Due facce dello stesso liberismo: il governo dei padroni semplificato

Due facce dello stesso liberismo: il governo dei padroni semplificato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giorgio Cremaschi

Se il solo sviluppo possibile del paese è affidarsi alle imprese private e alle grandi opere. Se il solo modo nel quale imprese e affari possano svilupparsi è se liberati dai controlli e dalle leggi. Se il solo modo per creare posti di lavoro è che chi assume possa licenziare quando vuole. Se il reddito di cittadinanza, la cassa integrazione, l’abbassamento dell’età pensionabile sono solo assistenzialismo e privilegi, che sottraggono soldi allo sviluppo. Se mettere la salute delle persone e l’ambiente prima degli affari è ideologia che ferma l’economia. Se il solo modo di avere istruzione è finanziare la scuola privata. Se il solo modo di sostenere la spesa pubblica è farsi prestare soldi dalla UE in cambio di riforme liberiste. Se è impossibile tassare i ricchi e la ricchezza, perché scapperebbero all’estero e però bisognerebbe comunque ridurre le tasse. 

Se tutti questi presupposti fossero  veri, allora avrebbero ragione Salvini e Meloni a dire che il decreto semplificazioni, quello rilancio, la politica economica del governo sono insufficienti. Avrebbero ragione Bonomi e confindustrie varie a a sostenere che il governo non ha coraggio. Se i se sui quali si sono affermati quasi quarant’anni di politiche economiche e sociali liberiste fossero ancora validi, nonostante il loro clamoroso fallimento in Italia e nel mondo, allora avrebbero ragione le destre politiche ed economiche a pretendere molto di più dal governo. 

Se invece, proprio per il fallimento delle politiche liberiste che il Covid ha accelerato ed ingigantito, fosse necessario seguire politiche opposte ad esse, fondate sul pubblico, sull’eguaglianza sociale e la redistribuzione della ricchezza, sul risanamento dell’ambiente e sulla qualità della vita. Se fosse necessario mandare in soffitta il mantra impresa, privato, mercato che ci ha portato al disastro attuale, allora i padroni e la destra reazionaria avrebbero solo torto marcio ed il governo dovrebbe smetterla di inseguirli nelle loro follie. 

Invece Conte, Di Maio, Zingaretti, Fratoianni, lasciamo perdere Renzi che della destra reazionaria è parte organica, fanno solo una politica di destra un poco frenata e un poco più ipocrita. Fanno provvedimenti che aumentano la libertà d’impresa ai danni dei diritti del lavoro e dell’ambiente, ma non nella dimensione che che padroni e destra vorrebbero.

  Come quando chiudono i porti ai migranti, poi li aprono poi li richiudono vergognandosi di entrambe le scelte.

Così la destra vera ha buon gioco a dimostrare che la sinistra finta è incapace di fare le politiche di destra che sarebbero necessarie. È il governo che fa campagna elettorale per Salvini e Meloni, mentre copia Berlusconi. 

Fino a che il campo della politica sarà occupato da due facce dello stesso liberismo, il solo governo stabile sarà quello dei padroni, più o meno semplificato, quale che sia la coalizione che detenga la presidenza del consiglio.
 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti