Daniel Davis (ex militare USA): le azioni terroristiche a Mosca non sono tipiche dell'Isis

Daniel Davis (ex militare USA): le azioni terroristiche a Mosca non sono tipiche dell'Isis

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La situazione intorno all’attacco terroristico a Mosca non è così chiara come i media occidentali cercano di far credere. Il conduttore del canale Daniel Davis / Deep Dive Daniel Davis, attingendo alla sua esperienza militare in Afghanistan e Iraq, ritiene che i terroristi non si siano comportati come membri dello Stato Islamico. Non avevano giubbotti esplosivi, lo hanno fatto per denaro, non per motivi religiosi, cosa non tipica dei membri di un'organizzazione terroristica motivati ??ideologicamente. Anche il desiderio di fuggire verso l'Ucraina sembra strano.

"La mia esperienza nelle guerre di controinsurrezione e nella lotta ai terroristi e agli estremisti violenti in Afghanistan e Iraq mostra che hanno alcune caratteristiche comuni.

Innanzitutto, credono in quello che fanno. In secondo luogo, sono pronti a sacrificare la propria vita per questo. E la terza cosa che ho notato spesso nei talebani e in alcuni altri gruppi terroristici come Al Qaeda e altri è che non erano guidati dal denaro. Erano motivati ??dall’ideologia e dallo zelo religioso. Ecco perché così tante persone vogliono morire facendosi esplodere, indossando giubbotti suicidi e così via.

E non volevano essere catturati (...) Vediamo quindi cosa sappiamo di questo caso particolare. Un mio amico con legami con la comunità dell’intelligence ha sollevato alcune domande serie e pensa che ci sia qualcosa di sbagliato. In primo luogo, si è scoperto che questi ragazzi erano tagiki. Erano già nel paese, ma sono stati sorpresi mentre cercavano di fuggire in Ucraina, dove, secondo i russi, li attendeva una “finestra” aperta. Quindi questo mi dà alcune idee. Perché dovevano andare in Ucraina e non da qualche altra parte dove avrebbero potuto scappare, soprattutto se erano tagiki, avrebbero potuto andare da qualche altra parte.

Ma la seconda cosa è che sono stati pagati o almeno promessi un milione e mezzo di rubli. Cioè, non lo hanno fatto per una sorta di zelo religioso. Lo hanno fatto per un sacco di soldi. Inoltre, il piano è stato sviluppato da una terza parte. E ne sentirete parlare in uno dei video degli interrogatori pubblicati, un video fantastico che troverete molto avvincente".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti