World Affairs/Andre Vltchek - "Il mondo non può respirare" schiacciato dagli St...

Andre Vltchek - "Il mondo non può respirare" schiacciato dagli Stati Uniti

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Andre Vltchek*

  
Più di due secoli di bugie vengono smascherate. Storie bizzarre sulla libertà e sulla democrazia stanno crollando come castelli di carte.
 
La morte di un uomo scatena una valanga di rabbia in coloro che per anni, decenni e secoli sono stati umiliati, schiacciati e sterminati.
 
Accade sempre così nella storia dell'umanità: una sola morte, una sola "ultima goccia", un evento che innesca un'intera catena di eventi e all'improvviso nulla è più lo stesso. Niente può essere lo stesso. Ciò che sembrava inimmaginabile proprio ieri, diventa "la nuova normalità" letteralmente dall'oggi al domani.
 
*
 
Per più di due secoli, il paese che si definisce l'apice della libertà, è stato in realtà il contrario assoluto di quello; l'epicentro della brutalità e del terrore.
 
 
Sin dalla sua nascita, per "pulire lo spazio" lasciato dai suoi brutali e spietati coloni europei, ha sistematicamente liquidato la popolazione locale del continente, in quello che potrebbe essere facilmente descritto come uno dei genocidi più oltraggiosi della storia umana.
 
Quando i bianchi volevano la terra, la prendevano. In Nord America o in qualsiasi parte del mondo. In quelli che oggi sono gli Stati Uniti d'America, milioni di "indigeni" sono stati assassinati, infettati con malattie mortali di proposito o sterminati in vari modi. La grande maggioranza dei proprietari legittimi e originali della terra, è scomparsa. Il resto è stato rinchiuso in "riserve".
 
Allo stesso tempo, la "Land Of The Free" prosperava sulla schiavitù. Le potenze colonialiste europee hanno letteralmente cacciato esseri umani in tutto il continente africano, mettendoli su navi come animali, per soddisfare la domanda di lavoro gratuito nelle piantagioni del Nord e del Sud America. Il colonialista europeo, mano nella mano, ha collaborato, commettendo crimini, in tutte le parti del mondo.
 
Cosa sono veramente gli Stati Uniti? Qualcuno si sta chiedendo oggi, indagando le sue radici? Che dire, una risposta semplice e onesta: gli Stati Uniti sono essenzialmente la progenie sviluppata della cultura colonialista europea, del suo eccezionalismo, razzismo e barbarie.
 
Ancora una volta, riportiamo fatti semblici: enormi porzioni degli Stati Uniti sono state costruite sulla schiavitù, attraverso schiavi umiliati, violentati, torturati, assassinati. Oh, che modo mostruoso di scrivere i primi capitoli della storia del Paese!
 
Gli Stati Uniti, un paese di libertà? Per chi? Sul serio! Per i bianchi cristiani?
 
Com'è contorta la narrazione! Non c'è da meravigliarsi che la nostra umanità sia diventata così perversa, così immorale, così persa e confusa, dopo essere stata plasmata da una narrazione che è stata fabbricata da un paese che ha sterminato la grande maggioranza dei suoi figli e figlie nativi, mentre si è arricchita follemente grazie a inimmaginabile furto, omicidio di massa, schiavitù e in seguito - la semi-schiavitù della selvaggia dittatura corporativa!
 
La brutalità endemica e istituzionalizzata in patria alla fine si estese a tutte le parti del pianeta. Ora, per molti decenni, gli Stati Uniti hanno trattato il mondo intero come si comportavano con i suoi schiavi. Cosa offre a tutti noi: guerre costanti, occupazioni, spedizioni punitive, colpi di stato, omicidi regolari di leader progressisti, nonché un completo saccheggio corporativo. Centinaia di milioni di persone sono state sacrificate sul grottesco altare degli Stati Uniti di "libertà" e "democrazia".
 
Libertà e democrazia, davvero?
 
O forse solo genocidio, schiavitù, paura e violazione di tutti quei meravigliosi e naturali sogni umani e della dignità umana?
 
*
 
Poi una sola morte di un uomo il cui collo è stato schiacciato dal ginocchio di uno spietato poliziotto. E il paese è esploso. Centinaia di migliaia di combattenti e attivisti per la democrazia stanno ora inondando le strade di Minneapolis, Washington DC, New York City, Atlanta, Los Angeles e altre città degli Stati Uniti.
 
La morte del signor George Floyd è un simbolo, in realtà, poiché i neri vengono uccisi nel modo più spregevole, quasi ogni giorno. Da gennaio 201, per fare solo un esempio, 1.250 cittadini afroamericani sono stati uccisi dalla polizia, nei nostri democratici Stati Uniti.
 
Nel "Paese della libertà", 2,3 milioni di esseri umani stanno marcendo vivi nelle prigioni sempre più privatizzate. Il tasso di prigionieri negli Stati Uniti è il più alto del mondo. Tenere le persone dietro le sbarre è un grande affare. Le minoranze formano una percentuale sproporzionatamente alta di detenuti.
 
 
*
 
E non è tutto. In realtà, il mondo intero è già diventato un'enorme prigione. Guardati intorno: l'intero pianeta è ora monitorato, sorvegliato in quel modo molto speciale e accurate tipico degli Stati Uniti; sorvegliato, brutalizzato e se osi protestare - castigato senza pietà.
 
I termini essenziali sono tutti contorti. Il paese che abusa della propria gente, così come il mondo intero, è definito dai suoi mass media corporativi e dal suo sistema di propaganda, come "libero" e "democratico". Quelle nazioni che stanno difendendo il proprio popolo dal brutale diktat dell'impero, vengono insultate, chiamate "regimi" e "dittature".
 
Ho già descritto questa follia nel mio libro di 800 pagine, "Exposing Lies of the Empire", dopo aver assistito ad alcune delle tendenze più mortali diffuse dagli Stati Uniti in circa 160 paesi.
 
L'omicidio di George Floyd ha scatenato la resistenza; ha aperto molti occhi. Negli Stati Uniti e ovunque. Il signor Floyd, afro-americani, nativi americani e altre persone oppresse negli Stati Uniti sono fratelli e sorelle di quei miliardi di uomini e donne che oggi sono colonizzati, brutalizzati e assassinati dall'Impero, in tutto il mondo.
 
Che questo sia l'inizio di una nuova ondata della lotta di liberazione globale!
 
Ora sempre più persone possono finalmente vedere ciò che pochi di noi hanno ripetuto per anni: il mondo intero ha il collo schiacciato dallo stivale degli Stati Uniti. Il mondo intero "non riesce a respirare"! E il mondo intero deve lottare per il suo diritto di poter respirare!
 
 
 
* Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Six of his latest books are “New Capital of Indonesia”, “China Belt and Road Initiative”, China and Ecological Civilization” with John B. Cobb, Jr., “Revolutionary Optimism, Western Nihilism”, the revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his ground-breaking documentary about Rwanda and DR Congo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and Latin America, and continues to work around the world. He can be reached through his website, his Twitter and his Patreon.
 
 
(Traduzione de l'AntiDiplomatico)
 
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa