World Affairs/Ecco come il Caesar Act degli USA priva i siriani di cure e medic...

Ecco come il Caesar Act degli USA priva i siriani di cure e medicine durante l'emergenza Covid-19

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il cosiddetto "Caesar Act" costituisce un nuovo capitolo dell'aggressione contro il popolo siriano in quanto minaccia settori vitali come l'agricoltura, l'industria e l'economia; e forse il suo più grande effetto negativo è sul settore sanitario all'ombra della diffusione del coronavirus nel mondo in cui vengono fatti sforzi per affrontarlo mentre i siriani sono privati ??di medicine e accessori per trattamenti medici.

 
I giornalisti dell'agenzia SANA hanno osservato gli effetti di questa legge sul settore sanitario attraverso le opinioni del personale medico dell'Ospedale al-Razi di Aleppo, che è uno dei più importanti ospedali che hanno continuato a fornire servizi medici gratuiti e cure ai cittadini. durante gli anni della guerra.
 
La dott.ssa Maen Daba, direttore dell'ospedale, ha spiegato che l'applicazione del 'Caesar Act' ha un impatto negativo sul popolo siriano e gli effetti saranno visibili in seguito poiché le attuali attrezzature mediche richiederanno pezzi di ricambio, manutenzione e forniture mediche che non saranno in grado di essere importato a causa di tale legge.
 
Daba ha osservato che la farmacia dell'ospedale ha iniziato a soffrire degli effetti e della mancanza di farmaci importati, in particolare di antibiotici, poiché alcune aziende hanno ritirato le licenze concesse alle fabbriche di medicinali per paura di detta legge.
 
La dott.ssa Saadalah Kayali, presidente del Dipartimento di Chirurgia dell'Ospedale al-Razi, ha sottolineato che le misure economiche coercitive imposte al popolo siriano hanno creato difficoltà per l'importazione di attrezzature mediche poiché alcune società straniere con contratto si astengono dal fornire tali materiali.
 
Nel dipartimento di radiografia, il tecnico Sharif Kayali ha ricordato che il dispositivo radiografico computerizzato era utilizzato per servire più di 40 pazienti ogni giorno ed è ora fuori servizio a causa dell'impossibilità di importare i pezzi di ricambio dal produttore straniero.
 
Il tecnico Ahmad Trab, capo del laboratorio, ha spiegato che le sostanze necessarie per eseguire le analisi vengono importate dall'estero, il che è estremamente difficile oggi perché le società straniere si astengono dal trattare con il settore medico siriano.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa