DIFESA E INTELLIGENCE/Covid-19 rallenta la produzione dei caccia F-35 USA. Intanto la T...

Covid-19 rallenta la produzione dei caccia F-35 USA. Intanto la Turchia esclusa dal programma continua a produrre componenti

 

Il coronavirus mette in difficoltà Lockheed Martin. L’azienda statunitense, colosso nel settore difesa, non riuscirà a consegnare nei tempi previsti i caccia F-35 a causa dei ritardi accumulati nel processo di produzione. 

 

Come riporta il quotidiano Daily Sabah, il capo della Presidenza delle industrie della difesa (SSB), Ismail Demir, la Turchia nonostante quasi un anno fa sia stata sospesa dal programma ha continuato “la partnership di produzione”. Diverse e importanti sono le componenti del caccia stealth nordamericano che vengono prodotte in Turchia. 

 

Lockheed Martin ha dichiarato che rallenterà la produzione dei caccia da combattimento stealth F-35 nella sua struttura in Texas, probabilmente ritardando la consegna di 18-24 aerei a causa di una carenza di parti poiché il coronavirus ostacola la produzione. 

 

Greg Ulmer, che gestisce il programma F-35 di Lockheed Martin, ha dichiarato a Reuters in un'intervista: “Rallenteremo il tasso di produzione per circa due o tre mesi".

 

Il rallentamento è iniziato all'inizio di aprile, quando i fornitori europei hanno cominciato a risentire dell'impatto del coronavirus. Più tardi, i fornitori negli Stati Uniti sono stati colpiti, ha detto Ulmer.

 

Nel frattempo, parlando a un panel in videoconferenza tenuto dalla Defense Technologies Engineering and Trade Inc. (STM) con la partecipazione dei principali responsabili delle società di difesa in Turchia, Demir ha osservato sulla questione dell'F-35 che "i movimenti unilaterali relativi alla partnership non sono legali, né sono ragionevoli”. 

 

Demir ha sostenuto che quando si considera l'intera struttura di partenariato tra la Turchia e gli Stati Uniti, non vi è alcuna base per fare un simile passo sul programma F-35 dando la scusa degli acquisti di S-400 da parte della Turchia.

 

Il presidente della difesa ha inoltre affermato che l’esclusione della Turchia dal programma comporterà un costo aggiuntivo di circa $ 8 milioni a $ 10 milioni per jet.

 

Nel suo ultimo rapporto annuale, il Government Accountability Office (GAO) del Congresso degli Stati Uniti ha anche avvertito che la decisione degli Stati Uniti di espellere la Turchia dal programma probabilmente aggraverà la sua catena di fornitura già assediata poiché alcuni fornitori hanno lottato per soddisfare le crescenti richieste di produzione già nel 2019.

 

Il GAO ha inoltre osservato che circa 7.000 dei suoi "10.000 processi chiave" dei suoi oltre 10.000 appaltatori di servizi di trasporto aereo "non soddisfano gli standard di progettazione predefiniti per garantire la qualità del prodotto" e continua a far fronte a carenze di approvvigionamento che potrebbero essere esacerbate dalla rimozione della Turchia.

 

"Il programma ha identificato nuove fonti per 1.005 parti prodotte da fornitori turchi, ma sta valutando l'effetto di 15 parti chiave attualmente non prodotte al tasso di produzione necessario”.

 

Ankara aveva ordinato più di 100 dei caccia stealth, e anche le compagnie di difesa turche erano coinvolte nella costruzione dei jet, producendo alcuni dei componenti fondamentali per l'aereo.

 

Nonostante il fatto che la Turchia abbia sottolineato che l'S-400 non sarebbe stato integrato nei sistemi NATO e quindi non costituiva alcuna minaccia per l'alleanza o i suoi armamenti, gli Stati Uniti hanno insistito sul fatto che il sistema russo non sia compatibile.

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa