Attentato Kabul, testimoni oculari alla BBC: Civili uccisi nel caos da forze USA

Attentato Kabul, testimoni oculari alla BBC: Civili uccisi nel caos da forze USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo la BBC, alcune delle decine di civili uccisi in un'esplosione suicida fuori dall'aeroporto di Kabul potrebbero essere state colpite da soldati statunitensi nel caos causato dall'esplosione mortale.

Testimoni oculari sopravvissuti all'attacco di giovedì, che ha causato almeno 95 vittime e 150 feriti, hanno raccontato all'emittente pubblica britannica che non tutti i morti quel giorno erano stati uccisi dall'attentatore suicida. 

Mohammed, un tassista londinese, si era recato a Kabul per aiutare la sua famiglia a garantire un passaggio sicuro fuori dalla capitale afghana. Lui e sua moglie sono stati uccisi nell'esplosione fuori dall'Abbey Gate dell'aeroporto, mentre due dei loro figli rimangono dispersi. Suo fratello e altri intervistati dal corrispondente della BBC a Kabul hanno affermato che la loro famiglia e i loro parenti non sono stati uccisi nell'esplosione, ma da colpi di arma da fuoco nella conseguente "confusione". Il fratello di Mohammed ha affermato che il fuoco proveniva dalla direzione in cui erano di stanza i soldati statunitensi a guardia del perimetro dell'aeroporto.

Un afghano parlando con la BBC ha riferito che un civile che aveva lavorato con le forze americane è stato colpito a morte da soldati stranieri dopo l'esplosione. 

“Il ragazzo [aveva] servito [l']esercito americano per anni. E il motivo per cui ha perso la vita è che non è stato ucciso dai talebani. Non è stato ucciso dall'Isis" , ha detto l'uomo, aggiungendo che la vittima è stata trovata con un foro di proiettile in testa senza altre ferite. 

Il Pentagono non ha commentato quando è stato contattato dalla BBC. 

 

 

L'attentato di giovedì è arrivato pochi giorni prima della scadenza degli Stati Uniti per lasciare l'Afghanistan il 31 agosto. Lo Stato Islamico, ISIS ha rivendicato la responsabilità dell'attacco, che ha causato la morte di 13 membri del servizio statunitense e più di una dozzina di feriti.

Ieri, il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha dichiarato che due cittadini britannici e un figlio di un altro cittadino britannico sono stati uccisi nell'attentato suicida. Inizialmente si credeva che l'attacco avesse coinvolto una seconda esplosione nel vicino Baron Hotel, ma in seguito il Pentagono ha chiarito che c'era stata una sola esplosione.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti