Disputa territoriale sull'Essequibo: il Venezuela è stato privato di una parte significativa del suo territorio

Disputa territoriale sull'Essequibo: il Venezuela è stato privato di una parte significativa del suo territorio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La vicepresidente esecutiva della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha rilasciato un’intervista all’emittente teleSUR dedicata all’approfondimento della disputa territoriale tra Venezuela e Guyana sul territorio della Guayana Esequiba. 

L’intervista inizia introducendo l'argomento e ricordando che si tratta di una questione delicata per i venezuelani, in quanto si tratta di una questione di onore, patriottismo e identità nazionale. Delcy Rodriguez fornisce poi una panoramica della storia della disputa, affermando che il territorio è stato sottratto al Venezuela con l'inganno, la minaccia della forza e la manipolazione dei confini da parte del Regno Unito nel 1899.

Inoltre spiega che il Venezuela considera il territorio come proprio e ribadisce che gli è stato rubato. Descrive come la corona britannica si sia resa conto delle immense risorse naturali del territorio, in particolare dell'oro, e abbia deciso di appropriarsene. Rodriguez sostiene che né il Regno Unito né la Guyana hanno alcun titolo o diritto legittimo sul territorio e respinge i tentativi della Guyana di convalidare il lodo arbitrale di Parigi del 1899, nel quale il Venezuela ha subito una decisione avversa a causa di una frode. La dirigente bolivariana critica inoltre la Guyana per aver concesso concessioni nell'area marina contesa prima di aver risolto la disputa sulla terraferma.

Delcy Rodriguez evidenzia l'Accordo di Ginevra del 1966, che mira a risolvere la controversia, e cita la scoperta del 2015 di petrolio da parte della ExxonMobil nel territorio conteso, che sembra aver cambiato l'atteggiamento della Guyana nei confronti del Venezuela. La vicepresidente venezuelana suggerisce che il rifiuto della Guyana di impegnarsi in discussioni di buoni uffici sia coinciso con la scoperta del petrolio. Rodriguez evidenzia che il Venezuela è stato paziente e continua a sostenere una soluzione pratica e soddisfacente attraverso l'Accordo di Ginevra.

In questa intervista Delcy Rodriguez presenta il punto di vista del Venezuela sulla disputa territoriale, sottolineando il contesto storico, la rivendicazione del territorio e gli sforzi di Caracas per risolvere la questione con mezzi diplomatici.

Questi i punti principali toccati da Delcy Rodriguez:

Le argomentazioni della Guyana

La Guyana intende convalidare la frode che è stata consumata nel lodo arbitrale di Parigi del 1899, intende convalidarla, ma è insolito che una frode possa generare un diritto. Questo è insolito nel mondo giuridico, nel mondo del diritto internazionale, una frode non può generare un diritto. Le pretese della Guyana sono davvero barbare, scortesi, inspiegabili, e la più recente è la violazione che stanno facendo nel mare; è lo scandalo più recente, e ne abbiamo anche parlato con i leader, le autorità di tutti i Caraibi, che è quello di disporre, dare concessioni di un mare che è in attesa di essere delimitato perché quel mare non è ancora stato delimitato tra il Venezuela e la Guyana, che è quello che corrisponderebbe una volta risolta la controversia terrestre.

Rofriguez ha affermato che "se ci fosse tanta certezza sul Lodo, non esisterebbe l'Accordo di Ginevra del 1966, che è dell'anno 1962, quando il Ministro degli Esteri Falcón Briceño di allora dice nella Quarta Commissione delle Nazioni Unite 'è stata commessa una frode contro il Venezuela', una frode in una sentenza arbitrale dove, inoltre, il Venezuela non ha partecipato. Il tribunale arbitrale era composto da due inglesi, due statunitensi e un rappresentante della Russia zarista; il Venezuela non ha mai partecipato alla sentenza, né ha partecipato al Trattato di Washington del 1897, che era il vero accordo politico, come ha spiegato molto bene il Presidente. Era l'accordo politico tra gli Stati Uniti e il Regno di Gran Bretagna per togliere il territorio al Venezuela".

Ha fatto notare che il primo consenso ‘monroista’ è stato il 2 dicembre, "un giorno prima del nostro referendum consultivo, 200 anni di Dottrina Monroe". Espropriare il Venezuela, rubare il territorio del Venezuela è stato il primo consenso monroista con la Corona britannica".

Il Venezuela viveva una situazione interna molto debole a causa delle lotte interne. Il Venezuela stava attraversando un processo di reale vulnerabilità e chiedeva il sostegno della comunità internazionale, ma è lì che gli imperi hanno trovato il momento migliore per prendere il sopravvento.

Un secolo dopo, nel 2015, il decreto di Obama istituzionalizza uno dei periodi più aggressivi contro la nostra Repubblica che la nostra storia repubblicana abbia mai conosciuto, come il blocco illegittimo e illegale contro il Venezuela per ricreare situazioni di debolezza interna, perché in quello stesso anno la ExxonMobil annuncia una scoperta petrolifera di fama mondiale in quel territorio conteso.

Cambiamento di atteggiamento della Guyana nei confronti del Venezuela

La vicepresidente ha affermato che "nel 2014, stavamo assistendo a un processo di Buoni Uffici, il buon officiante muore, il Venezuela si rivolge al Segretario Generale delle Nazioni Unite nel 2015 con lettere esplicite sia da parte del Presidente Nicolás Maduro che, in quel momento, da parte del Ministero degli Esteri, dove si chiede di riprendere i Buoni Uffici e la Guyana in quel momento dice no, niente più Buoni Uffici. Curiosamente, questo coincide con la scoperta della ExxonMobil, ed ecco che nasce tutto questo processo che il Venezuela ha portato avanti con molta saggezza, con molta pazienza, insistendo sul fatto che l'Accordo di Ginevra è l'unico strumento che permetterà una soluzione pratica, come dice la natura dell'accordo, pratica e soddisfacente per entrambe le parti, non per una parte".

Ecco perché la natura e l'oggetto giuridico dell'Accordo di Ginevra sono in contraddizione con una sentenza della Corte internazionale di giustizia, perché la Corte internazionale di giustizia non fornirà una soluzione pratica e soddisfacente per entrambe le parti.

La Gran Bretagna dietro la Guyana, interessi politici

La Gran Bretagna, il Regno Unito, l'impero di allora, è stato il grande depredatore, saccheggiatore di territori in tutto il pianeta: Il caso delle Malvinas, il caso della Palestina, che è molto simile; come 18 anni dopo l'assegnazione fraudolenta del 1899, nel caso del Venezuela, è stata emessa la Dichiarazione Balfour, in cui la Gran Bretagna ha dato a Israele il territorio della Palestina e ci si rende conto di come l'espropriazione territoriale della Palestina sia andata avanti, molto simile ai processi che hanno avuto luogo nel territorio dell'Essequibo, nelle Malvinas e in altri territori del mondo.

Il Regno Unito ha espropriato territori e li ha dati a chi non gli appartenevano.

È una dottrina e questa dottrina è ancora attuale, perché se ci si rende conto degli interessi degli Stati Uniti in questo territorio in disputa e nel mare in attesa di delimitazione, ci si rende conto che gli interessi sono quelli degli Stati Uniti; e si sa che il Trattato di Washington del 1897, che è stato il grande consenso politico per espropriare il Venezuela, che si è consumato nella sentenza fraudolenta del 1899.

Allo stesso modo, gli interessi energetici che sono presenti, principalmente, sia nel territorio conteso che nel mare da delimitare, sono interessi statunitensi e principalmente occidentali. Siamo davvero in presenza di una guerra globale per le risorse energetiche.

La Corte Internazionale di Giustizia non ha giurisdizione sul governo del Venezuela

Sin dalla fondazione della Corte Internazionale di Giustizia, la posizione del Venezuela è stata molto chiara nel non riconoscere la giurisdizione obbligatoria della Corte. Solo 70 paesi al mondo riconoscono la giurisdizione obbligatoria, cioè riconoscono la giurisdizione automatica della Corte Internazionale di Giustizia per risolvere questioni di interesse internazionale.

In questo caso, il Venezuela non ha mai riconosciuto la giurisdizione obbligatoria e non l’ha riconosciuta proprio perché avevamo il precedente del Lodo fraudolento del 1899 e di questa controversia. L’unico modo in cui il Venezuela potrebbe presenziare alla Corte è quando esprime la sua volontà di partecipare; e anche l'Accordo di Ginevra è molto importante perché presuppone che entrambe le parti debbano concordare le modalità di risoluzione della controversia. Tanto che ogni volta che si voleva nominare un buon officiante, sia la Guyana che il Venezuela dovevano manifestare la volontà di mettersi d'accordo, e l'ultimo evento, che è stato l'attuale Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, è che il rappresentante personale che egli nomina prima di adire la Corte Internazionale, in violazione dell'Accordo di Ginevra, è stato nominato con il consenso e la manifestazione di volontà di entrambe le parti.

Il Venezuela non può essere costretto ad una soluzione che non abbia espresso la sua volontà, quindi questa è una posizione storica nel non riconoscere la giurisdizione obbligatoria della Corte internazionale di giustizia, ed è per questo che fa parte di uno dei quesiti del referendum.

A Georgetown abbiamo visto di recente una foto del presidente Irfaan Ali nella zona che il Venezuela rivendica come propria ed è molto vicina al limite o alla linea di fatto, perché non può essere chiamata linea di confine perché non è stabilita come tale, e lo abbiamo visto vestito da militare. Intanto qui in Venezuela abbiamo visto il ministro della Difesa vestito da militare, perché lui è il ministro della Difesa, ma con in mano il volantino del referendum consultivo, la mappa completa.

Bersaglio e vittima nella disputa territoriale

Rodriguez ha detto che "è molto chiaro al mondo chi è la vittima qui, nel senso che il Venezuela è stato vittima del governo degli Stati Uniti direttamente; nel 2015, inoltre, il decreto di Obama. Nel 2015 c'è un decreto che pone le basi per il blocco criminale e illegittimo contro il Venezuela; lì si inizia a vedere il processo e si vede anche un processo in Guyana, dove il suo presidente inizia ad avere atteggiamenti molto aggressivi verso il Venezuela. Non possiamo dimenticare quando (David) Granger, nel 2015, uno dei presidenti più anti-venezuelani che la Guyana abbia mai avuto, ha persino dichiarato che Simon Bolivar è la spina nella gola della Guyana. Queste autorità diventano agenti della ExxonMobil".

Ha aggiunto che "quando decidono di andare in tribunale, è perché la ExxonMobil ordina loro di andare in tribunale. Non dimentichiamo che la ExxonMobil ha pagato gli avvocati per la difesa della Guyana presso la Corte internazionale di giustizia. Quando eravamo lì, proprio perché si stava svolgendo un'udienza, sono arrivati con aerei della ExxonMobil, pagati dalla ExxonMobil. C'è una strumentalizzazione della Guyana da parte della ExxonMobil, e le sue autorità lavorano come dipendenti della ExxonMobil".

La decisione del Presidente della Guyana e del suo Parlamento di non andare ai negoziati, di non voler dialogare, fa parte di un copione di provocazione contro il Venezuela, quello che abbiamo chiamato "i tamburi di guerra", e il nostro Ministro della Difesa ha promosso il referendum consultivo del popolo venezuelano, che è un diritto costituzionale, del nostro ordinamento costituzionale, in cui i venezuelani hanno il diritto di essere consultati su questioni essenziali della vita nazionale.

Tentativo di fermare il referendum consultivo da parte della Guyana, della Corte internazionale di giustizia e del governo statunitense

Questa richiesta di misure provvisorie per fermare il referendum consultivo in Venezuela è una delle più tremende grida di disperazione che abbiamo visto da parte della Guyana. Sono davvero disperati perché non hanno alcun motivo, la Corte internazionale di giustizia non può interferire negli affari interni del Venezuela, nell'ordine interno del Venezuela, nell'ordine costituzionale del Venezuela.

Stanno davvero mostrando molta disperazione pretendendo che la Corte possa fermare un referendum consultivo in cui il Parlamento venezuelano, l'Assemblea nazionale venezuelana, ha deciso, approvato all'unanimità, di convocare e consultare il nostro popolo. Poi si sono rivolti al Potere Elettorale, è stata fissata una data, il 3 dicembre, per la consultazione del nostro popolo. Come può una Corte internazionale di giustizia venire a fermare un referendum consultivo in Venezuela? Questo non ha alcuna base legale o giuridica. Questo dimostra non solo la disperazione della Guyana, ma anche che la Guyana è diventata un vero e proprio conclave colonialista, un conclave imperialista di coloro che sono suoi alleati. Chi sono gli alleati della Guyana? Perché si dichiara vittima, ma chi sono gli alleati della Guyana? Con chi la Guyana svolge esercitazioni militari congiunte in questa regione che minaccia il Venezuela? Niente di più e niente di meno che con il Comando Sud degli Stati Uniti.

Chi sostiene la Guyana? Dove sono andati a chiedere il blocco del referendum consultivo? All'Organizzazione degli Stati Americani, di cui il Venezuela non fa parte a causa della sua storia di colpi di Stato, assassinii, invasioni nella nostra America Latina e nei Caraibi. Quelli sono gli amici della Guyana, le grandi potenze sono amiche della Guyana e minacciano il Venezuela, perché ogni volta che fanno un'esercitazione militare congiunta con il Comando Sud, con il Pentagono, quello che dicono è "Venezuela"; cioè, c'è una minaccia aperta contro il Venezuela.

Il governo e l'opposizione condannano le accuse di illegittimità del referendum del 3 dicembre

Questa è una questione di dimensione nazionale, non è una questione del Governo Bolivariano del Venezuela, uno Stato-nazione, dove inoltre gli accordi di Barbados sono firmati da tutti i fattori politici, Governo e opposizione, assumono questa questione come una questione di unità nazionale, che è la difesa del territorio dell'Essequibo. C'è un consenso nazionale e di tutto il Paese, e quindi l'importanza, la rilevanza, di tenere il referendum questo 3 dicembre. Tutto il Paese è impegnato in questa situazione.

È una causa comune, naturalmente, e l'opposizione, abbiamo visto le dichiarazioni, ad esempio, di Gerardo Blyde, su quello che è stato il pronunciamento di Almagro. È davvero un peccato perché Luis Almagro non smette mai di rendersi ridicolo, diciamo che non perde occasione per dimostrare la sua ignoranza perché ignora completamente la storia della nostra America Latina e dei Caraibi, non la conosce, e ogni volta che parla lo dimostra.

Non solo non perde mai l'occasione di mostrare la sua ignoranza, ma non perde nemmeno l'occasione di dire ai suoi padroni, il governo degli Stati Uniti a Washington, "guardate, eccomi, sono un buon impiegato", come gli abbiamo detto una volta all'OSA, è il miglior impiegato del mese da McDonald's, perché cerca sempre di capire come ingraziarsi il suo padrone.

La posizione del Venezuela dopo il referendum

La nostra Costituzione è molto chiara, la sovranità risiede nel popolo e il popolo ha anche il diritto, è scritto nell'articolo 71 della nostra Costituzione, di partecipare a un referendum consultivo per affrontare questioni essenziali della vita nazionale, il protagonismo, e qui stiamo parlando dell'integrità territoriale del Venezuela. Non stiamo parlando di qualsiasi cosa, è l'integrità territoriale che viene consultata dal popolo venezuelano.

Il risultato di questa consultazione sarà un mandato per lo Stato venezuelano, per le Forze Armate Nazionali Bolivariane, per tutte le istituzioni dello Stato venezuelano.

È un referendum per consultare il popolo venezuelano, per vedere cosa pensa il popolo venezuelano di queste cinque domande. Quando Genaro chiede, cosa può fare il Messico? Dobbiamo unire le nostre voci per difendere la nostra America Latina e i Caraibi come territorio di pace, perché c'è davvero una minaccia da parte di potenti transnazionali, del governo degli Stati Uniti, della Guyana che stanno minacciando. Non è il Venezuela a minacciare.

C'è un sacco di denaro dietro la campagna della Guyana che li vede poveri piccoli, vittime; non sono vittime nel mondo. I loro amici non sono le persone che vengono massacrate.

Exxonmobil o il governo degli Stati Uniti

La vicepresidente del Venezuela ha denunciato la ExxonMobil, che paga per la difesa davanti alla Corte internazionale di giustizia; il Pentagono e il Comando Sud, che svolge esercitazioni contro il Venezuela insieme alla Guyana. È una posizione imperialista, che riproduce quei metodi colonialisti contro il Venezuela, minacciando questa regione.

L'appello è che la nostra regione, i Paesi della nostra regione alzino la voce e chiedano una soluzione negoziata. È molto grave che la Guyana dica che non intende dialogare, è molto grave che dica che non intende negoziare. Cosa pensa la Guyana? Quando sanno benissimo che la Corte internazionale di giustizia, la richiesta unilaterale che hanno presentato, è contraria al Venezuela dal punto di vista legale e nega la manifestazione di volontà del Venezuela. Sono andati senza il consenso del Venezuela e avrebbero dovuto avere il consenso del Venezuela perché questo è ciò che prevede l'Accordo di Ginevra.

Per chi sta lavorando la Guyana?

Queste sono proposte che sono state presentate anche al momento dei negoziati con la Guyana, ma la domanda è: chi beneficia dello sfruttamento di queste risorse naturali?

Se si analizzano i dati in Guyana, si inizia ad avere entrate dalla produzione e dallo sfruttamento del petrolio dal 2019, 2020, 2021, 2021, 2022, 2023. L'impatto sociale che queste entrate hanno avuto è stato nullo negli indicatori sociali della Guyana; lo dimostrano gli indicatori di uguaglianza, gli indicatori di sviluppo umano, che sono gli stessi del 2015 e, soprattutto, nelle province, nell'interno della Guyana, la povertà estrema è dilagante. Ci si rende conto, e lo abbiamo dimostrato, che il regime fiscale petrolifero della Guyana va a vantaggio delle grandi transnazionali, due terzi dei dividendi vanno alle grandi transnazionali.

Se si confronta il regime fiscale petrolifero della Guyana e quello del Venezuela, il regime fiscale del Venezuela è molto più nobile per il nostro popolo in termini di benefici rispetto a quello della Guyana. Un esempio concreto: le royalties pagate alla Guyana, l'1 o il 2 per cento; le royalties al Venezuela, il 30 per cento; c'è una netta differenza. Quindi per chi sta lavorando la Guyana? Perché la Guyana sta andando a minacciare il Venezuela con gli Stati Uniti? È per il suo popolo? No.

Queste proposte sono apparse in diversi momenti del negoziato, ma la Guyana aveva già molto chiaro il suo obiettivo. La Guyana era molto chiara sul fatto che il suo obiettivo era quello di favorire le grandi transnazionali e non lo sviluppo dei popoli, né della Guyana, né del Venezuela, né dei popoli dei Caraibi.

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti