/ Carlos Aznarez - Ecuador: Lenin contro Lenin

Carlos Aznarez - Ecuador: Lenin contro Lenin

 


di Carlos Aznarez - teleSUR
 

L'insurrezione è sempre stata un'arma dei popoli umili, di quei dannati della terra di cui parlava Frantz Fannon. È un'alternativa necessaria e uno specchio in cui bisogna necessariamente guardare, quando arriva il momento in cui le possibilità di dialogo con quelli che stanno in alto sono esaurite e quelli in basso si spostano a sinistra. Un giorno, gli umiliati e gli espropriati vengono piantati e gridano con forza "basta!" E da quel momento tutto diventa possibile, fino alla presa del potere.

 

In termini di pratica politica, significa anche che la lotta di classe sembra occupare un posto preponderante e non importa quanto tu voglia nasconderlo, esplode con piena forza e tocca le basi dei "palazzi d’inverno”. Questo è esattamente ciò che sta accadendo oggi in Ecuador. Il non parlare chiaro, le scuse e le menzogne ??con cui il governo Lenin Moreno ha cercato di "trovare il tempo", mentre preparava il pacchetto di misure imposte dal Fondo Monetario Internazionale, erano finiti. Ciò significa che quando arriva il momento, coloro ai quali viene venduta l'anima, chiedono si paghi dazio e non esitano a iniziare ciò che è stato concordato. Inginocchiato, sottomesso e vergognosamente rimosso dai suoi principi (se mai li avesse avuti), Moreno esegue ciò che Washington gli ordina e se deve uccidere, uccide con totale impunità. A volte viene fatto con proiettili (Haiti è un esempio simile) e altri, come in Argentina e in Brasile, aggiungono anche l'agonia causata dalla disoccupazione, dalla povertà estrema, dalla perdita della sovranità.

 

Tuttavia, il popolo ecuadoriano è un osso duro. Per cose come queste che accadono oggi, ha già rovesciato diversi governanti, altrettanto corrotti e criminali come il già citato Moreno. L'ultimo di questi, fu Lucio Gutiérrez che perse, sottoponendosi all'impero e ai suoi dettami, la possibilità di guidare una rivoluzione operaio-indigena e contadina, e concluse bruscamente la sua amministrazione, come un fante della borghesia, nel mezzo di una grande rivolta popolare che ha causato la sua fuga attraverso i tetti del Palazzo del Governo, dove è partito per sempre, salendo su un elicottero. Qualcosa che Moreno doveva sicuramente avere nella sua memoria, quando ha deciso bruscamente di spostare il Palazzo del Governo da Quito a Guayaquil, nel calore dell'avamposto dei manifestanti che iniziarono a circondare il Palazzo Carondelet.

 

Ora, le carte sono segnate per questo pessimo governante, poiché decine di migliaia di indigeni, lavoratori, studenti occuperanno Quito e anche Guayaquil, chiedendo non solo l'abrogazione del pacchetto fondomonetarista, ma che vada via chi ha ordinato di sparare contro il popolo, chi ha assicurato l'impunità della polizia che ha lanciato tre giovani manifestanti dal ponte di San Roque, nel centro storico di Quito.

Quell'uomo che arrivò al governo grazie all'ingenuità di Rafael Correa e poi lo tradì come un volgare Giuda.

 

D'altro canto, la rivolta popolare e la conseguente marcia contadina-indigena hanno generato una corrente di simpatia in tutti i villaggi attraverso i quali sta passando. Magari per questo anche i più timidi o non impegnati scendono in piazza per dimostrare di essere disposti a essere protagonisti di questo momento storico. Lo fanno con la gioia che deriva dall'unirsi ai loro coetanei, cantando gli slogan del momento e dimostrandosi l'un l'altro che "el pueblo unido jamás será vencido". Ma anche, con abbastanza rabbia che consente loro di essere convinti che è tempo di porre fine a quei politici che sostengono una democrazia borghese con la quale li ingannano ogni quattro o cinque anni.

 

Questo è il motivo per cui non è strano che, almeno gli indigeni della Conaie e gli operai della FUT aggiungano nei loro canti il ??noto "que se vayan todos". Perché ciò accada davvero, dobbiamo avere alternative che non conducano un’eventuale vittoria in un vicolo cieco, dove altri che non rappresentano i loro interessi, rimangono - come è successo tante volte - con il guadagno di molte lotte e sacrifici. Questo e altri problemi simili, è ciò che ora, saranno probabilmente in discussione tra gli eventi in questa gigantesca città in cui, tra l'altro, l'eredità del vero Lenin, l'illuminatore di così tante battaglie del proletariato universale, e anche quella del comandante Guevara, può aiutare a sconfiggere questa caricatura di governante cipayo che non solo non è stato fedele al suo nome, ma a causa della sua avidità e sottomissione all'Impero, vuole condannare il suo popolo alla miseria, causandogli il maggior dolore possibile.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa