tuttavia, le fonti più recenti confermano che il jet non è solo operativo in Ucraina, ma lo è almeno dall'11 marzo, o forse addirittura dal 24 febbraio. Sebbene il numero di caccia Su-57 operativi non abbia ancora raggiunto uno squadrone completo, ce ne sono ancora abbastanza per essere utilizzati in Ucraina.

In che modo esattamente l'esercito russo potrebbe utilizzare l’Su-57? Un'intera analisi separata richiederebbe la scomposizione delle capacità del jet, quindi, a parte alcuni dettagli, non sarà questo l'obiettivo del nostro interesse in questo caso. Come è noto, l’Su-57 è un jet di quinta generazione, anche se già ora trascende questa denominazione, ma quasi completamente con il nuovo Su-57M che è nelle fasi finali di sviluppo. Le sue capacità includono stealth/LO (bassa osservabilità), sensori avanzati e sensor fusion, nuova avionica, nuovi radar, volo senza equipaggio, armi a energia diretta e ipersoniche, oltre a molte altre cose. Nonostante queste qualità che praticamente nessun altro jet possiede, il caccia Su-57 è significativamente meno costoso delle sue controparti occidentali, con minori sforzi logistici e una manutenzione più semplice.

Naturalmente, il rischio che il jet venga abbattuto è sempre presente, come nel caso dell'F-117A statunitense, abbattuto sopra la Serbia, considerato all'epoca l'apice dell'ingegneria aeronautica. Ma è un rischio che vale la pena correre, perché la Russia sta respingendo la bellicosa "alleanza difensiva" che sta invadendo i suoi confini. Per impedire un ulteriore armamento del regime di Kiev, le forze aerospaziali russe (VKS) stanno prendendo di mira le spedizioni di armi occidentali e le concentrazioni di truppe del regime di Kiev. Il caccia Su-57 utilizza i suoi sensori avanzati per trasmettere informazioni ad altre piattaforme meno avanzate, come l’Su-34 e l’Su-30SM. In questo modo, il VKS ottiene dati ISR (intelligence, sorveglianza e ricognizione) di prim'ordine, senza rischiare altri mezzi più vulnerabili.

Oltre a fornire informazioni vitali sul campo di battaglia, il caccia Su-57 può anche utilizzare una pletora di armi avanzate, soprattutto nelle missioni SEAD (soppressione delle difese aeree nemiche), che sono ancora di vitale importanza, dal momento che le forze del regime di Kiev gestiscono ancora molti sistemi di difesa aerea e ne ricevono attivamente di nuovi dall'Occidente politico. L’Su-57 può utilizzare le armi terra-aria Kh-38M (compresa la sua variante Kh-36) (sia in versione missile che in versione bomba guidata), così come i missili da crociera Kh-59 (tutte le sue varianti). Quest'ultimo è particolarmente utile, poiché è più economico dell'ormai leggendario missile da crociera "Kalibr" utilizzato dalla Marina russa.

Inoltre, il caccia Su-57 può trasportare 4-6 missili di questo tipo nel suo vano armi interno. Inoltre, c'è il missile antiradiazioni ad alta velocità Kh-58, una versione speciale del quale è stata modificata per essere trasportata dall’Su-57. Il missile è di importanza cruciale per distruggere l'estesa rete radar delle forze del regime di Kiev, utilizzata per l'osservazione e l'acquisizione di bersagli per i suoi sistemi di difesa aerea a medio e lungo raggio.

In conclusione, il caccia Su-57 nella sua piena potenza è certamente un "overkill", anche contro un Paese come l'Ucraina. Tuttavia, il conflitto offre anche quella che potrebbe essere un'opportunità unica nella vita per queste piattaforme avanzate di essere testate, migliorate o di risolvere eventuali problemi”.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente